Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Begni Group: mercato in sensibile crescita

Moretti: «Premiati gli sforzi fatti nel 2021». A Made in Steel si punterà sulla digitalizzazione

Translated by Deepl

TRAVAGLIATO (BS) - Se mancano, si spezza la catena produttiva di tubi e barre trafilate. Sono le brache in poliestere e in fune d’acciaio, che permettono che il sollevamento dei prodotti lunghi in fase di carico e scarico avvenga in sicurezza. «Oggi in Occidente non c’è tubificio o trafileria che non utilizzi questo tipo di prodotto» sottolinea Francesco Moretti, direttore generale di Begni Group. L’azienda, fondata dal nonno materno Michele Begni, opera a Travagliato, in provincia di Brescia, dal 1952. Settant’anni che hanno visto una rivoluzione del modello di business all’inizio degli anni Duemila: il passaggio dalla vendita del semilavorato a quella del prodotto finito, grazie a una joint venture con un produttore cinese e alla collaborazione continuativa con altri partner in Cina. «La produzione italiana non era sufficiente ad alimentare il mercato nazionale in modo efficiente, sia in termini di sicurezza, che di prezzo, che di puntualità delle consegne. La qualità è la chiave di volta che ha reso vincente la scelta di andare in Cina – ricorda oggi Moretti -. In Europa è molto difficile garantire un tale controllo qualità su milioni di pezzi l’anno. Per molte ragioni, e non solo legate al costo». La scelta di delocalizzare circa 15 anni fa, insomma, «è stata imposta dal principio di sopravvivenza: Begni Group non avrebbe potuto competere con questi numeri, con questo controllo qualità e con questo livello di automazione, né fare ricerca continua».

E di investire. «Due anni fa abbiamo potenziato il nostro magazzino di Travagliato, puntando su capacità di stoccaggio e automazione. Disponiamo di oltre 2mila pallet di materiale sempre pronto per la clientela». Perché oggi, sottolinea Begni, «è fondamentale avere scorte significative per poter offrire un “polmone” di materiale in pronta consegna, per sopperire ai picchi di domanda».

Proprio i costi e i tempi di consegna sono stati il grande problema degli ultimi anni. «Con l’impennata dei noli marittimi, la scarsità di navi e i vari focolai di Covid-19 che hanno interrotto la supply chain, il 2021 è stato il periodo più problematico degli ultimi anni. Nonostante questo – ricorda Moretti – abbiamo stretto i denti e onorato gli impegni presi con i clienti, rispettando i prezzi e i tempi di consegna pattuiti». Anche a costo di sacrificare la marginalità: «È nostra prassi sottoscrivere accordi quadro di lunga durata con i clienti, fissando in autunno il prezzo della merce e la scadenza delle consegne per l’anno successivo. Nel 2021, questi contratti hanno favorito molto i clienti, che hanno chiuso accordi molto vantaggiosi» ricorda il direttore generale.

Ma «non abbiamo chiesto una rinegoziazione dei contratti, integrativi o aggiustamenti di prezzo, onorando i tempi di consegna. E questo ci ha premiato». Spiega infatti Moretti che, dopo la rinegoziazione dei contratti a fine 2021, «le nostre quote di mercato nel 2022 sono cresciute moltissimo, i volumi sono aumentati in modo significativo e la marginalità è buona, con i prezzi di materia prima e noli che sono più stabili». Certo «siamo consapevoli dell’enorme incertezza che regna sull’acciaio e l’industria energivora in generale. Potrebbe esserci una riduzione della produzione nel 2023 – sottolinea Moretti -. Nel frattempo, però, stiamo registrando volumi in nettissima crescita in alcuni comparti, come i tubi senza saldatura e alcuni acciai speciali». 

Proprio nel 2023 Begni Group non mancherà all’appuntamento con Made in Steel, la Conference & Exhibition internazionale per la filiera dell’acciaio, cui partecipa dalla prima edizione, dal 2005. «Siamo cresciuti insieme all’evento e ne abbiamo constatato l’incredibile evoluzione – racconta Moretti -. Ricordo bene le prime edizioni, quando l’acciaio viveva momenti di grandissima abbondanza. Oggi alcune aziende non ci sono più, molte altre hanno saputo crescere e migliorare. Ciò che non è cambiato è il fatto di poter trovare in un unico evento internazionale clienti che vengono da tutta Italia e dal resto d’Europa, e i nostri collaboratori commerciali che abbiamo sul territorio. La tre giorni è l’occasione per discutere di strategie e per confrontarsi con opportunità e problemi del mercato». Opportunità che, ne è convinto Moretti, passano anche dalla digitalizzazione: «Da due anni abbiamo avviato un’importante collaborazione con un’azienda di Taiwan che produce anche microchip – spiega il direttore generale -. Perché anche i nostri prodotti per il sollevamento non monouso devono avere una loro tracciabilità digitale, per monitorare tutti gli eventi lungo il loro ciclo di vita e permettere una manutenzione predittiva. A Made in Steel dedicheremo grande spazio a questo nuovo progetto».


Dneprospetsstal: nessun ordine cancellato o inevaso

Il gruppo ucraino tornerà a Made in Steel per consolidare la sua presenza sul mercato nazionale

di Elisa Bonomelli

Fratelli Cosulich: «Nell’acciaio non ci fermeremo»

Il colosso dello shipping è reduce dall’acquisizione di Profilmec e a maggio tornerà a Made in Steel

di Elisa Bonomelli

ABS investe per crescere ancora

Il produttore di speciali a maggio tornerà a Made in Steel

di Redazione siderweb

Metallurgica Marcora: allo studio la laminazione di tondi

L'azienda milanese a maggio tornerà a Made in Steel

di Daniela Affinita

Mercato flash

Domanda, offerta e prezzo dell’acciaio sulla piazza commerciale italiana a ottobre

di Redazione siderweb

Made in Steel 2023, ecco gli espositori

Verso la Conference & Exhibition internazionale dell’acciaio: le voci, le attese e i progetti della filiera

di Redazione siderweb

Ametek torna a Made in Steel con Spectro

È tra i principali fornitori mondiali di strumenti analitici a emissione ottica per l'analisi dei metalli

di Daniela Affinita

GENERATIONS, re-imagining our world è il titolo di Made in Steel 2023

In soli quattro mesi vendite record: già occupato oltre il 70% dell’area espositiva

di Redazione siderweb

Sideralba vuole crescere ancora nel 2023

L'intervista all'amministratore delegato Luigi Rapullino. Le prospettive verso Made in Steel

di Daniela Affinita

Pipex Italia: 2022 migliore del 2021, nuovi mercati di nicchia

Dalla crisi energetica anche opportunità per i tubi senza saldatura. Novità in vista di Made in Steel 2023

di Elisa Bonomelli

EUR-ACCIAI, crescere all'estero anche grazie a Made in Steel

Ecco gli obiettivi dell'azienda presentati dal vicepresidente Pietro Ricchiuti

di Daniela Affinita

ArcelorMittal CLN: mercato debole, ma prezzi in aumento

Viganò: incrementi «inderogabili per compensare la crescita dei costi». Made in Steel «un concentrato di relazioni»

di Elisa Bonomelli
Altre News

Lascia un Commento



“Io combatto non per me, ma per i miei piccoli fratelli che stanno dormendo per terra, per la gente di colore che non può mangiare”

Muhammad Ali

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Dneprospetsstal: nessun ordine cancellato o inevaso

Il gruppo ucraino tornerà a Made in Steel per consolidare la sua presenza sul mercato nazionale

di Elisa Bonomelli

Fratelli Cosulich: «Nell’acciaio non ci fermeremo»

Il colosso dello shipping è reduce dall’acquisizione di Profilmec e a maggio tornerà a Made in Steel

di Elisa Bonomelli

ABS investe per crescere ancora

Il produttore di speciali a maggio tornerà a Made in Steel

di Redazione siderweb

Metallurgica Marcora: allo studio la laminazione di tondi

L'azienda milanese a maggio tornerà a Made in Steel

di Daniela Affinita

Mercato flash

Domanda, offerta e prezzo dell’acciaio sulla piazza commerciale italiana a ottobre

di Redazione siderweb
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale Congiuntura 2023

Produzione, commercio, prezzi: le analisi dei dati e dell'andamento dell'acciaio nel 2023 a cura dell'Ufficio Studi siderweb.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»
A cura di Federico Fusca

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»

Una sola richiesta: «Uniformare i sistemi di calcolo delle quantità riciclate per raggiungere i target comuni»