SIDERWEB - La community dell'acciaio

Coronavirus, IndustriALL: «Tutelare i lavoratori»

L’organizzazione sindacale europea riconosce che si è fatto «un passo avanti rispetto alla crisi del 2008»

I nostri video

Anche il sindacato europeo IndustriALL dà la sua chiave di lettura delle conseguenze provocate dalla pandemia di coronavirus, ricordando che «il mese di marzo è stato caratterizzato da molteplici annunci di interruzioni di produzione nell'industria siderurgica europea, a partire da quelle degli impianti di assemblaggio di automobili, che rappresentano il 18% degli sbocchi diretti di acciaio europei e quasi il 25% di quelli indiretti, una cifra però molto inferiore a quella relativa al settore delle costruzioni, che rappresenta il 35%. Tuttavia, la chiusura dell'industria automobilistica sta avendo un forte impatto sugli impianti di prodotti piani, che in Europa operano ancora in modo integrato, dal minerale di ferro alla ghisa e all'acciaio di alta qualità».

IndustriALL dice poi che «c'è stato un forte calo degli ordini (o interruzione completa) nell'industria aerospaziale, meccanica, petrolifera e del gas che ha un impatto diretto sulla siderurgia europea. Il settore era già in crisi nel 2020 e le aziende dichiarano di essere in difficoltà a causa di ordini non riusciti, mancanza di personale (per motivi di salute) e interruzioni del lavoro a causa delle precauzioni di sicurezza».

Inoltre, dice IndustriALL, «il gruppo ArcelorMittal ha annunciato la chiusura di un altoforno a Gand per lavori di ristrutturazione previsti per settembre 2020, che potrebbero essere anticipati a seconda degli ordini e tutto quello che rimarrebbe sarebbe il sito polacco di Dabrowa Gornica, che continuerebbe lunghi e piani con i suoi due altiforni. Questa panoramica degli arresti di altiforni nei paesi dell'Unione europea mostra una chiara disconnessione tra il gruppo ArcelorMittal, che sta chiudendo in maniera massiccia le sue operazioni, e gli altri piccoli produttori europei che, a questa data, hanno annunciato solo rallentamenti che portano a tagli alla produzione».

Il sindacato europeo, poi, esamina la situazione della Germania: «La gestione della diffusione della pandemia in Germania, basata sul dialogo sociale, ma anche e soprattutto su un apparato industriale disponibile per produrre i beni e i servizi necessari per affrontarlo, consente di limitare l'impatto sulle fabbriche e occupazione. Il rapporto tra la capacità di un Paese di far fronte alla pandemia – è il commento – e l'impatto sulla sua economia e industria sembra quindi essere vero».

Diverso il discorso relativo ai Paesi nordici: «Gli altiforni chiusi alla fine del 2019 da SSAB a Raahe in Finlandia o ad Oxelosund in Svezia sono tornati in funzione all'inizio del 2020 e non si registrano annunci di alcuna interruzione della produzione. Questi casi sono interessanti – dice IndustriALL – perché per il momento la Svezia ha optato per la strategia dell'immunità di gregge, per combattere gli effetti del coronavirus, che limita il confinamento, mentre la Finlandia è stata finora poco colpita e ha appena limitato i viaggi intorno alla capitale Helsinki.

Il sindacato europeo, ovviamente, non poteva non fare riferimento al fatto che «l'attuale pandemia di Covid-19 non deve essere utilizzata dai datori di lavoro per minare i diritti dei lavoratori e saranno necessari enormi impegni da parte dei governi nazionali per sostenere il settore (in particolare le PMI) in futuro. Lo stato di avanzamento dell'industria siderurgica europea integrata sarebbe incompleto senza menzionare la generalizzazione dei programmi nazionali di lavoro a breve termine. Questo sembra essere un passo avanti rispetto alla crisi del 2008, quando molti dipendenti hanno dovuto far fronte a condizioni economiche gravemente deteriorate per sé stessi e le loro famiglie. Tuttavia, queste condizioni rimangono altamente disuguali tra i Paesi».

030420

M. T.