Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

L'editoriale di Emanuele Morandi

2016: sviluppo o declino?

Versione stampabile

Più volte abbiamo ripetuto che il mondo dell'acciaio, spina dorsale del manifatturiero e metafora dell'Italia, è arrivato ad un bivio dove esistono solo due opzioni: sviluppo o declino.

E crediamo fortemente, supportati da evidenze empiriche, che l'industria manifatturiera sia il centro pulsante dell'economia, unico motore per una crescita solida, sostenibile e duratura (ogni nuovo posto di lavoro creato nell'industria genera da due a cinque posti di lavoro in altri settori, secondo i dati pubblicati dalla Brooking Institution).

Quindi l'acciaio (e l'ILVA) sono indispensabili alla competitività del sistema manifatturiero italiano.

Ma per cercare di ritrovare il bandolo della matassa nel groviglio che si è creato dobbiamo ripartire da due riflessioni fondamentali.

La prima è che la filiera dell'acciaio sta rispondendo ancora con troppa lentezza ai grandi cambiamenti degli ultimi decenni. Un primo indicatore significativo è rappresentato dalle spese in Ricerca e Sviluppo in percentuale del PIL: a fronte di un 3,5% del Giappone, di un 2,7% degli USA e di una media OCSE del 2,4%, l'Italia investe appena l'1,3%. Ma è la siderurgia, con un modestissimo 0,6%, ad indicare quanto spazio esista ancora per innovazioni di prodotto, di processo e strategiche. È vero che esiste un paradosso tutto italiano che consiste nel fatto che spesso gli investimenti in R&S non compaiono in voci specifiche di bilancio, (tanto che l'Ufficio Studi della Banca d'Italia ha creato il termine di "Innovatori senza ricerca" nel pessimistico quaderno dal titolo "Il gap innovativo del sistema produttivo italiano: radici e possibili rimedi") ma è anche vero che i trasferimenti di conoscenza e di saperi tra le Università/Centri di Ricerca e le imprese siderurgiche sono ancora molto bassi.

La seconda riflessione riguarda il futuro dell'acciaio all'interno delle economie avanzate. In «Industria e acciaio 2030» (studio presentato a maggio 2015 durante Made in Steel) abbiamo delineato i principali trend che caratterizzeranno i prossimi decenni.

Per una politica industriale che si rispetti, ma anche solo per il piano industriale di una qualsiasi azienda (a partire da quello dell'ILVA), dovremmo partire proprio da qui, chiedendoci come vivremo, in quali case, quali mezzi di trasporto utilizzerremo, quali infrastrutture ecc., adeguando quindi quantità e qualità di acciaio ai bisogni ed ai consumi non solo attuali ma anche a quelli che prevediamo possano essere.

Una politica industriale innovativa non come rimedio ai fallimenti del mercato, ma come strumento per favorire e determinare i cambiamenti strutturali - in particolare di natura tecnologica - dei mercati e dei bisogni di cittadini sempre più attenti ad uno sviluppo sostenibile.

Buon 2016!

ARTICOLI CORRELATI

2 novembre 2015

L'editoriale di Emanuele Morandi

Gli Stati Generali dell'Acciaio, ovvero «Ritorno al futuro»

di

24 agosto 2015

L'editoriale di Emanuele Morandi

Si ricomincia…

di

23 luglio 2015

L'editoriale di Emanuele Morandi

È possibile, in Italia, superare il pregiudizio anti impresa?

di

19 maggio 2015

L'editoriale

Il libro “Industria e Acciaio 2030” allo stand Siderweb

di Fabio Rocca

4 maggio 2015

L'editoriale

Expo e Made in Steel: oggi comincia il nostro domani!

di

16 aprile 2015

L'editoriale di Emanuele Morandi

Un premio a chi trova l’errore

di

23 marzo 2015

L’editoriale di Emanuele Morandi

Fabio Fazio, Gozzi e l’acciaio

di

17 febbraio 2015

L’editoriale di Emanuele Morandi

L’equazione per guardare al futuro: Carta di Milano : Expo = Industria e Acciaio 2030 : Made in Steel

di

3 febbraio 2015

L'editoriale di Emanuele Morandi

Industria & Acciaio 2030: lavori in corso!

di

18 agosto 2014

L'editoriale di Emanuele Morandi

Agosto: le idee non vanno in vacanza

di

26 giugno 2014

L'editoriale di Emanuele Morandi

I mondiali di calcio e i tre tavoli

di

22 maggio 2014

L'editoriale di Emanuele Morandi

Industria & Acciaio 2030: l’arte di far accadere cose nuove

di

27 febbraio 2014

«L'editoriale di Siderweb»

Quanti anni avremo nel 2030?

di
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

25 maggio 2020

JSW Steel: si riducono i risultati

Ebitda negativo per la controllata italiana del gruppo

di Stefano Ferrari

25 maggio 2020

Ex Ilva: piano industriale tra 10 giorni

Per i rappresentanti dei lavoratori il tempo è scaduto, servono interventi urgenti.

di Davide Lorenzini

25 maggio 2020

Piani in inox: boom dell’import

Volano gli arrivi dall’Unione europea

di Stefano Ferrari

25 maggio 2020

Acciaio inox. Cina: mega investimento di Taishan

Sarà realizzato un impianto – con un impegno di 13 miliardi di euro – per ampliare l’offerta sul mercato

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

La fase 2 dell'acciaio

I contributi degli analisti di siderweb su lockdown, previsioni e attese per la siderurgia nella fase 2

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid
A cura di Davide Lorenzini

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid

Fusari, direttore RICREA: «Vissuti due mesi di tensione ma il sistema ha tenuto. Nel 2019 riciclo oltre l'80%»

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali