SIDERWEB - La community dell'acciaio

Minerale vs rottame: differenziale al minimo

Il crollo dei prezzi del secondo e la tenuta del primo ha determinato una situazione che si registrava dal 2015

I nostri video

La scorsa settimana il rapido crollo dei prezzi dei rottami turchi ha portato il differenziale tra rottame e minerale di ferro a minimi storici. Nonostante le difficoltà dei mercati mondiali dell'acciaio, il minerale di ferro tiene tra gli 80 e i 90 dollari la tonnellata, nel frattempo la scorsa settimana i rottami turchi hanno toccato il minimo da quattro anni a questa parte.

Secondo Kallanish, il differenziale tra i due principali indici delle materie prime ha raggiunto un livello record, che non si vedeva dal quarto trimestre del 2015. A metà della scorsa settimana, i rottami turchi venivano venduti ad un premium di poco superiore a 120 dollari la tonnellata rispetto al minerale di ferro cinese. Questo differenziale è rapidamente tornato a oltre 150 dollari la tonnellata verso all’inizio di questa settimana quando il minerale di ferro è sceso ed il rottame è rimbalzato a oltre 240 dollari la tonnellata CFR Turchia, da meno di 210 dollari la tonnellata a metà della scorsa settimana.

Nel quarto trimestre del 2015 il differenziale tra i due livelli di materie prime era sceso al di sotto di 120 dollari la tonnellata, ma a quel tempo i rottami venivano scambiati a meno di 170 dollari la tonnellata CFR in Turchia e il minerale di ferro cinese aveva difficoltà a superare i 50 dollari la tonnellata CFR in Cina.

L'anno scorso, ad esempio, in media il differenziale tra rottame e minerale di ferro si è attestato a quasi 180 dollari la tonnellata. Il differenziale è stato relativamente elevato anche se il 2019 ha rappresentato un anno davvero eccezionale poiché il minerale di ferro ha raggiunto livelli record al di sopra di 120 dollari la tonnellata, mentre i rottami turchi hanno seguito un trend negativo per gran parte dell'anno.

La riduzione del differenziale dei costi delle materie prime a breve termine potrebbe contribuire a rafforzare la competitività dei produttori da forno elettrico, già ben posizionati nell'attuale emergenza a causa della possibilità di limitare e aumentare rapidamente la produzione. A lungo termine, tuttavia, le prospettive rimangono difficili poiché il prezzo del minerale di ferro sta cercando di mantenersi forte grazie al fatto che anche le miniere hanno ridotto la loro produzione, ma i livelli del rottame potrebbero riprendersi rapidamente se i blocchi in Europa saranno allentati nei prossimi due mesi.

La scorsa settimana le scorte di minerale di ferro nei porti cinesi hanno continuato a diminuire. Le scorte in 35 porti sono diminuite di 910.000 tonnellate arrivando a 106,86 milioni di tonnellate, secondo un conteggio ufficiale. I dati hanno mostrato una leggera riduzione delle consegne dai porti, in parte a causa delle restrizioni alla produzione a Tangshan. Tale tendenza dovrebbe continuare.

La fornitura di minerale di ferro è un'altra causa di incertezza. A livello globale, ci sono alcuni tagli in corso da parte dei fornitori. Oltre alle chiusure di alcune miniere, la notizia che Vale sarà costretta a chiudere più ancora qualche diga sta causando la preoccupazione che le spedizioni possano cadere. Ciò è tuttavia compensato dall'atteso calo della domanda da parte del resto del mondo. Un numero crescente di carichi che normalmente verrebbero venduti in Europa o altrove dovrebbe essere dirottato verso i porti cinesi nelle prossime settimane.

090420

Fonte: Kallanish

E. N.