Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Coronavirus: nuove polemiche a Taranto

L’Asl ha chiesto ad ArcelorMittal di sospendere i test sierologici gratuiti e facoltativi per i lavoratori

Versione stampabile

TARANTO – Ha creato polemiche e stupore da parte dei sindacati metalmeccanici, la decisione del Dipartimento di Prevenzione della Asl di chiedere ad ArcelorMittal Italia, di sospendere i test seriologici gratuiti e facoltativi (chiamato “Progetto screening seriologico Igm/Igc SARS-Cov-2 test rapidi ad immunodiffusione laterale”), che l’azienda aveva iniziato la scorsa insieme ad una ditta sanitaria locale. 

L’Asl di Taranto avrebbe infatti gradito procedere per tappe concertate, attraverso un protocollo da redigere insieme all’azienda. Invece, dopo una prima interlocuzione sulla possibilità di effettuare un percorso per realizzare i test sui lavoratori, ArcelorMittal avrebbe iniziato i test senza avvertire il Dipartimento di Prevenzione che in tema di contagio da Covid-19 ha la responsabilità della gestione sul territorio provinciale. 

Inoltre, la Asl ha lamentato di non aver preso visione dell'atto di consenso di chi è sottoposto a questi test. Il lavoratore deve averte tutte le informazioni del caso: a cosa serve ciò a cui si sta sottoponendo, quale test sta effettuando, quali i risultati e il loro significato.

A non convincere anche l’iter scelto dall’azienda nella gestione dei lavoratori risultati positivi. La procedura scelta, qualora il primo test risulti positivo, è quello di effettuarne un secondo. A positività confermata, l’azienda avrebbe proceduto con l’avvertire il medico di base. Procedura che non è quella seguita dal Dipartimento di Prevenzione sin dal primo caso di Covid-19 registrato in provincia di Taranto. Infatti, il protocollo prevede che il soggetto positivo venga subito posto in quarantena presso la sua abitazione, per poi informare immediatamente il Dipartimento di Prevenzione della Asl: soltanto dopo si avvisa il medico di base, per poi procedere al famoso tampone che è a carico della stessa Asl.

Tra l’altro, sui primi 130 test sierologici effettuati, sono stati 4 i casi di positività, che sono stati subito presi in carico dal Dipartimento di Prevenzione. Chiara quindi la preoccupazione della ASL sulla gestione dei lavoratori positivi, qualora risulti diversa dalle procedure attuate sino ad oggi.

C’è poi la questione scientifica. La Asl ha evidenziato che i test in questione sono gravati da sensibilità e specificità molto variabili, il che non consente di effettuare una diagnosi della malattia, oltre ad essere attendibili soltanto al 60%.

Come evidenziato anche dal ministero della Salute, «questi test non sono sufficientemente attendibili, in quanto anche la rilevazione degli anticorpi non è sinonimo di infezione acuta in corso, mentre l’assenza di anticorpi non esclude la possibilità di un’infezione in atto in fase precoce e/o asintomatica. Inoltre, vi è la possibilità dei così detti fenomeni cross-reattività con altri patogeni affini, che potrebbero rendere il rilevamento degli anticorpi non specifico per Cov-2».

Per questi motivi l’esecuzione di tali test può risultare di scarsa utilità, fuorviante o dannosa, generando quindi nei lavoratori convinzioni fasulle e portarli a comportamenti errati. Per questo la Asl ha optato per la sospensione della procedura avviata da ArcelorMittal, che potra avvenire solo a valle di una necessaria pianificazione e valutazione congiunta delle iniziative da intraprendere e delle relative modalità di svolgimento.

ARTICOLI CORRELATI

5 maggio 2020

Coronavirus: a Taranto c’è una schiarita

La gestione dei test, in ArcelorMittal, aveva provocato delle tensioni, che però stanno rapidamente rientrando

di Gianmario Leone

5 maggio 2020

“PANorami”: fase due, cruciale la mobilità

L’appuntamento con l’attualità nella video-rubrica curata da Massimiliano Panarari

di Elisa Bonomelli

4 maggio 2020

Coronavirus. Gualtieri: «Decreto in settimana»

Il ministro dell'Economia lo ha detto stamattina nel corso di un’audizione alla Camera dei deputati

di Marco Torricelli

4 maggio 2020

Cina: l’impatto del coronavirus sull’acciaio

Da World Steel Association i primi “numeri” sul settore

di Stefano Ferrari

4 maggio 2020

Coronavirus: il punto-video della settimana

La nostra risposta all’emergenza e le iniziative per essere sempre più vicini agli operatori della filiera siderurgica

di Marco Torricelli

4 maggio 2020

Coronavirus: la Fase 2 fa guardare al futuro

Dopo la ripartenza ci si interroga sui nuovi modelli energetici. La parola d'ordine resta "Idrogeno"

di Davide Lorenzini
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

30 ottobre 2020

Semestrale fiacca per JSW Steel

Al giro di boa della metà anno fiscale output a -16% e vendite a -18%

di Davide Lorenzini

30 ottobre 2020

AST Terni: piano-ponte tutto da scrivere

La prima riunione tra azienda e sindacati non è entrata nel vivo della discussione: nuovo vertice il 4 novembre

di Marco Torricelli

30 ottobre 2020

US Steel: persi 234 milioni di dollari in tre mesi

Il risultato negativo del produttore di acciaio USA provocato anche da un calo delle vendite del 24%

di Marco Torricelli

30 ottobre 2020

Europa: il Pil aumenta meno che in Italia

Eurostat: «L’incremento, il più alto dal 1995, è stato del 12,7% nell’area dell’euro e del 12,1% nell’Ue»

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA e Eataly insieme per la sostenibilità
A cura di Marco Torricelli

RICREA e Eataly insieme per la sostenibilità

Il Consorzio sbarca tra gli scaffali per promuovere i valori dei contenitori in acciaio

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali