Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

La strategia per il futuro di Gmh International

La controllata del gruppo tedesco a Made in Steel per la terza volta per dare un segnale di continuità

Versione stampabile

Tornerà a Made in Steel per la terza volta, dopo un anno turbolento quale è stato il 2020, per riprendere le fila del progetto lanciato 5 anni fa. Un progetto che la Gmh International, nel frattempo, ha continuato a sviluppare: quello cioè di essere sia il braccio commerciale del tedesco Gmh Gruppe, sia il promotore del processo di sviluppo del business della “casa madre”. «C’è molto spazio, soprattutto all’estero, per la creazione di sinergie tra le diverse aziende del nostro gruppo. Aziende che spesso sono conosciute come singole realtà, senza che si percepiscano quindi le potenzialità complete della nostra organizzazione» spiega Stefano Gobbi, amministratore delegato di Gmh International

Il Gruppo Gmh comprende oltre 20 aziende che operano nel settore siderurgico, con una capacità di circa 1,5 milioni di tonnellate l’anno di un’ampia gamma di prodotti lunghi in acciai speciali (lingotti, grezzi di colata continua, barre laminate, prodotti pelati, rettificati, componenti per automotive, acciai per utensili, per stampi, pezzi forgiati anche di grosse dimensioni…). La mobilità rappresenta il 65% del fatturato, mentre il restante 35% deriva dal segmento industriale. 

«Il messaggio che daremo a Made in Steel è quello della continuità, più che del lancio di nuovi progetti» anticipa Gobbi. Continuità che è quindi fatta di vendita e rappresentanza da un lato, di business development – anche su scala internazionale - dall’altro, anche grazie a «un team consolidato, che ha al suo interno anche persone con forte estrazione tecnica», formato dopo la transizione dalla vecchia Gmh Italia, che era il braccio commerciale italiano di alcune aziende del gruppo tedesco, alla nuova Gmh International, che vuole diventare «un ponte tra il mercato e l’intero gruppo», puntando su nuovi prodotti e sinergie. 
«Ci darà una soddisfazione non comune per poter rivedere le persone a Made in Steel – racconta l’amministratore delegato -. Oggi siamo in una situazione un po’ paradossale e frustrante».

Dopo il calo importante del fatturato registrato nel 2020, dovuto al colpo subito tra marzo e maggio, l’obiettivo per quest’anno è di recuperare questa perdita, «in un’ottica complessiva di gruppo, che è molto focalizzato sui clienti storici: i grandi stampatori tedeschi. Puntiamo a tornare ai numeri del 2019 – spiega Gobbi -. Un traguardo che sembra raggiungibile in termini di marginalità e anche di volumi. Da settembre 2020 in avanti le cose si sono mosse in questa direzione». 

«La domanda si sta normalizzando – aggiunge -. La spinta più forte arriva dall’automotive, che è crollata prima ma che è anche ripartita prima. All’inizio timidamente, ora in modo più burrascoso e impetuoso. Ma anche gli altri settori industriali (ferroviario, eolico, navale…), ad eccezione dell’oil & gas, si sono ripresi e ci fanno sperare positivamente per quest’anno».


Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Verso il futuro: acciaio e innovazione

Il viaggio di siderweb per verificare l’impatto delle soluzioni tecnologiche innovative sulle produzioni

ARTICOLI SIMILI

22 febbraio 2021

Mercato: frenano i rincari dei lingotti

Dopo gli incrementi di inizio anno, i prezzi sono in una fase di stabilizzazione, ma si attendono nuovi rialzi

di Marco Torricelli

12 febbraio 2021

Steel Service a Made in Steel per rinascere

Nuovi prodotti e progetti per il distributore di acciai inox speciali di Codogno

di Elisa Bonomelli

5 febbraio 2021

Dolomite Franchi: la garanzia del “made in Italy”

Preoccupa la “tassa ambientale” sulle emissioni di CO2. Non si fermano gli investimenti

di Elisa Bonomelli

29 gennaio 2021

siderweb TG: l'acciaio riparte da Made in Steel

Tutte le notizie principali della settimana sulla siderurgia nazionale

di Elisa Bonomelli

29 gennaio 2021

AARTEE E&C punta sul “green steel”

L’impiantista per la seconda volta a Made in Steel per cogliere le opportunità dei nuovi trend della produzione

di Elisa Bonomelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale duemilae20

La cronaca siderurgica e le analisi su prezzi, domanda e produzione.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Acciaio: RICREA a scuola per promuovere il riciclo
A cura di Marco Torricelli

Acciaio: RICREA a scuola per promuovere il riciclo

Al via l’ottava edizione del progetto educativo “Ambarabà Ricicloclò”: quest’anno coinvolto anche l’estero

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali