Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Coronavirus: Veneto, faticose prove di ripartenza

I racconti di chi ha rimesso in marcia gli impianti, ma deve confrontarsi con le limitazioni ancora in atto

lettura-notizia

Faticosa e irta di difficoltà. La ripresa dell’attività delle aziende della filiera siderurgica in Veneto – una delle regioni nelle quali si registra la decisa volontà di iniziare a lasciarsi dietro le spalle il lockdown – si scontra con difficoltà operative non di poco conto.

Un esempio è quello di Acciaierie Venete, il cui direttore delle relazioni esterne Francesco Semino spiega che «la volontà di riprendere l’attività ha dovuto confrontarsi con oggettive complicazioni, tanto che al momento gli impianti marciano su due turni invece che su tre e per cinque giorni la settimana».

Per rispondere a richieste di «clienti finali che sono regolarmente autorizzati sulla base della normativa in vigore», ma che rappresentano una percentuale molto bassa rispetto a quella in grado di «garantire la piena operatività dell’azienda».

Grande attesa, ovviamente, è riservata «alle prossime determinazioni del governo» ed alla auspicata «ripresa delle lavorazioni da parte di clienti che operano nel settore automotive, da sempre molto importante per Acciaiere Venete».

Tra chi ha rimesso in marcia gli impianti c’è Alba Siderurgica di Maserà di Padova (PD), ma, spiega l’amministratore Emanuele Vettorato, «con ritmi estremamente ridotti sia per la carenza di ordini, visto che molti dei nostri clienti sono ancora fermi, che per la mancanza di materiali, dal momento che anche la logistica è fortemente penalizzata dal lockdown».

Con il risultato che l’economia aziendale risulta fortemente penalizzata: «Nel mese di aprile – dice Vettorato – registriamo un calo del 58% rispetto allo stesso mese del 2019, questi primi mesi li chiuderemo con un -26% sull’anno scorso».

Un dato incoraggiante, seppur parzialmente, è rappresentato «dal bassissimo numero di clienti insolventi – spiega l’amministratore di Alba Siderurgica – frutto certamente di una presa di coscienza importante da parte della filiera, ma forse anche della scelta, che pure abbiamo pagato negli anni scorsi, di operare una decisa selezione nella clientela e che oggi ci consente di poter operare con maggiore serenità anche in un momento così difficile».

Anche alla Gabrielli l’attività procede «seppur in modo parziale – spiega Andrea Gabrielli, presidente del gruppo che ha sede ha Cittadella (PD) – per garantire le forniture ai clienti autorizzati delle normative, ma è chiaro che al momento la situazione è ancora in via di definizione e la nostra attività è davvero ridotta».

Anche se dalla filiera arrivano segnali incoraggianti che si moltiplicano con il passare dei giorni «al momento gestiamo il contingente, spiega il presidente di Gabrielli – e il nostro scopo principale, in questa fase, è soprattutto quello di tenere in piedi l’azienda, mettendola al riparo da danni più seri di quelli che non abbia già subito».

Quanto al futuro, Andrea Gabrielli non si fa soverchie illusioni: «Non basteranno certo delle settimane, ma ci vorranno mesi per tornare a lavorare su ritmi e con volumi paragonabili a quelli del periodo precedente all’esplosione dell’epidemia, ma il nostro compito attuale è quello di farci trovare pronti, con i siti in sicurezza, per quando potremo chiamarci fuori dall’emergenza».

Ragionamento analogo è quello che fa Mauro Niero, della Ferro Tubi di Padova: «I nostri impianti sono ripartiti il 6 di aprile – racconta – ma stiamo lavorando più o meno ad un quarto delle nostre potenzialità, perché la gran parte dei nostri clienti sono ancora fermi in quanto condizionati dalle restrizioni che, inevitabilmente, si riverberano anche su di noi».

Al momento, spiega Niero, stiamo lavorando soprattutto per incrementare le scorte di magazzino ed essere pronti a rispondere alle richieste dei clienti nel momento in cui il mercato tornerà su livelli accettabili, ma temo che non sarà molto presto, visto che per molti dei nostri clienti non è ancora possibile riprendere l’attività».

Secondo il dirigente dell’azienda di Padova, peraltro, «per i nostri venditori non è certo possibile operare in maniera ottimale senza il contatto diretto con gli utilizzatori e questo sarà di nuovo possibile solo quando verranno di nuovo concessi gli spostamenti. Fino ad allora saremo costretti a cercare di limitare i danni».


23 aprile 2020

Coronavirus: crolla la produzione di acciaio in Italia

Secondo la World Steel Association a marzo per il nostro Paese segnalato un -40% contro il -6% mondiale

di Marco Torricelli

22 aprile 2020

Fase 2: alcune filiere in ripartenza il 27 aprile

Il governo potrebbe togliere i sigilli a cantieri, automotive e manifattura

di Davide Lorenzini

21 aprile 2020

Webinar siderweb: come gestire la ripartenza

Gli ostacoli sulla via della ripresa. Gli interventi di Stefano Ferrari e Claudio Teodori al seminario online

di Davide Lorenzini

21 aprile 2020

Coronavirus, Conte: «”Fase 2” dal 4 maggio»

Il presidente del consiglio lo ha annunciato stamattina con un messaggio su Facebook: «Previsione ragionevole»

di Marco Torricelli

20 aprile 2020

Coronavirus: Piombino si prepara alla ripartenza

JSW Steel e Liberty Magona hanno stipulato appositi accordi con i sindacati: si attende il via libera del governo

di Giorgio Pasquinucci

20 aprile 2020

Coronavirus: produzione ripartita. Ora si guarda agli utilizzatori

Tutti i produttori italiani operativi a regime ridotto, ma ora si guarda a riavviare la domanda

di Davide Lorenzini

20 aprile 2020

Coronavirus: crollo ordini per macchine utensili

La denuncia viene dall’Ucimu: «Noi siamo fermi mentre all’estero continuano a produrre e ci tolgono spazio»

di Marco Torricelli

20 aprile 2020

Coronavirus: Friuli «pronto a ripartire»

A dirlo è il presidente della Regione Massimiliano Fedriga: «Disposti a farlo prima del 4 maggio»

di Marco Torricelli

20 aprile 2020

Coronavirus: il punto-video della settimana

La nostra risposta all’emergenza e le iniziative per essere sempre più vicini agli operatori della filiera siderurgica

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare”

Ernest Hemingway

DOSSIER

Dossier

Made in Steel 2023, ecco gli espositori

Verso la Conference & Exhibition internazionale dell’acciaio: le voci, le attese e i progetti della filiera

ARTICOLI SIMILI

23 aprile 2020

Coronavirus: crolla la produzione di acciaio in Italia

Secondo la World Steel Association a marzo per il nostro Paese segnalato un -40% contro il -6% mondiale

di Marco Torricelli

22 aprile 2020

Fase 2: alcune filiere in ripartenza il 27 aprile

Il governo potrebbe togliere i sigilli a cantieri, automotive e manifattura

di Davide Lorenzini

21 aprile 2020

Webinar siderweb: come gestire la ripartenza

Gli ostacoli sulla via della ripresa. Gli interventi di Stefano Ferrari e Claudio Teodori al seminario online

di Davide Lorenzini

21 aprile 2020

Coronavirus, Conte: «”Fase 2” dal 4 maggio»

Il presidente del consiglio lo ha annunciato stamattina con un messaggio su Facebook: «Previsione ragionevole»

di Marco Torricelli

20 aprile 2020

Coronavirus: Piombino si prepara alla ripartenza

JSW Steel e Liberty Magona hanno stipulato appositi accordi con i sindacati: si attende il via libera del governo

di Giorgio Pasquinucci
Altre News

MERCATI

Riciclo imballaggi

RICREA: la raccolta differenziata non va in vacanza
A cura di Stefano Gennari

RICREA: la raccolta differenziata non va in vacanza

Al via "Cuore Mediterraneo", per spiegare ai cittadini il valore della raccolta differenziata e l’importanza del riciclo