Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Mordeglia: «Acciaio green, evoluzione inevitabile»

Il presidente di Danieli Automation protagonista del webinar di siderweb con Luca Faralli e Francesco Fabris

Versione stampabile

Risparmio energetico nel processo siderurgico, certo, ma anche vantaggi ambientali: le innovazioni che sono ormai ben oltre la fase di sperimentazione, ma hanno raggiunto livelli di applicabilità elevati, sono stati tra i temi affrontati da Antonello Mordeglia, presidente di Danieli Automation, sollecitato dal direttore generale di siderweb Lucio Dall’Angelo, nel corso del webinar di stamattina “L’acciaio tra Green New Deal e innovazione”.

«Quello siderurgico – ha spiegato Mordeglia – è certamente un ambiente tecnologicamente avanzato, direi nel mondo e non certo solo in Italia, nel quale però non è facile proporre elementi innovativi come quelli rappresentati dai nostri Q-ONE e dal Q-JENIUS, focalizzati sull’ottimizzazione dell’uso di energia negli impianti».

Un ambiente, insomma, dove «convincere ad apportare delle modifiche molto importanti, anche quando se ne dimostra l’utilità in modo inequivocabile, è talvolta complicato», ma non per questo in Danieli Automation si rallenta lo sviluppo di queste tecnologie, anzi.

«In futuro – ha chiarito il presidente – fare ricorso a queste soluzioni sarà inevitabile ed il passaggio che porterà al loro utilizzo in maniera massiccia sarà irreversibile. Per questo il nostro lavoro prosegue con la stessa fiducia».

Un tema importante, affrontato con Antonello Mordeglia, è stato quello del possibile utilizzo futuro dell’idrogeno nei processi produttivi della filiera siderurgica: «La tecnologia c’è – ha spiegato – ed oggi il suo costo di produzione, vista la diminuzione di quello dei pannelli fotovoltaici, inizia ad essere abbastanza competitivo». Senza dimenticare che «con i costanti e rapidi progressi della tecnologia, presto lo si potrà abbassare ulteriormente, rendendolo sempre più appetibile».

Tanto che «il prezzo finale dell’acciaio prodotto non sarà lontano da quello attuale, ma le aziende dovranno considerare i vantaggi, anche economici, derivanti dal fatto che saranno in grado di ridurre in maniera drastica l’emissione di sostanze inquinanti».

Un passaggio, a questo proposito, ha riguardato la possibilità che anche in un sito di grandi dimensioni come quello di Taranto si possa arrivare all’uso di questa fonte energetica: «Quella è una realtà caratterizzata da un enorme fabbisogno energetico – ha detto Mordeglia – ed occorrerà un apparato di generazione di idrogeno di grandi dimensioni, ma lo si potrebbe realizzare per fasi e riuscire a fare in Italia un impianto interamente green sarebbe un risultato eccezionale ed un grande motivo di orgoglio».

Dei dettagli relativi alle tecnologie su cui sta lavorando Danieli Automation, hanno invece parlato Luca Faralli, responsabile Green Steel e Francesco Fabris, responsabile del Sistema di gestione di energia in impianto.

«Quelli che stiamo perfezionando – ha detto Faralli – sono sistemi di efficientamento e riduzione dei consumi nel processo produttivo dell’acciaio, ma anche finalizzati alla fornitura di energia a basso costo con una forte riduzione delle emissioni inquinanti, così da evitare, alle imprese che li utilizzano, di incorrere in quella carbon tax la cui introduzione ci aspettiamo a breve».

Parlando della tecnologia Q-ONE, il responsabile Green Steel di Danieli Automation ha spiegato che si tratta di «un impianto, posto al centro della rete energetica aziendale, che utilizza fonti tradizionali e rinnovabili, ma che è votato anche al recupero dell’energia che scaturisce dal processo produttivo e per il quale è possibile implementare sistemi di accumulo. Senza trascurare lo studio sugli impianti per la produzione di idrogeno, a sua volta da utilizzare subito o da immagazzinare». Il tutto, infatti, è controllato «da un’intelligenza artificiale che coordina il sistema».

Tra i vantaggi dell’utilizzo della tecnologia Q-ONE, Faralli ha indicato quella di essere «una soluzione modulare e scalabile in funzione dell’utilizzo e immediatamente implementabile, con una semplificazione del progetto e la riduzione di componenti tradizionali», oltre «alla possibile installazione in reti deboli, l’eliminazione di controindicazioni tradizionali ed una manutenzione semplificata».

Per consultare le slides presentate da Luca Faralli, cliccare sull’icona undefined

Francesco Fabris, invece, ha parlato della tecnologia Q-JENIUS, «che mettendo in collegamento diretto il generatore di energia e l’impianto utilizzatore offre la possibilità di dosaggio e riduzione del prelievo dalla rete, con calo delle “cadute” e gestione del picco di potenza. Oltre che prevedere il possibile accumulo, durante le fermate, anche con l’utilizzo di sistemi di batterie come quelle utilizzate negli autoveicoli. Il tutto, poi, caratterizzato da una forte riduzione di emissione di CO2».

Ma il responsabile del Sistema di gestione di energia in impianto, è andato anche oltre, illustrando l’evoluzione Q3-JENIUS, che permette la «gestone dinamica delle energie», visto che «sulla base del piano di produzione il sistema organizza il piano energetico, decidendo quanta energia autoprodotta utilizzare e quanta prelevarne dalla rete».

Con l’obiettivo di «dotare il piano di produzione di una dimensione energetica, anche analizzando i dati storici di fabbisogno energetico e del mix di produzione, anche con l’ausilio di Q3-DEMS, che monitorizza l’intero sistema e ottimizza il tutto».

Per consultare le slides presentate da Francesco Fabris, cliccare sull’icona undefined

ARTICOLI CORRELATI

11 settembre 2020

Green New Deal: l’Europa vuole accelerare

Si punta ad un taglio del 55% delle emissioni entro il 2030, contro il 40% previsto oggi, rispetto al 1990

di Marco Torricelli

2 settembre 2020

Danieli: ordine da 430 milioni dalla Russia

Il gruppo realizzerà per OMK un impianto a riduzione diretta, per produrre acciaio senza carbone

di Elisa Bonomelli

25 agosto 2020

Alfa Acciai e Danieli rinnovano la partnership

Nuova collaborazione per l’efficientamento di un laminatoio dell’acciaieria bresciana

di Marco Torricelli

24 agosto 2020

Danieli Innovation: l’acciaieria diventa ibrida

Nuovi impianti – con tre “Q-One” – per l’americana Commercial Metals Company: utilizzeranno energie rinnovabili

di Marco Torricelli

24 agosto 2020

Steel Stock Index: ad agosto numeri importanti

L’indice di siderweb avanza del 7,7%, facendo meglio dei principali listini internazionali. Tra le italiane bene Danieli

di Paola Zola

4 agosto 2020

Lo Steel Stock Index ha chiuso luglio in rialzo

L’indice di siderweb in controtendenza rispetto ai listini europei e statunitensi. Male, però, le italiane

di Paola Zola

31 luglio 2020

Innovazione: 265 milioni per le imprese del Sud

Il MiSe li mette a disposizione per chi opera in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

di Marco Torricelli

27 luglio 2020

Lo Steel Stock Index inverte la rotta e torna in discesa

Dopo due settimane di crescita, l’indice di siderweb indietreggia del 2%. Leggere diminuzioni per le italiane

di Paola Zola

20 luglio 2020

Steel Stock Index: settimana in crescendo

L’indice di siderweb si segnala per l’ottima performance complessiva. Bene le italiane Tenaris e Danieli

di Paola Zola

15 luglio 2020

Acciaio “verde” all'ex Ilva. Ecco il sogno di Patuanelli

Il ministro annuncia: «In 4 o 5 anni solo forni elettrici» e parla di idrogeno. La Fim chiede un confronto al MiSe

di Marco Torricelli

15 luglio 2020

Acciaio “green”: la Germania punta su aiuti di Stato

Il ministro dell’Economia Altmaier chiede all’Europa di poterne concedere per il 25-35% degli investimenti privati

di Marco Torricelli

15 luglio 2020

Autostrade per l’Italia: Benetton verso l’uscita

Nella notte il governo ha deciso: il 51% a Cassa depositi e Prestiti. L’azienda sarà quotata in Borsa

di Redazione Siderweb

13 luglio 2020

Acciaio green: accordo tra Kobe Steel e Vale

L’intesa, che coinvolge anche Mitsui, è finalizzata a produrre DRI e contenere le emissioni di CO2

di Marco Torricelli

8 luglio 2020

Webinar: “filiera allargata” e rinascita dell’acciaio

Made in Steel 2021 in concomitanza con MADE expo, Lamiera, Transpotec Logitec. Il webinar è online

di Redazione Siderweb

6 luglio 2020

Acciaio green: AJN Steelstock punta sul sole

Il produttore inglese di acciai di qualità ha installato pannelli fotovoltaici su 3.863 metri quadrati

di Marco Torricelli

6 luglio 2020

Steel Stock Index: settimana fiacca

L’indice di siderweb si è “preso una pausa” ed è rimasto sui livelli della settimana precedente

di Paola Zola

25 giugno 2020

Webinar. Torna Mercato & Dintorni

Mercoledì 1 luglio saranno protagonisti Luigi Cuzzolin, Luigi Rapullino, Giovanni Barone ed Achille Fornasini

di Redazione Siderweb

24 giugno 2020

Digital Transformation PMI: 100 milioni dal MiSe

I fondi, previsti dal Decreto Crescita, sono finalizzati all’implementazione di soluzioni tecnologiche di filiera

di Marco Torricelli

24 giugno 2020

Assofond chiede pari concorrenza con player esteri

Ariotti: «Le fonderie hanno pagato caro il lockdown con il -70% di volumi. Ora servono sostegni per ripartire»

di Davide Lorenzini

24 giugno 2020

Oil & gas: mega operazione Snam negli Emirati Arabi

Acquisito, in consorzio con fondi di investimento, il 49% del controllo delle reti di distribuzione

di Redazione Siderweb

23 giugno 2020

Mareschi Danieli:siderurgia italiana riferimento tecnologico internazionale

L'imprenditrice friulana elenca le caratteristiche per restare "front runner" nell'acciaio e guarda all'idrogeno

di Davide Lorenzini

23 giugno 2020

Green New Deal: molto dipenderà dai singoli Stati

L’intervento di Carlo Muzzi al webinar siderweb sulla sostenibilità energetica in siderurgia

di Elisa Bonomelli

26 maggio 2020

Crescere per le persone, per essere sostenibili

Gli esempi di Copan e ORI Martin nel webinar di siderweb “La filiera dell’acciaio e il mondo green"

di Elisa Bonomelli

26 maggio 2020

Webinar. La filiera dell'acciaio e il mondo green

Live le case history di Copan, Danieli Automation, Feralpi Group, ORI Martin, PoliMi, Ricrea e siderHUB

di Redazione Siderweb

19 maggio 2020

Webinar. Il questionario: la filiera crede nella sostenibilità

Investimenti in risorse umane, competenze, innovazione per l’acciaio green

Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

28 ottobre 2020

Assofermet: «Ferramenta sono “prima necessità”»

Appello preventivo al governo: «In caso di lockdown non fatele chiudere come avvenuto in passato»

di Marco Torricelli

28 ottobre 2020

Acciaio USA: nuova acquisizione per Nucor

Si tratta dell’impianto di verniciatura di Precoat Metals e affiancherà il laminatoio in Arkansas

di Marco Torricelli

28 ottobre 2020

Overcapacity: il Global Forum perde: Cina, India e Arabia Saudita

I membri restano in 29 ma puntano a proseguire l'opera di sensibilizzazione di membri G20

di Davide Lorenzini

28 ottobre 2020

FCA esulta: «Risultati record nel terzo trimestre»

Il gruppo ha annunciato oggi utili per 1,5 miliardi di euro «e con la nascita di Stellantis andrà ancora meglio»

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA e Eataly insieme per la sostenibilità
A cura di Marco Torricelli

RICREA e Eataly insieme per la sostenibilità

Il Consorzio sbarca tra gli scaffali per promuovere i valori dei contenitori in acciaio

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali