Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Coronavirus. Riva Acciao «Operativi al 100%»

Il gruppo, che opera in sei Paesi, costretto però ad adeguare le produzioni a un mercato ancora molto lento

lettura-notizia

L’operatività degli stabilimenti controllati dal Gruppo Riva «è tornata ai livelli massimi dopo le soste imposte dal coronavirus – riferiscono fonti aziendali – e agli indispensabili interventi di ulteriore messa in sicurezza, che per noi hanno significato essenzialmente adeguarci alle normative straordinarie, visto che l’argomento è sempre stato al centro della politica aziendale».

Tutto risolto, quindi? Non proprio. «Diciamo che al momento i nostri impianti marciano sugli stessi ritmi che ormai possiamo definire ante-Covid, per rispondere alle esigenze di una filiera che nel suo complesso, seppur con marcate differenziazioni tra settori ed aree, si è ormai rimessa in marcia. Ma registriamo anche dei segnali non particolarmente incoraggianti».

Segnali che arrivano «da un mercato che risulta particolarmente poco attivo, a causa delle difficoltà che si registrano in settori decisivi come l’automotive, ad esempio, e che non garantiscono un’uniformità di forniture nel tempo. Di fatto – spiegano dal Gruppo Riva – crediamo che saremo costretti ad adeguare i nostri livelli produttivi ad una domanda che non garantisce quella continuità che sarebbe necessaria per mantenere gli standard massimi».

Standard che, il dato è riferito al 2018, hanno permesso di produrre 6,9 milioni di tonnellate di acciaio, con 665,7 milioni di euro ricavi ed un incremento del 21,7% rispetto anno precedente. Con un utile netto di 45,6 milioni di euro, a fronte di una perdita di 695 mila euro nell’esercizio precedente.

Tornando al mercato, dicono dal Gruppo Riva, «registriamo un buon movimento nel settore dell’acciaio per l’edilizia, mentre segnali negativi pervengono da quello degli acciai di qualità, sempre per le motivazioni collegate con la difficoltà, evidente a tutti, di quei settori che ne sono i maggiori utilizzatori».

Tutti dati che «non ci permettono di fare una proiezione relativa al possibile impatto che un lockdown durato due mesi potrà avere sui risultati del Gruppo in questo 2020, ma di sicuro possiamo già immaginare che non potremo aspettarci numeri particolarmente brillanti. L’esperienza fatta, però, abbinata alla ormai consolidata tradizione di un Gruppo capace di confrontarsi con esperienze sfidanti, ci permette di restare sereni e di cercare, come sempre, di mettere a frutto le nuove nozioni imparate».

Tra le quali c’è, certamente, spiegano dal Gruppo Riva, «quella del nuovo modo di lavorare che, di fatto, è stato imposto a noi come a tutti gli altri player di settore. Metodi e strategie con i quali, certamente, dovremo imparare a confrontarci anche in futuro, e non solo quello prossimo, e che se non messi a sistema nel modo migliore, come noi ci siamo già attrezzati per fare, potrebbero creare, basti pensare al distanziamento ed alle misure di prevenzione, delle difficoltà in aziende meno strutturate».

Inevitabile chiedere se, ultimamente, si sia gettato uno sguardo su quanto sta accadendo all’ex Ilva di Taranto, ma la risposta non farebbe la gioia di chi andasse in cerca di commenti piccanti: «Sì, certo – viene infatti risposto – ma come credo facciano tutti i player di settore. Registriamo che ci sono evidenti problemi, ma noi pensiamo solo al Gruppo Riva e a farlo crescere ancora».

 


Coronavirus. Mollificio Valli: «2020 sarà pesante»

Angelo Passarotti spiega che «chiuderemo con una flessione superiore al 30% e anche il 2021 sarà difficile»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Agrati: «Gli investimenti proseguono»

Il Ceo Paolo Pozzi: «L’anno si chiuderà sicuramente in passivo, ma il mondo andrà avanti e noi non ci fermiamo»

di Marco Torricelli

Coronavirus. ASONEXT: «L’export ci sostiene»

Vincenzo Mazzola: «Nel complesso volumi in calo. Speriamo in un recupero nel secondo semestre»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Armella: «Cogliere i cambiamenti»

Il direttore generale di Schiavetti Lamiere forate illustra la strategia per “resistere” all’impatto dell’epidemia

di Marco Torricelli

Coronavirus. Anghileri: «Domanda ancora debole»

La giovane COO del centro servizi Eusider: «Le risorse promesse non sono ancora arrivate alle imprese»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Ring Mill: «Temiamo il contraccolpo»

Sebastian Galperti: «Per noi il periodo peggiore potrebbe arrivare tra poco, ma siamo pronti ad affrontarlo»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Granzotto: «Perso ben più di un mese»

Alla Tecnosider Refrattari, però, «gli effetti della ripartenza si stano cominciando a vedere. Siamo ottimisti»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Ferrato: «Gli ordini sono scarsi»

Il titolare, Mauro Ferrato: «C’è in corso una guerra sui prezzi, ma non ci si rende conto che danneggia tutti»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Colfer: «Anticipate le manutenzioni»

Emanuela Baruzzi spiega: «Tirata a lucido l’azienda per essere pronti a lavorare ad agosto»

di Marco Torricelli

Coronavirus, Cappeller: «Mollifici in difficoltà»

Andrea Zonta è preoccupato: «Ripartenza molto al di sotto delle aspettative. Automotive in stallo»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Fondi-Metal: «Burocrazia nemica»

Francesco Paolo Marino è risoluto: «Il mercato del rottame va a rilento, ma noi vogliamo andare avanti»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Precorvi: «Nuovi ordini non arrivano»

Alla Gatti Precorvi c’è apprensione: «Il crollo del PIL lo pagheremo soprattutto noi imprenditori»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Bucciarelli: «Mercato ancora fermo»

Il titolare della Siderurgica Fiorentina non perde l’ottimismo: «Il virus ha fatto danni, ma li supereremo»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Callegari: «Bilanci da salvare»

Alla Sidertaglio Lamiere «dopo la fermata i volumi sono ridotti del 30% e i fatturati ne risentono pesantemente»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Bruschi: «L’imperativo è resistere»

Alla Ferrotubi e Derivati «compensi ridotti per il management, perché i sacrifici vanno divisi tra tutti»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Ronconi: «Perso il 70% degli ordini»

Il presidente e Ceo Gian Luigi Cambiaghi: «Noi fermati, all’estero no. Serve un piano per le opere pubbliche»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Tuxor: «“Fase 2” va presa di petto»

Giuseppe Ferrero, che guida l’azienda torinese, non ha dubbi: «Sarà una scalata di sesto grado, ma ce la faremo»

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Io combatto non per me, ma per i miei piccoli fratelli che stanno dormendo per terra, per la gente di colore che non può mangiare”

Muhammad Ali

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Coronavirus. Mollificio Valli: «2020 sarà pesante»

Angelo Passarotti spiega che «chiuderemo con una flessione superiore al 30% e anche il 2021 sarà difficile»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Agrati: «Gli investimenti proseguono»

Il Ceo Paolo Pozzi: «L’anno si chiuderà sicuramente in passivo, ma il mondo andrà avanti e noi non ci fermiamo»

di Marco Torricelli

Coronavirus. ASONEXT: «L’export ci sostiene»

Vincenzo Mazzola: «Nel complesso volumi in calo. Speriamo in un recupero nel secondo semestre»

di Marco Torricelli

Coronavirus. Armella: «Cogliere i cambiamenti»

Il direttore generale di Schiavetti Lamiere forate illustra la strategia per “resistere” all’impatto dell’epidemia

di Marco Torricelli

Coronavirus. Anghileri: «Domanda ancora debole»

La giovane COO del centro servizi Eusider: «Le risorse promesse non sono ancora arrivate alle imprese»

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale Congiuntura 2023

Produzione, commercio, prezzi: le analisi dei dati e dell'andamento dell'acciaio nel 2023 a cura dell'Ufficio Studi siderweb.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»
A cura di Federico Fusca

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»

Una sola richiesta: «Uniformare i sistemi di calcolo delle quantità riciclate per raggiungere i target comuni»