Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

«Due parole con il professore»

«Alstom: una vicenda d’Oltralpe che ci interessa da vicino»

Versione stampabile

La ristrutturazione su scala internazionale del comparto dei produttori dei sistemi per la generazione di potenza non ha investito solo l’Italia, dove per settimane si è discusso del destino dell’Ansaldo Energia di Genova, ora arriva a lambire pesantemente anche i lidi francesi. La stessa Alstom sembra non riuscire più a reggere il gioco internazionale e il significativo processo di ristrutturazione e di tagli operato negli ultimi anni ha solo rallentato le perdite, ma non è stato affiancato in ugual misura dalla promozione di nuovi prodotti e dall’acquisizione di nuove commesse in misura sufficiente a fermare l’emorragia e a porre l’impresa su un percorso di crescita. Nell’attesa che per Ansaldo Energia si realizzi il matrimonio con un partner straniero, probabilmente asiatico, il nostro operatore nazionale sta cercando di aumentare gli indici di utilizzo delle proprie officine meccaniche, per sfruttare al meglio le proprie risorse interne. Il settore energia di Alstom è da tempo nelle mire della tedesca Siemens, che da più di un anno sta trattando questo comparto della multinazionale francese. Con ogni probabilità il governo francese gradirebbe uno scambio tra le attività ferroviarie di Siemens e quelle energetiche di Alstom, ma improvvisamente si è affacciato sulla scena il terzo incomodo, ossia l’altro leader del settore a livello internazionale: General Electric. Difficile per i francesi opporre un immediato diniego, perché Alstom è quotata in borsa ed i mercati giustamente prediligono le offerte migliori alle prospettive geopolitiche dei governi. È una partita non banale per i fornitori italiani attivi sul mercato della generazione di potenza, perché in questo comparto i prodotti realizzati in Italia - alberi, dischi turbina, palette, alternatori ecc.- sono ritenuti un punto di riferimento a livello mondiale. Da anni i produttori italiani resistono brillantemente alla feroce concorrenza dei tedeschi, dei coreani ed ultimamente a quella dei cinesi. Il cambiamento di proprietà di un protagonista rilevante come Alstom, può cambiare le specifiche tecniche dei prodotti e quindi modificare anche gli equilibri commerciali a seconda degli interessi degli acquisitori e del condizionamento che questi ultimi subiscono da parte dei loro governi. Questi equilibri vengono a volte cambiati significativamente attraverso l’adozione di particolari soluzioni tecniche: non molti anni or sono fu proprio Alstom ad imporre la produzione di diversi componenti negli acciai della serie COST per applicazioni ad alta temperatura e questa scelta ha comportato una selezione sia a livello di produttori di acciaio che di forgiatori, poiché non tutti sono in grado di garantire il medesimo livello qualitativo attraverso l’impiego di questi materiali. Banalmente potremmo chiederci: per chi ci conviene fare il tifo tra tedeschi e statunitensi? A volte questi esercizi portano a conclusioni erronee, prontamente smentite dalla dura realtà dei fatti, però sono scommesse che hanno sempre il loro fascino, dopo di che ciascun operatore potrà proporre le sue valutazioni, anche più complete di quelle che seguono. La mia percezione è che una vittoria di General Electric si tradurrebbe anche in una vittoria italiana, dato che la multinazionale statunitense ha da anni reso Nuovo Pignone la sede di coordinamento per la costruzione di turbine e non è da escludere che le attività di ingegneria di Alstom dovranno guardare a Firenze. E’ chiaro che la vicinanza dei fornitori nazionali con il centro di coordinamento per l’ingegneria delle turbine può costituire un fattore competitivo considerevole e significherebbe comunque far guadagnare al nostro paese un ruolo rilevante, quindi non si tratta di una questione di banale sciovinismo.
Vedremo come andrà a finire, intanto il governo francese ha provato a prendere tempo fino alla sera del prossimo 30 aprile, e sarà interessante valutare dove cadrà la sua scelta o comunque la sua preferenza, che non ci potrà lasciare indifferenti né in un caso né nell’altro.

 data-mce-src=

 

Rubriche precedenti

 data-mce-src= Carlo Mapelli
«Un percorso d'acciaio verso Expo?»
 data-mce-src= Carlo Mapelli
«Il preridotto: nuovo punto di svolta della siderurgia?» 
 data-mce-src= Carlo Mapelli
«Efficienza di processo e nuove risorse»
 data-mce-src= Carlo Mapelli
«Quale vocazione per il nostro sviluppo»
 data-mce-src= Carlo Mapelli
«Le inaspettate opportunità che possono nascere dalla crisi»

ARTICOLI CORRELATI

28 aprile 2014

«Oikos nomos»

«Un mese alle elezioni europee. Quali i temi caldi?»

di Gianfranco Tosini

23 aprile 2014

«L'angolo di Carlini»

«La crisi di un sistema sociale: la responsabilità nell'irresponsabilità»

di

22 aprile 2014

«Dove corre la corrente»

«Cogliamo con coraggio le opportunità dei mercati»

di Claudio Enriquez

17 aprile 2014

«Dire, fare, comunicare»

«Il digitale vive di internet, ma non solo di internet»

di Elia Zamboni

10 aprile 2014

«L'editoriale di Emanuele Morandi»

«Pmi, acciaio ed Expo»

di

4 aprile 2014

«Exponiamoci»

«Albero della vita – una sfida ai modelli consolidati di business»

di Giancarlo Turati

3 aprile 2014

«Business senza confini»

Una terapia d'urto per il sistema industriale italiano

di Giuliano Noci

28 marzo 2014

«Twitta che ti passa»

«Come importare una strategia di sociale media marketing. Qualche consiglio per iniziare»

di Michele Rinaldi

25 marzo 2014

«La strada Ferrata»

«Riequilibrare il mercato»

di Rino Ferrata
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

29 maggio 2020

Innovazione: tre importanti interventi per AIC

La tecnologia di Automazioni Industriali Capitanio a supporto di aziende in Italia, Stati Uniti e India

di Marco Torricelli

29 maggio 2020

A Steem for steel. Vince il team di Pomigliano (Na)

L’ideatrice del progetto Raffaella Poggio: «Esperienza formativa per studenti e aziende partecipanti»

di Marco Torricelli

29 maggio 2020

Tregua tra JSW Italy e il comune di Piombino

Incontro chiarificatore dopo lo sfogo del sindaco Ferrari. A marzo spedizioni per oltre 56 mila tonnellate

di Giorgio Pasquinucci

29 maggio 2020

Automotive: Volksvagen investe due miliardi in Cina

Renault invece annuncia un piano di pesanti tagli: risparmi per due miliardi di euro e taglio di 15mila addetti

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

La fase 2 dell'acciaio

I contributi degli analisti di siderweb su lockdown, previsioni e attese per la siderurgia nella fase 2

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Recupero record di imballaggi in acciaio»
A cura di RICREA Consorzio Nazionale Riciclo

RICREA: «Recupero record di imballaggi in acciaio»

Nel primo trimestre del 2020 superate le 40mila tonnellate, con un incremento del 16% rispetto all’anno scorso

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali