Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Borse: giornata controversa in tutto il mondo

Londra e Francoforte salgono, mentre Milano e Parigi scendono. Apre bene Wall Street, chiude male Tokyo

Versione stampabile

Giornata davvero faticosa per gli operatori di borsa in tutto il mondo. A livello macroeconomico, massiccio intervento della banca centrale cinese e allarme di Prometeia sullo stato dei mercati finanziari.

Borse – Nel vecchio continente giornata controversa per le borse: Milano cede lo 0,36%, Londra sale dello 0,16%, Parigi è in calo dello 0,36%, Francoforte avanza dello 0,84%. Male le borse asiatiche, a Tokyo l'indice Nikkei perde l'1,57% dopo essere sceso quasi del 4% e Shanghai perde lo 0,89%. Bene la Borsa Usa: il Dow Jones avanza nel pomeriggio dell'1,58% e il Nasdaq dell'1,48%.

L'euro chiude sotto 1,11 dollari e il biglietto verde continua ad avanzare. La moneta unica passa di mano a 1,1035 dollari e 119,13 yen. Su dollaro/yen a 108. La sterlina arretra dello 0,35% a 1,2411 dollari.

Macroeconomia – La banca centrale cinese taglia i tassi di interesse e inietta 50 miliardi di yuan (7 miliardi di dollari) nel sistema finanziario. La People's Bank of China annuncia di aver lanciato un'operazione di reverse repurchase da 50 miliardi di dollari e di aver tagliato il tasso di riacquisto inverso a sette giorni dal 2,40% al minimo storico del 2,20%, il più grande taglio dal 2015.

In Italia, secondo Prometeia «l’emergenza sanitaria che stiamo attraversando sta provocando una crisi sui mercati finanziari – gli indici azionari di Usa ed Europa sono caduti di circa il 30% da inizio anno mentre gli spread dei titoli corporate i sono impennati come neppure nella crisi del 2008-2009 – e determinerà una recessione mondiale di cui è ancora difficile stimare entità e durata, vista l’eccezionalità dello shock».

Stavolta la crisi ha origini diverse e «non è stata accompagnata, almeno per ora, da un calo di fiducia nel settore finanziario. Tuttavia le banche potrebbero comunque pagare costi elevatissimi derivanti dalla vulnerabilità di famiglie e imprese, e il conseguente forte aumento dei default sul credito. E questo nonostante gli interventi di sostegno messi in campo dai governi. Oltre a questo aspetto, per gli istituti si profilano perdite sul portafoglio di attività finanziarie, almeno per la parte più rischiosa, oltre a una forte riduzione dei ricavi. Ciononostante il settore, grazie agli sforzi per aumentare la propria solidità patrimoniale e ridurre i rischi di liquidità, dovrebbe essere maggiormente in grado di sostenere l’impatto della crisi».

ARTICOLI CORRELATI

3 aprile 2020

Borse europee: venerdì in contrazione

Europa: crolla l’attività economica a marzo

di Stefano Ferrari

2 aprile 2020

Segno più per le borse europee

Commissione Ue: attese altre misure a sostegno dell’economia

di Stefano Ferrari

1 aprile 2020

In rosso le borse europee

Inchiodata del manifatturiero in Italia e nella zona euro

di Stefano Ferrari

31 marzo 2020

Movimenti contenuti per le borse europee

Primi segnali positivi dall’economia cinese

di Stefano Ferrari

30 marzo 2020

Coronavirus, Banzato: «È ora di ripartire»

Dura presa di posizione del presidente di Federacciai: «Noi fermi e gli altri Paesi no. Così rischiamo grosso»

di Marco Torricelli

30 marzo 2020

Coronavirus, Gibellieri: «Non è la mia Europa»

Il membro del Bureau della CCMI critico sugli atteggiamenti nei confronti dell'Italia

di Marco Torricelli

30 marzo 2020

Il coronavirus è un «game changer»

Noci (Politecnico di Milano): «In vista cambiamenti macroeconomici, geopolitici e all'interno delle aziende»

di Stefano Ferrari

30 marzo 2020

Coronavirus: il punto-video della settimana

La nostra risposta all’emergenza e le iniziative per essere sempre più vicini agli operatori della filiera siderurgica

di Marco Torricelli

26 marzo 2020

L’acciaio ai tempi del coronavirus

Un webinar su mercato e prospettive dedicato alla community siderurgica anche in diretta su YouTube

di Redazione Siderweb
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

18 settembre 2020

Ferrocromo ancora invariato

Nel quarto trimestre Merafe non cambia le quotazioni per l’Europa

di Stefano Ferrari

18 settembre 2020

Istat: crescono fatturati e ordinativi industriali

A luglio si è registrato un aumento di entrambi, ma la metallurgia e l’automotive sono in controtendenza

di Marco Torricelli

18 settembre 2020

Acciaio: Celsa chiede aiuto al governo della Spagna

Il gruppo iberico conta di ottenere 200 milioni di euro per far fronte alle difficoltà indotte dal Covid-19

di Marco Torricelli

18 settembre 2020

siderweb TG

Mercato dell'acciaio, il nuovo piano di JSW Steel Italy e la transizione europea verso un acciaio verde

di Elisa Bonomelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali