Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Coronavirus, ANFIA: «Tempesta perfetta»

Il direttore Gianmarco Giorda: «Necessaria una politica di incentivi rapidi ed efficaci per scongiurare pericoli»

Versione stampabile

Una nuova voce si aggiunge a quelle già ascoltate da siderweb tra le associazioni di categoria nel quadro di un sondaggio tendente a cercare di comprendere come viene affrontata l’emergenza-coronavirus, quali sono le conseguenze con le quali ci si è dovuti confrontare e quali sono le aspettative per il futuro.

Oggi a rispondere è Gianmarco Giorda, direttore di ANFIA, l’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica che, con più di 300 aziende associate, è senza dubbio una realtà in grado di avere “il polso” di un settore, quello dell’automotive e delle imprese ad esso collegate.

Il quadro che dipinge Giorda è decisamente a tinte fosche: «Possiamo purtroppo parlare di tempesta perfetta. La pandemia ha infatti avuto un effetto devastante sull’intera filiera dell’automotive, che peraltro è reduce da 20 mesi di decrescita costante, determinando un pesante calo produttivo. Ma a preoccupare, proprio ora che ci si sta organizzando per la possibile ripartenza, è che molto probabilmente si dovrà far fronte ad un calo della domanda, causato dalle ridotte possibilità economiche di famiglie ed imprese».

Il direttore di ANFIA, peraltro, vede dei rischi anche sul fronte industriale e della distribuzione: «Non mi sento di escludere che potremmo assistere a fenomeni di acquisizione da parte di soggetti grandi che, forti di una liquidità propria, potranno tentare di fagocitare realtà più deboli e il nostro Paese potrebbe esserne interessato, con la filiera che rischia di essere depauperata».

Altro tema non trascurabile è quello collegato «ai diversi atteggiamenti che si registrano nei vari Paesi. Pensiamo a cosa accadrebbe se all’estero si decidesse di rimettere in marcia la rete di produzione delle auto e mancasse la componentistica italiana perché qui da noi gli impianti fossero fermi. Le aziende potrebbero essere portate a rivolgersi altrove». Ma non c’è solo questo.

«Perché un fenomeno a mio parere trascurato – dice Gianmarco Giorda – è quello che, in seguito a fermate e ripartenze “a macchia di leopardo”, si potrebbe determinare all’interno delle diverse multinazionali che, se i diversi Paesi non adotteranno strategie condivise, potrebbero essere portate a puntare con decisione sulle proprie sedi localizzate ove si deciderà di riavviare prima gli impianti e spostare lì delle produzioni che, poi, potrebbe essere difficile riportare nei siti di origine, con conseguenze pesanti  e facilmente immaginabili per un settore che, lo ricordo, in Italia ha oltre 270mila addetti solo nella produzione».

E questo ci porta ad esaminare le strategie adottate dal governo italiano: «In questa fase registriamo una sorta di “assalto alla diligenza”, dove tutti chiedono tutto – premette il direttore di ANFIA e questo complica una situazione già difficile di suo. Perché pur in presenza di un’interessante disponibilità dell’esecutivo, che sta indubbiamente mettendo in campo un potente strumento di finanziamento, quello che dovrà essere fatto sarà, anche e soprattutto, combattere il grande male italiano che è quello della burocrazia. Perché, tanto per parlar chiaro, le aziende dovranno poter contare subito sui soldi messi a disposizione, altrimenti sarà impossibile mettere mano a progetti specifici».

Tra i quali, secondo Giorda, ci dovrebbe essere «per iniziare, la possibilità di trasformare le perdite che si registreranno in crediti d’imposta, la deducibilità delle spese affrontate per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale (i Dpi; ndr) e la decurtazione dell’Imu per il periodo nel quale i capannoni industriali risultano inutilizzati», per poi pensare al dopo «con la revisione delle imposte relative alle spese per ricerca e sviluppo, che saranno indispensabili, o immaginare un credito di imposta per chi lavora all’implementazione di nuove idee».

Senza dimenticare che «proprio pensando alle ridotte capacità di spesa di imprese a famiglie, sarebbero opportune misure di incentivo per l’acquisto di veicoli industriali ed autovetture, ampliando al massimo il perimetro dei mezzi ammessi e, magari, pensare alla riproposizione del superammortamento, che aveva dato buoni risultati».

E in tutto questo, cosa si prospetta per l’auto elettrica? «Il futuro, stanti anche i costi oggettivamente elevati per il suo acquisto, non appare roseo e, anche in questo caso, decisivo sarà l’atteggiamento del governo, che se davvero è intenzionato a favorirne la diffusione, dovrà inviare segnali chiari: penso ad incentivi concreti all’acquisto, ma anche all’ampliamento dell’infrastruttura di rete che, se ci pensa, potrebbe rappresentare ossigeno puro per le imprese italiane che dovranno occuparsene».

Ultimo, ma non ultimo, un tema che è stato posto è quello relativo a come potrebbe cambiare, nell’Italia post Covid-19, la catena degli approvvigionamenti: «Si potrebbe, forse si dovrebbe – dice Gianmarco Giorda – pensare a strategie che incoraggino una “componentistica a chilometro zero” e magari puntare al reshoring, spingere a tornare in Italia le imprese che hanno deciso di spostare altrove le produzioni. Questo potrebbe essere un effetto positivo di una tragedia che non dimenticheremo facilmente».


Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Verso il futuro: acciaio e innovazione

Il viaggio di siderweb per verificare l’impatto delle soluzioni tecnologiche innovative sulle produzioni

ARTICOLI SIMILI

7 maggio 2020

Coronavirus. ANFIA: «Le nostre idee per la fase 2»

Il direttore Gianmarco Giorda spiega a siderweb la posizione delle aziende della filiera automotive

di Marco Torricelli

5 maggio 2020

“PANorami”: fase due, cruciale la mobilità

L’appuntamento con l’attualità nella video-rubrica curata da Massimiliano Panarari

di Elisa Bonomelli

30 aprile 2020

Coronavirus: crolla il mercato degli autocarri

«A marzo - certifica ANFIA - ne sono stati immatricolati il 33,5% in meno rispetto al 2019»

di Marco Torricelli

17 aprile 2020

Coronavirus, Ance: «Riaprire subito i cantieri»

Gabriele Buia, presidente dell’Associazione nazionale costruttori edili: «Prevediamo perdita minima del 10%»

di Marco Torricelli

17 aprile 2020

Coronavirus: automotive a -55,1% in Europa

Il drammatico consuntivo viene da Acea che indica l’Italia (-85,4%) come il mercato più penalizzato

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale duemilae20

La cronaca siderurgica e le analisi su prezzi, domanda e produzione.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Acciaio: RICREA a scuola per promuovere il riciclo
A cura di Marco Torricelli

Acciaio: RICREA a scuola per promuovere il riciclo

Al via l’ottava edizione del progetto educativo “Ambarabà Ricicloclò”: quest’anno coinvolto anche l’estero

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali