Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Coronavirus: l’Emilia Romagna riparte piano

Le aziende fanno i conti con pesanti riduzioni di volumi e sono alle prese con l’aumento degli insoluti

Versione stampabile

Si fa presto a dire “Fase 2”. Perché, quando vai a parlare con chi ci si sta confrontando in prima persona, scopri che non è tutto rose e fiori, ma che di spine ce ne sono fin troppe ed il rischio di farsi male è ancora alto. Molto alto. Soprattutto perché la “Fase 1” ha fatto danni seri.

Per spiegare quanto sia altro il prezzo pagato dalla Siderpighi di Pontenure (PC), l’amministratore delegato Francesco Pighi utilizza due numeri: «Il primo trimestre dell’anno lo abbiamo chiuso con un -47% che, proiettato sull’intero 2020, potrebbe tradursi in un -25% e credo che tanto basti per dare l’idea di quale sia stato l’impatto del Covid-19».

La “fase 2”, dice Pighi, «non ha ancora, e non era certo possibile, portato novità di rilievo. Qualche piccolo segnale lo abbiamo registrato, ma, visto soprattutto che i prezzi all’origine non sono certo diminuiti, è ancora presto per poter parlare di ripresa. Piuttosto – segnala – abbiamo ricevuto molte richieste di dilazione dei pagamenti da parte dei clienti».

Soprattutto, dice, «da parte dei titolari di imprese piccole e poco organizzate per far fronte a situazioni come quelle che si sono presentate in questa fase e che ci costringono, di fatto, a fare loro da banca. Mettendoci però in difficoltà».

E questo lo porta a fare una considerazione sul «mercato assicurativo del credito, che a mio parere è inadeguato e sul quale come azienda stiamo facendo delle serie riflessioni». Perché, spiega l’ad di Siderpighi, «a mio avviso le strategie adottate dalle compagnie assicuratrici stanno portando ad una perdita di appeal dei prodotti che offrono».

E spiega perché: «Se ci garantiscono una copertura del 60% delle somme che dovremmo incassare, la cosa ha un senso, ma se la copertura scende sotto il 40%, come accade ora, trovo ingiustificato pagare fino a 70mila euro l’anno per non correre dei rischi ai quali posso far fronte ricorrendo ad un plafond interno».

Insoluti in «deciso aumento», racconta Eric Mattioli, anche alla Interacciai di Reggio Emilia: «Sarà il tema dominante dei prossimi mesi – spiega – perché se ne registra un numero preoccupante la ripartenza lenta alla quale stiamo assistendo non autorizza certo a prevedere un’inversione di tendenza».

E questo, «se lo registriamo noi, che abbiamo clienti che hanno praticamente lavorato sempre, credo che sarà un problema ancora più serio per chi deve confrontarsi con chi, invece, si sta rimettendo in marcia solo ora».

Secondo quanto registrato dalla Interacciai «più che di voglia di ripartire si deve parlare di necessità assoluta di farlo, altrimenti per molti non ci sarebbero prospettive, ma questo determina un sentiment tutt’altro che favorevole»

Per Mattioli «il mercato si sta infatti muovendo molto lentamente ed è difficile da interpretare, ma di sicuro per il riallineamento saranno necessari tempi lunghi», tanto che arriva a dire che «io ho previsto tre scenari diversi e nessuno è a lieto fine. Il migliore, se così possiamo dire, prevede che se la filiera sarà a buon punto per l’estate e se non ci saranno fermate lunghe, spero che riusciremo a chiudere l’anno con un calo dei volumi del 20-30% rispetto all’anno scorso».

Altri numeri preoccupanti sono quelli che offre Marco Gatti, che guida lo Steel Group di Sarmato (PC): «Pur ricordando che il 2019 è stato un anno ottimo, a marzo abbiamo registrato un -56% rispetto all’anno scorso, mentre ad aprile ci siamo fermati a -35%. Credo sia chiaro cosa sia stato e cosa sia il Covid-19 per noi».

E per spiegarsi meglio dice che «di fatto Steel Group ha perso un mese di attività, perché nei due che ho indicato abbiamo messo insieme i volumi che normalmente totalizziamo in uno».

La ripartenza, dice Gatti, «fino ad ora è stata caratterizzata da grande lentezza e noi siamo sui numeri di aprile, anche se gli ordini già acquisiti sono stati confermati. Per avere un’idea sulla tendenza, però. Dovremo aspettare almeno la fine della prossima settimana».

Un problema in meno, rispetto agli altri operatori ascoltati da siderweb, per Steel Group è quello degli insoluti: «Sinceramente non ne abbiamo dovuti registrare un numero tale da creare preoccupazioni. Sinceramente temevamo peggio».

Decisiva «per provare a salvare il 2020 – dice Marco Gatti – potrebbe essere l’estate, perché nel caso si decida di non interrompere le produzioni e quindi la distribuzione, credo che si possano fare numeri in grado permetterci di recuperare il tempo perso».

Gatti, però, inserisce nella chiacchierata anche un paio di elementi positivi: «Ad aprile – spiega – il relativo contenimento del dato negativo di Steel Group è stato determinato da un ottimo 56% ottenuto dall’export e che ci incoraggia a puntare con decisione sui mercati oltre confine» e poi conclude con autentico inno all’ottimismo: «Se siamo riusciti a sopravvivere alla crisi del 2009, sono certo che riusciremo a superare anche questa».

Anche alla Carboni di Correggio (RE) si spera, come spiega Daniele Carboni, «in una decisione che porti a tenere aperte le aziende anche in agosto ed al traino del settore automotive che anche noi potremmo sfruttare», perché «di sicuro noi con il lockdown abbiamo perso l’equivalente di due mesi di attività e sarà impossibile recuperarli entro la fine dell’anno».

Tenendo presente che alla Carboni «dobbiamo confrontarci con l’aumento degli insoluti e delle richieste di posticipazione dei pagamenti. Se l’incidenza media – dice Daniele Carboni – era compresa tra il 4 e il 5%, ora registriamo un raddoppio e se questo fenomeno dovesse proseguire anche nei prossimi mesi, rischierebbe di mettere in discussione equilibri già instabili di loro».

E anche lui segnala il «malumore che cresce per le decisioni prese dalle compagnie di assicurazione, che hanno scelto di operare dei tagli sulle coperture, con il rischio di generare una spirale negativa che potrebbe interessare l’intera filiera».

Quanto alle misure messe in campo dal governo, Carboni usa una metafora interessante: «È stato come usare un’aspirina per curare una malattia grave» e spiega che «il complesso delle norme messe in campo non ha fatto altro che rendere ancora più farraginose delle procedure che la tipica burocrazia italiana complicava già molto di suo».

ARTICOLI CORRELATI

26 giugno 2020

Coface: «Dopo il lockdown aumentano le insolvenze»

L’analisi della società di assicurazione del credito: «Automotive e metalli i settori più colpiti dalla crisi»

di Marco Torricelli

13 maggio 2020

Coronavirus. Bucciarelli: «Mercato ancora fermo»

Il titolare della Siderurgica Fiorentina non perde l’ottimismo: «Il virus ha fatto danni, ma li supereremo»

di Marco Torricelli

11 maggio 2020

Coronavirus: Invitalia rimborsa i Dpi alle aziende

Disponibili fino a 150 mila euro, ma bisogna fare in fretta: prenotazioni da fare entro questa settimana

di Marco Torricelli

11 maggio 2020

Coronavirus. Bruschi: «L’imperativo è resistere»

Alla Ferrotubi e Derivati «compensi ridotti per il management, perché i sacrifici vanno divisi tra tutti»

di Marco Torricelli

8 maggio 2020

Coronavirus come infortunio al lavoro? AIB reagisce

Il presidente Giuseppe Pasini: «Norma gravissima ed espressione di una politica anti-impresa»

di Marco Torricelli

8 maggio 2020

Il Coronavirus manda in rosso Nippon Steel

Il colosso giapponese ha chiuso il bilancio 2019 con una perdita pesante: anticipata la fermata di due altiforni

di Marco Torricelli

8 maggio 2020

Coronavirus. Ronconi: «Perso il 70% degli ordini»

Il presidente e Ceo Gian Luigi Cambiaghi: «Noi fermati, all’estero no. Serve un piano per le opere pubbliche»

di Marco Torricelli

8 maggio 2020

Persistono i ribassi di coils e lamiere

Si verifica l’atteso rimbalzo del rottame. Continua la stabilità dei lunghi. Lamiere inox sui minimi

di Achille Fornasini

6 maggio 2020

Coronavirus. Tuxor: «“Fase 2” va presa di petto»

Giuseppe Ferrero, che guida l’azienda torinese, non ha dubbi: «Sarà una scalata di sesto grado, ma ce la faremo»

di Marco Torricelli

5 maggio 2020

Il coronavirus manda in rosso i conti di FCA

Il gruppo conferma la ripresa delle produzioni di CNH: «Entro la fine del mese torneremo a regime»

di Marco Torricelli

5 maggio 2020

Webinar. Gozzi: «L'acciaio ha risorse per uscire dalla pandemia»

L’ad del gruppo Duferco all’evento online di siderweb: «La crisi si supera con concertazione e liquidità»

di Marco Torricelli

5 maggio 2020

Webinar: acciaio tra Usa, Cina ed Europa

Muzzi: «Anche post Covid l'Italia e l'Europa dovranno confrontarsi con il protezionismo americano e la crescita cinese»

di Davide Lorenzini

5 maggio 2020

Webinar: acciaio tra globalizzazione e reshoring

L’intervento di Gianfranco Tosini all’evento online sul tema, organizzato stamattina da siderweb

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

7 agosto 2020

Anche siderweb va in vacanza

Due settimane di pausa per la community italiana dell'acciaio. Appuntamento al 24 agosto

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Acciaio: fermate estive più corte nel 2020

Scende di oltre due giorni la media degli stop di produzione siderurgica italiana, che si assesta a 17,8 giorni

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Tutti i bilanci che raccontano il 2019 dell'acciaio

Scopri con l'analisi dell'Ufficio studi siderweb i risultati delle aziende della filiera siderurgica

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

siderweb TG: rotocalco

Tutti gli avvenimenti e i numeri principali dei primi sette mesi d'acciaio del 2020

di Elisa Bonomelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali