Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

L'angolo di Carlini

Gli imprenditori? Terribilmente frettolosi!

Versione stampabile

Per scrivere questa riflessione attendevo che accadessero alcuni fatti:

a)     la Daimler Benz tedesca richiama in servizio 300 pensionati, alcuni di essi hanno oltre 70 anni. La missione è semplice: far funzionare l’interfaccia tra i sistemi informatici e la catena di produzione in Asia;
b)     molte imprese tedesche e non, quindi italiane e francesi, sono disorientate dal crollo del mercato russo, considerato uno dei più promettenti;
c)      diverse aziende italiane stanno rientrando dai paesi dove avevano precedentemente delocalizzato (Romania e Cina);
d)     un imprenditore italiano, attivo nel settore automotive, chiude in Cina il suo stabilimento di 3mila dipendenti,  per trasferirsi in Messico;
e)     giunge notizia di una joint venture in India, ferma perché la controparte indiana pretende molto di più rispetto quanto inizialmente stabilito per contratto.

La lista potrebbe proseguire, ma è sufficiente. Quali sono le considerazioni che emergono da questi fatti? C’è un filo conduttore comune: la fretta. Fretta di presentare bilanci in forte crescita per incassare bonus, anche a costo di spingersi su mercati esotici che oggi ci sono, ma per domani non v’è certezza. La Russia è ancora preda di una dittatura utilitaristica, come la Cina non ha saputo risolvere l’equazione politica e sviluppo. Il problema si replica per il Brasile, l’India e la Turchia (paesi privi di certezza del diritto) e Sud Africa (eternamente in bilico e rassegnazione). In paesi di questo tipo è certamente possibile un azzardo, ma non di più, finchè non sapranno trovare una stabilità politica. Certamente pensare di sviluppare un’azienda sui mercati esotici è un rischio. La medesima superficialità coglie sia le imprese sia lo Stato italiano, quando proclamano l’ingresso trionfale di giovani congedando i maturi. Che i ragazzi debbano urgentemente entrare nel ciclo produttivo è strategico affinchè escano dalle famiglie, si sposino e facciano figli in età giovane per poterli educare adeguatamente. Quindi il lavoro è una condizione di civiltà. Però i ragazzi vanno inseriti in un percorso formativo che si chiama carriera. Questo vuol dire, indicativamente, che devono studiare possibilmente fino ai 20-26 anni, quindi essere seguiti al lavoro per i successivi 15-20 e verso i 46-48 anni iniziare a dire la loro per giungere alla dirigenza sui 50. Oggi questo non accade. Sorrido quando leggo gli incarichi di molti attuali manager che intorno ai 35 anni sono già responsabili di marketing, del personale, amministrativi, della qualità, per salire poco dopo i 40 trovando direttori di produzione, commerciali etc.
Sorrido perché si tratta mediamente di personale a cultura incompleta in grado di produrre importanti guasti nelle aziende. E’ importante sottolineare che non basta l’età per la responsabilità, non serve avere solo 50 anni per “poter decidere”; necessita l’esperienza, ovvero il numero di volte che ci si è trovati con le pezze al sedere cercando soluzioni per cadere nuovamente e inesorabilmente rialzarsi. Tradire questi concetti significa sicuramente essere alla moda, ma consente alla superficialità di governare un mondo più complesso. La stessa crisi subprime è frutto di ragazzini posti in condizione di comando. Concludendo: come se ne esce? Abbiamo spinto i maturi a correre verso la pensione e i giovani a livelli di responsabilità eccessivi per le esperienze maturate. Qualcosa non funziona. Per caso ce ne siamo accorti?  

 data-mce-src=

 

Le rubriche precedenti

 

 data-mce-src= L'angolo di Carlini 
Perchè l'economia Usa risponde agli stimoli e quella italiana no?
 data-mce-src=

L'angolo di Carlini
Il presidente Obama sta raccogliendo il dividendo da reshoring

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini 
Chi non ha ancora definito la sua politica commerciale a gennaio inoltrato?

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini
La distribuzione del costo del personale tra produzione e la branca amministrativa/vendita-direzione nelle imprese siderurgiche

 data-mce-src=

 

L'angolo di Carlini
La proporzione tra personale in produzione e negli uffici

 

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini
Come valorizzare il personale 

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini
Criteri di valutazione del personale in un reparto di produzione presso un'impresa manifatturiera

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini
Incongruenze

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini
Quant’è pericoloso il complesso d’inferiorità

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini 
1914-2014: non facciamoci impressionare! Considerazioni di politica internazionale

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini 
Il rovesciamento

 data-mce-src=

 

L'angolo di Carlini
L'imprenditore ostaggio

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini 
Internazionalizzazione, i costi. Criteri e metodi di ricerca

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini
Il fallimento ce l'hai cucito sulla pelle

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini
La crisi di un sistema sociale: la responsabilità nell'irresponsabilità

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini

Gestire trasmettendo paura al personale 

 data-mce-src=

L'angolo di Carlini
A.A.A. superskillato in 30 giorni invia 735 curriculum aspettando un lavoro

ARTICOLI CORRELATI

12 maggio 2014

«Oikos Nomos»

«La nuova geografia dell'acciaio: la top 5 tra salite e discese»

di Gianfranco Tosini

8 maggio 2014

L'editoriale di Emanuele Morandi

Come recuperare i ritardi

di

29 aprile 2014

«Due parole con il professore»

«Alstom: una vicenda d’Oltralpe che ci interessa da vicino»

di Carlo Mapelli

22 aprile 2014

«Dove corre la corrente»

«Cogliamo con coraggio le opportunità dei mercati»

di Claudio Enriquez

17 aprile 2014

«Dire, fare, comunicare»

«Il digitale vive di internet, ma non solo di internet»

di Elia Zamboni

4 aprile 2014

«Exponiamoci»

«Albero della vita – una sfida ai modelli consolidati di business»

di Giancarlo Turati

3 aprile 2014

«Business senza confini»

Una terapia d'urto per il sistema industriale italiano

di Giuliano Noci

28 marzo 2014

«Twitta che ti passa»

«Come importare una strategia di sociale media marketing. Qualche consiglio per iniziare»

di Michele Rinaldi

25 marzo 2014

«La strada Ferrata»

«Riequilibrare il mercato»

di Rino Ferrata
Altre News

Lascia un Commento


  • Commento utente

    Pierluigi

    Abbiamo un presidente del consiglio di quarant'anni e decine di deputati e senatori giovanissimi e senza esperienza alcuna,....sono d'accordo sul concetto che bisogna "Ringiovanire" la Politica e le posizioni di potere,ma,concordo,con persone che abbiano un'adeguata esperienza.


“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

26 maggio 2020

Eurofer: plauso il piano di rilancio ma serve il sostegno all'acciaio

L'associazione fiduciosa sul programma della Commissione Ue ma chiede più tutele alle importazioni

di Davide Lorenzini

26 maggio 2020

Coronavirus. Anghileri: «Domanda ancora debole»

La giovane COO del centro servizi Eusider: «Le risorse promesse non sono ancora arrivate alle imprese»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

AST Terni. La Fiom: «Serve partner mondiale»

Il sindacato: «Guardiamo con favore a qualunque aiuto di Stato, ma siamo contrari a soluzioni preconfezionate»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

Acciaio & Sostenibilità. Le persone al centro della comunicazione

Il racconto di Paolo Morandi (siderHUB), Isabella Manfredi (Feralpi Group) e Roccandrea Iascone (RICREA)

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

La fase 2 dell'acciaio

I contributi degli analisti di siderweb su lockdown, previsioni e attese per la siderurgia nella fase 2

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid
A cura di Davide Lorenzini

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid

Fusari, direttore RICREA: «Vissuti due mesi di tensione ma il sistema ha tenuto. Nel 2019 riciclo oltre l'80%»

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali