Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

«Exponiamoci»

«Albero della vita – una sfida ai modelli consolidati di business»

Versione stampabile

15 gennaio 2014, cortile del Quirinale Roma, visita alla mostra su Padiglione Italia con il comitato tecnico per EXPO 2015 di Confindustria: incrocio lo sguardo di Diana Bracco, vicepresidente di Confindustria e Commissario speciale per il Padiglione Italia…”Turati, si ricorda l’albero?”. No panic!
Punto uno: “Cacchio, come fa a ricordarsi il mio nome”
Punto due: ”Si è ricordata del discorso fatto a luglio con Made in Steel, quando si parlò di fornire l’acciaio per la costruzione dell’albero della vita, icona di EXPO ideata dalla mente di Marco Balich, passata nel cesto delle idee scartate, adesso che gli dico?”. La faccio breve: nel giro di 36 ore, la questione che sembrava archiviata è ritornata prepotentemente in auge ed è diventata un problema da risolvere in fretta, perché nel frattempo  la dott.ssa Bracco aveva fatto la stessa domanda al Presidente Bonometti (Presidente dell'Associazione Industriale Bresciana e presidente di OMR) il quale aveva risposto con un “no problem…”. Veniamo al dunque, l’albero della vita vorrebbe rappresentare la conclusione del racconto che il concept di Padiglione Italia ha elaborato attraverso la teoria del Vivaio. Tutto il padiglione italiano sarà ispirato a questo concetto ed il cammino ideale che percorrerà il visitatore si concluderà proprio con l’esplosione di creatività e fantasia rappresentata dall’albero e dai suoi fantasmagorici effetti speciali. In questo modo si chiuderà il cerchio e cioè il seme piantato simbolicamente all’ingresso di Expo, attraverso il racconto ed il viaggio emozionale di tutto EXPO ed in particolare del Padiglione Italia, troverà terreno fertile all’interno del nido (Palazzo Italia) e poi germoglierà idealmente nella raffigurazione dell’albero. L’albero, che si è ispirato al disegno di Michelangelo del pavimento della piazza del Campidoglio a Roma, è alto circa 40 metri ed è una costruzione densa di tecnologia con una nervatura interna di acciaio e una corteccia esterna di legno lamellare. Una cosa complicata sia dal punto di vista strutturale che realizzativo…si pensi che per farlo funzionare servono due megawatt di energia… Torniamo a noi, il pensiero è stato: “Se l’albero rappresenterà l’icona di EXPO, destinato a rimanere anche dopo Expo, e tutti lo ammireranno e assisteranno ad uno dei dodici spettacoli giornalieri emozionandosi profondamente, la “cosa” si stamperà nella loro mente e va a finire che sarà la cosa che ricorderanno di più di EXPO. Se la “cosa” la realizza il Sistema Bresciano sarà facile formulare il pensiero: visto cosa riusciamo a realizzare quando ci mettiamo insieme noi bresciani? Questo pensiero  potrebbe attraversare la mente di circa 20 milioni di visitatori, ma soprattutto verrà portato a conoscenza di 149 delegazioni straniere permanentemente presenti ad expo per sei mesi da maggio a novembre 2014. Potrebbe rappresentare quindi il simbolo anche della capacità tipicamente bresciana del saper fare che, coniugata con i progetti in corso per l’EXPO made in Brescia e con tutte le iniziative che ATS ha in corpo, potrebbe innestarsi anch’esso nel concetto di progresso del sistema territoriale ed economico bresciano, in quest’ottica l’albero rappresenterebbe l’orgoglio bresciano a tutto tondo. Ne è nata una sfida tipicamente Bresciana, l’albero non solo lo facciamo noi, ma lo regaliamo, formiamo un rete d’impresa che chiamiamo “Orgoglio Brescia” e diamo una scossa al nostro sistema. Il modello è semplice: servono imprese capaci di lavorare l’acciaio, metterlo insieme e montarlo; servono imprese capaci di lavorare il legno e realizzare una struttura complessa, servono imprese capaci di realizzare impianti tecnologici, facciate “attive” e tanto altro. Serve una Banca che ci supporti per l’impatto finanziario (è prevista una spesa di 3 milioni di euro) e un’idea di ritorno dell’investimento capace di riportare in cassa il costo dell’opera attraverso la gestione dell’immagine dell’albero che verrà sicuramente raffigurata su innumerevoli gadget e oggetti. Detto, fatto. Quella che sembrava  una “mission impossible” grazie alla voglia di superare la crisi delle aziende bresciane è diventata una concreta opzione di progetto. Allo stato attuale delle cose ci sono due gruppi di lavoro che stanno collaborando attivamente: uno progettuale misto (imprese, ideatori) sulla parte strutturale e impiantistica; ed uno organizzativo/amministrativo per valutare la forma giuridica corretta per portare a termine l’impresa. Ma che entusiasma è lo spirito che anima i protagonisti, la voglia di mettersi in gioco e di provare a cambiare l’approccio, la volontà di realizzare qualcosa di unico nel suo genere e la grandissima competenza delle nostre imprese (che ha fortemente impressionato gli ingegneri e architetti di Marco Balich). Ora non possiamo "dire gatto finché non sarà nel sacco", tuttavia l’albero della vita rappresenta una bellissima esperienza ed un bellissimo laboratorio dove sperimentare nuove e inesplorate frontiere del fare impresa insieme: uniti per vincere, recita lo slogan di AIB. Mai così attuale e veritiero.

 data-mce-src=

Coordinatore gruppo di lavoro AIB EXPO 2015

 

Le rubriche precedenti

 data-mce-src= «Exponiamoci»
«Non guardiamo a quello che EXPO può fare per noi, ma ciò che noi potremo fare per EXPO»
 data-mce-src= «Exponiamoci»
«L'EXPO e l'arte di guidare la bicicletta»

ARTICOLI CORRELATI

3 aprile 2014

«Business senza confini»

Una terapia d'urto per il sistema industriale italiano

di Giuliano Noci

2 aprile 2014

«L'angolo di Carlini»

«L’imprenditore ostaggio»

di

1 aprile 2014

«Due parole con il professore»

«Quale vocazione per il nostro sviluppo?»

di Carlo Mapelli

31 marzo 2014

«Oikos Nomos»

«Consumi, investimenti e export. Renzi punta sui primi. I pro e i contro»

di Gianfranco Tosini

28 marzo 2014

«Twitta che ti passa»

«Come importare una strategia di sociale media marketing. Qualche consiglio per iniziare»

di Michele Rinaldi

27 marzo 2014

«L'editoriale di Emanuele Morandi»

«Si respira aria nuova»

di

25 marzo 2014

«La strada Ferrata»

«Riequilibrare il mercato»

di Rino Ferrata

21 marzo 2014

«Dire, fare, comunicare»

«La pubblicità non è solo l'anima del commercio»

di Elia Zamboni

14 febbraio 2014

«Dove corre la corrente?»

«Perché non cominciare da un sistema ed un mercato energetico veramente unificato per tutta Europa?»

di Claudio Enriquez
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

29 maggio 2020

Innovazione: tre importanti interventi per AIC

La tecnologia di Automazioni Industriali Capitanio a supporto di aziende in Italia, Stati Uniti e India

di Marco Torricelli

29 maggio 2020

A Steem for steel. Vince il team di Pomigliano (Na)

L’ideatrice del progetto Raffaella Poggio: «Esperienza formativa per studenti e aziende partecipanti»

di Marco Torricelli

29 maggio 2020

Tregua tra JSW Italy e il comune di Piombino

Incontro chiarificatore dopo lo sfogo del sindaco Ferrari. A marzo spedizioni per oltre 56 mila tonnellate

di Giorgio Pasquinucci

29 maggio 2020

Automotive: Volksvagen investe due miliardi in Cina

Renault invece annuncia un piano di pesanti tagli: risparmi per due miliardi di euro e taglio di 15mila addetti

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

La fase 2 dell'acciaio

I contributi degli analisti di siderweb su lockdown, previsioni e attese per la siderurgia nella fase 2

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Recupero record di imballaggi in acciaio»
A cura di RICREA Consorzio Nazionale Riciclo

RICREA: «Recupero record di imballaggi in acciaio»

Nel primo trimestre del 2020 superate le 40mila tonnellate, con un incremento del 16% rispetto all’anno scorso

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali