Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Coronavirus: la Cina riparte, il mondo frena

Il “Dragone” rialza la testa mentre il resto del pianeta è alle prese con la fase acuta della crisi

Versione stampabile

Nella provincia cinese di Hubei, l'epicentro originario della pandemia da coronavirus, non si sarebbero registrati nuovi casi di contagio e per questo da oggi vengono ritirate le misure di lockdown che da oltre due mesi impediscono ai residenti di lasciare la provincia. La misura, che però non comprende la capitale Wuhan (dove il lockdown resterà in vigore fino all’8 aprile), prevede che gli abitanti che non hanno manifestato sintomi potranno ricominciare a viaggiare all'interno della Cina.

Tanto che quotidiano cinese Global Times ha riferito che l'industria siderurgica e i principali progetti di costruzione nella provincia di Hubei hanno ripreso l'attività e che Hubei Xinyegang Steel ha riportato il primo gruppo di 52 dipendenti a Hubei da Shanghai con autobus noleggiati. Un totale di 116 su 270 dipendenti per un progetto relativo all’altoforno di Xinyegang sono tornati alle loro posizioni e altri 50 stanno elaborando procedure per ottenere l'autorizzazione necessaria.

Nel frattempo, anche i progetti su larga scala stanno ripartendo: come i lavori per la ferrovia ad alta velocità Zhengzhou-Wanzhou di 287,2 chilometri che sono ricominciati lunedì, con oltre 900 addetti all’opera, mentre un grande progetto di costruzione a Shiyan, da parte della China 19th Metallurgical, ha ripreso l’attività.

In quasi tutto il resto del mondo, però, la situazione è ben diversa: basti pensare che ArcelorMittal a cui il decreto del governo italiano consente di continuare a produrre acciaio nel sito di Taranto, ma sul cui futuro prossimo non si hanno grandi certezze, ha annunciato drastiche decisioni relative ai propri siti in giro per il mondo.

Negli Stati Uniti, ad esempio, farà funzionare al minimo un altoforno nella sua acciaieria di Harbor nell’Illinois e taglierà la produzione nello stabilimento Dofasco a Hamilton, in Ontario.

In Europa, invece, è stato fermato un altoforno sito di Brema in Germania, mentre l'altoforno delle Asturie e le strutture di Sestao in Spagna si fermeranno nei prossimi giorni e l'acciaieria Aviles marcerà a metà capacità. Le linee di zincatura nelle Asturie e Sagunto saranno fermate. In Francia, poi, si fermeranno gli altiforni di Fos-sur-Mer e Dunkerque.

In Ucrania, invece, nel sito Kryvyi Rih sono fermi diversi impianti, anche ArcelorMIttal ha fatto notare che «se il governo interrompe bruscamente il funzionamento di alcune industrie, che in precedenza ha sostenuto efficacemente l'economia dell'Ucraina, l'intero Paese ne risentirà molto velocemente».

E c’è già chi, come il produttore siderurgico tedesco Salzgitter, guarda con preoccupazione al “dopo”: «Il coronavirus e i suoi impatti immediati - ha spiegato - hanno travolto gli affari e la società. Al momento non possiamo né mantenere il rapporto previsionale pubblicato il 16 marzo 2020, né fornire una nuova previsione sufficientemente solida per l'esercizio 2020»

O come il gruppo austriaco voestalpine, che nell’annunciare «misure adeguate alla situazione immediatamente dopo l'emergere del coronavirus in Cina», ha spiegato che «sono state implementate misure rigorose nella maggior parte dei Paesi, in particolare in Austria, per contenere la diffusione della malattia il più rapidamente possibile». Molti dipendenti di voestalpine «stanno già lavorando da casa dove le circostanze operative lo consentono e l'opzione verrà estesa ulteriormente nei prossimi giorni, per coprire tutte le società del gruppo».

Ma ha aggiunto che «molte strutture non possono funzionare se il personale non è fisicamente presente. Stiamo attualmente esaminando quali aree di produzione possono continuare a operare in conformità con tutte le normative legali e quali dovranno ridurre significativamente le operazioni o addirittura essere completamente chiuse. Il brusco crollo della domanda dei clienti sta costringendo l'azienda a ridurre la produzione in aree specifiche. Ciò include la riduzione della capacità di ghisa nel sito di Linz di circa il 20%, mediante la chiusura temporanea di un piccolo altoforno».

Liberty Liege-Dudelange, una sussidiaria del settore industriale e dei metalli di Liberty House, ha confermato che il tasso di assenteismo dei dipendenti era troppo elevato e la società ha temporaneamente chiuso i suoi tre siti produttivi a Flémalle, Tilleur e Dudelange dal 21 marzo. La scorsa settimana, Liberty ha anche sospeso le attività nel suo stabilimento Magona di Piombino.

Anche il gruppo brasiliano Gerdau, che sta posticipando cautelativamente tutte le iniziative di spesa in conto capitale 2020 a causa dell'incertezza sulla pandemia di coronavirus, ha sospeso tutte le operazioni in Perù e Argentina mentre ha sospeso le operazioni di fusione e laminazione nelle acciaierie con forno elettrico statunitensi di Jackson e Monroe nel Michigan e Fort Smith in Arkansas.

In India, invece, il governo centrale ha esortato quelli statali a impartire istruzioni adeguate per consentire movimenti interstatali senza restrizioni di camion che trasportano materie prime e acciaio finito al fine di mantenere una catena di approvvigionamento efficiente. Binoy Kumar, segretario alla siderurgia, ha scritto ai capi di Stato richiedendo che non vengano poste restrizioni al funzionamento delle miniere che forniranno materie prime per la produzione di acciaio.

In India, infatti, si prevede che la chiusura di impianti di produzione e della realizzazione di componenti per auto comporterà una perdita di fatturato superiore a 306 milioni di dollari al giorno. Rajan Wadhera, presidente della Society of Indian Automobile Manufacturing, ha dichiarato che questo «si tradurrebbe in una perdita totale di oltre 6 miliardi di dollari».

ARTICOLI CORRELATI

26 marzo 2020

“PANorami”: Coronavirus dramma per gli “autonomi”

L’appuntamento con l’attualità nella video-rubrica curata da Massimiliano Panarari

di Massimiliano Panarari

26 marzo 2020

Coronavirus: Tenaris pensa a taglio dividendi

Il gruppo posticipa al 2 giugno l’assemblea degli azionisti: «Nuove condizioni avranno impatto negativo»

di Marco Torricelli

26 marzo 2020

Coronavirus: nel Lazio, Aguzzi vuole resistere

Il produttore di grandi tubi, utilizzati anche per gli acquedotti, intenzionato a non fermare le lavorazioni

di Marco Torricelli

26 marzo 2020

Coronavirus: meccanica ferma al 93%

Per Antonio Gozzi impatto economico disastroso, serve avere le idee chiare su come ripartire

di Redazione Siderweb

25 marzo 2020

Il decreto “cura Italia”: le misure per il mondo del lavoro

L’analisi di Gianfranco Tosini del documento governativo

di Gianfranco Tosini

25 marzo 2020

Coronavirus: Lucchini RS dona 100mila euro

Andranno, insieme a circa duemila mascherine, agli ospedali di Lovere, Esine, Brescia e alla Protezione Civile

di Marco Torricelli

25 marzo 2020

Coronavirus: per l’ex Ilva si tratta ancora

Sindacati in Prefettura per chiedere «un assetto di marcia degli impianti a minimo regime»

di Gianmario Leone

25 marzo 2020

Michele Amenduni: «La salute delle persone è la priorità»

L'imprenditore "indignato" per la ricerca di cavilli da parte di alcune aziende per aggirare le disposizioni di chiusura

di Davide Lorenzini

25 marzo 2020

Coronavirus: Fucine Umbre e GoSource non fermano

Mentre Acciai Speciali Terni interrompe le produzioni, in Umbria c’è chi vuole continuare a produrre

di Marco Torricelli

25 marzo 2020

Coronavirus: ex-Ilva, il Prefetto chiede accertamenti

A Taranto verifiche dei vigili del fuoco prima della decisione finale se mantenere gli impianti in produzione

di Redazione Siderweb

24 marzo 2020

Scenari & Tendenze: «Recessione da coronavirus»

Secondo l'Osservatorio congiunturale quadrimestrale «il Pil potrebbe ridursi di oltre 3 punti percentuali»

di Marco Torricelli

24 marzo 2020

Coronavirus: a Taranto ArcelorMittal rallenta

Nuovo confronto sui provvedimenti con i sindacati, che insistono: «Ridurre i lavoratori presenti»

di Gianmario Leone

24 marzo 2020

Coronavirus, Arvedi: «L’attività prosegue»

Il gruppo ha ufficializzato la propria posizione: «Si lavora nel pieno rispetto del decreto governativo»

di Marco Torricelli

23 marzo 2020

Coronavirus: siderweb al fianco della filiera

Come sempre al servizio degli operatori di settore: il punto-video della settimana

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Se non cambiasse mai nulla non ci sarebbero le farfalle”

Anonimo

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

1 aprile 2020

In rosso le borse europee

Inchiodata del manifatturiero in Italia e nella zona euro

di Stefano Ferrari

1 aprile 2020

Coronavirus: ArcelorMittal ferma i cantieri a Taranto

Sono quelli relativi agli interventi per l’attuazione delle prescrizioni dell’Autorizzazione integrata ambientale

di Gianmario Leone

1 aprile 2020

Coronavirus: CNH ferma fino al 17 aprile in Italia

Lo stop doveva durare fino al 3, ma è stato deciso di prolungarlo per altre due settimane

di Marco Torricelli

1 aprile 2020

Caleotto a Feralpi: operazione formalizzata

Dopo il “via libera” dell’Antitrust l’azienda lecchese passa sotto il completo controllo del gruppo

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale 2019 - dodici mesi d'acciaio

Approfondimenti, analisi, prospettive di mercato, il nodo ex Ilva, interviste e prezzi.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Ricrea: torna “Il pomodoro. Buono per te, buono per la ricerca”
A cura di Marco Torricelli

Ricrea: torna “Il pomodoro. Buono per te, buono per la ricerca”

Il consorzio per il riciclo degli imballaggi in acciaio si conferma al fianco della Fondazione Veronesi

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali