Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Webinar siderweb: come gestire la ripartenza

Gli ostacoli sulla via della ripresa. Gli interventi di Stefano Ferrari e Claudio Teodori al seminario online

Versione stampabile

Stress Test. È questa una delle parole chiave dell’intervento di Claudio Teodori nel corso del webinar di siderweb «Gli ostacoli sulla via della ripresa - I conti delle aziende e le sfide Covid-19».

Una parola spesso legata al mondo bancario, ma che invece per il professore universitario deve essere applicata anche a qualsiasi impresa se si vuole poter valutare in maniera chiara ed efficace l’impatto di eventuali crisi, come quella che si sta vivendo a seguito dell’epidemia di Covid-19

«Gli stess test dovranno essere svolti tenendo conto di tre aspetti fondamentali, le dimensioni: reddituale, patrimoniale e finanziaria. Nel primo caso si va a valutare l’impatto dell’eventuale perdita dell’esercizio precedente sulla capacità dell’azienda di far fronte alle proprie esigenze nell’anno successivo. La dimensione reddituale ci permette di arrivare a determinare le politiche del circolante, per cui gli eventuali insoluti clienti ed eventuali differimenti nei saldi ai fornitori se non abbiamo risorse a disposizione. A questo poi si aggiunge anche la situazione degli investimenti, la cui valutazione sarà quanto mai più importante in termini di tempi e pagamenti».

Se le imprese dovranno avere ancor più attenzione ai propri conti ed agli indicatori Teodori ha anche evidenziato i limiti dei provvedimenti governativi posti in atto, in cui i due aspetti particolarmente impattanti risultano la mancanza di visione, dovuta ad una concentrazione a gestire l’emergenza piuttosto che un orientamento a consolidare la ripresa. Ma a mancare soprattutto sono tempistiche chiare.

«Per le imprese comunque saranno particolarmente cruciali i bilanci 2019. Gli indicatori che emergeranno da questi saranno infatti la base per capire l’entità potenziale di eventuali finanziamenti, per cui ogni elemento di criticità prima della crisi 2020 peserà più che in passato. Credo inoltre che nonostante sia stata concessa una proroga alla presentazione sia necessario ottemperare il prima possibile, se non altro perché più tempo vuol dire corredare anche più informazioni, e in questo caso vuol dire anche dare il maggior numero di indicazioni sull’impatto del Covid-19 nella parte più nera della crisi, senza poi poter citare un’eventuale recupero nella seconda parte dell’anno». Valutazioni che quindi potrebbero pesare nei successivi confronti con il mondo del credito.

Per Teodori quindi per il futuro anche le imprese dovranno dotarsi di sistemi evoluti di controllo di gestione, sistemi utili a poterne orientare il timone per poter avere meccanismi di difesa dalle crisi, meccanismo che dovrebbero essere collegati anche al Codice della crisi e dell’insolvenza il cui varo verrà probabilmente rinviato a causa proprio dell’impatto anomalo sui conti dovuto alla pandemia nel 2020.

Per consultare le slide presentate da Claudio Teodori nel corso del webinar basta cliccare sull’icona slide teodori 21.04.

Quando ci sarà la ripartenza, in che stato di forma si presenterà la filiera dell’acciaio italiano? A questa domanda ha cercato di rispondere Stefano Ferrari, responsabile dell’Ufficio Studi di siderweb.

Per far ciò «la filiera stessa è stata divisa in quattro segmenti: acciaierie, tubifici, centri servizio e commercianti di acciaio, e per ognuno di essi sono stati calcolati tre indici, uno relativo alla redditività industriale (EBITDA), uno alla solidità (rapporto di indebitamento finanziario) e uno per verificare l’influenza della leva (ROI-costo medio dell’indebitamento)».

Per ognuno dei comparti sono state poi individuate le imprese con le performance peggiori, che sono quelle che hanno più probabilità di incontrare rischi alla ripartenza dopo il lungo lockdown. In particolare, nello studio sono state analizzate 672 imprese per un fatturato complessivo nel 2018 di 33,6 miliardi di euro. Di queste, 12 presentano tutti i tre indici negativi (EBITDA inferiore di oltre il 50% alla media del segmento, leva negativa e indebitamento finanziario più di 4 volte superiore a ciò che la dottrina ritiene l’ottimo), per un fatturato complessivo di 1,6 miliardi di euro e 57 imprese presentano almeno due indici negativi (4,1 miliardi di fatturato).

«Ne deriva quindi che ci sono almeno 69 imprese, pari all’10,2% del totale che sono erano in una situazione di rischio (medio o elevato) già prima dello scoppio della pandemia, e che quindi alla ripresa potrebbero partire da una posizione svantaggiata rispetto alla concorrenza. Esse, inoltre, rappresentano il 17% del fatturato della filiera, quindi hanno una dimensione superiore alla media della filiera».

Entrando nel dettaglio dei segmenti analizzati, «si può rilevare che i tubifici sono il comparto con potenzialmente meno rischi, in quanto hanno una buona redditività ed una solidità eccellente – ha concluso Ferrari – mentre i centri di servizio sono quelli con la redditività più basse e l’indebitamento più alto tra i settori presi in esame».

Per consultare le slide presentate da Stefano Ferrari nel corso del webinar basta cliccare sull’icona slide ferrari 21.04.

 

ARTICOLI CORRELATI

15 maggio 2020

La fase 2 dell’acciaio: scarica lo speciale di siderweb

47 pagine di approfondimenti sullo stato di salute e sulle prospettive dell’acciaio post lockdown

di Redazione Siderweb

5 maggio 2020

Webinar: coronavirus, globalizzazione e reshoring

Protagonisti Antonio Gozzi (Ad del gruppo Duferco), Carlo Muzzi (Giornale di Brescia) e Gianfranco Tosini (siderweb)

di Redazione Siderweb

29 aprile 2020

Webinar siderweb: l’acciaio verso la “Fase 2”

Protagonisti, Giuseppe Pasini presidente di Confindustria Brescia e Gianni Venturi, segretario nazionale Fiom

di Marco Torricelli

24 aprile 2020

Coronavirus: ripartenza in quattro tappe

La data cruciale per l'industria resta il 4 maggio. Bene anche il Consiglio europeo

di Redazione Siderweb

23 aprile 2020

Webinar. La fase 2 dell’acciaio: tra fabbrica e mercato

Protagonisti del prossimo incontro online, mercoledì 29 aprile, Giuseppe Pasini (Aib) e Gianni Venturi (Fiom)

di Redazione Siderweb

22 aprile 2020

Fase 2: alcune filiere in ripartenza il 27 aprile

Il governo potrebbe togliere i sigilli a cantieri, automotive e manifattura

di Davide Lorenzini

22 aprile 2020

Coronavirus: l’allarme dell’Eurogruppo

Il presidente Mario Centeno: «Rischio di frammentazione dell’economia e dell’unione monetaria»

di Marco Torricelli

22 aprile 2020

Coronavirus: greggio in profondo nero

Situazione difficile per il petrolio, Trump potrebbe decidere di limitare le importazioni per sostenere i produttori Usa

di Redazione Siderweb

21 aprile 2020

Coronavirus, Sandrini: «Dal governo poche risposte»

Il "j’accuse" dell’amministratore delegato di San Polo Lamiere e presidente di Assofermet Acciai al webinar di siderweb

di Marco Torricelli

21 aprile 2020

AST Terni, Burelli: «Difendere l’acciaio italiano»

L’amministratore delegato di Acciai Speciali Terni lo ha detto al webinar organizzato da siderweb

di Marco Torricelli

21 aprile 2020

Coronavirus, Conte: «”Fase 2” dal 4 maggio»

Il presidente del consiglio lo ha annunciato stamattina con un messaggio su Facebook: «Previsione ragionevole»

di Marco Torricelli

21 aprile 2020

Coronavirus: Veneto, faticose prove di ripartenza

I racconti di chi ha rimesso in marcia gli impianti, ma deve confrontarsi con le limitazioni ancora in atto

di Marco Torricelli

21 aprile 2020

"PANorami”: Coronavirus, cosa accade nel mondo

L’appuntamento con l’attualità nella video-rubrica curata da Massimiliano Panarari

di Massimiliano Panarari

20 aprile 2020

Coronavirus: Piombino si prepara alla ripartenza

JSW Steel e Liberty Magona hanno stipulato appositi accordi con i sindacati: si attende il via libera del governo

di Giorgio Pasquinucci
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

7 agosto 2020

Anche siderweb va in vacanza

Due settimane di pausa per la community italiana dell'acciaio. Appuntamento al 24 agosto

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Acciaio: fermate estive più corte nel 2020

Scende di oltre due giorni la media degli stop di produzione siderurgica italiana, che si assesta a 17,8 giorni

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Tutti i bilanci che raccontano il 2019 dell'acciaio

Scopri con l'analisi dell'Ufficio studi siderweb i risultati delle aziende della filiera siderurgica

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

siderweb TG: rotocalco

Tutti gli avvenimenti e i numeri principali dei primi sette mesi d'acciaio del 2020

di Elisa Bonomelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali