Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Amenduni Tubi Acciaio, nuovi investimenti sulla qualità

Michele Amenduni: «Sul mercato stiamo affrontando dei mesi duri, ma la situazione dovrebbe stabilizzarsi a breve»

DÜSSELDORF - «Questa fiera è in parte lo specchio di quello che sta succedendo sul mercato europeo in termini di concorrenza». Con la franchezza che lo contraddistingue Michele Amenduni, patron del gruppo Amenduni Tubi Acciaio, non esita a togliersi qualche sassolino dalla scarpa sulla gestione degli spazi nell'edizione 2022 del Tube di Düsseldorf

«Il Tube è una fiera da sempre molto importante perché all'internazionalità unisce la specificità sul prodotto tubo, per cui ha da sempre un livello di visitatori molto qualificato. Devo però constatare che in questa edizione si sia stati particolarmente lascivi con player turchi che non rispettando o portando al limite interpretativo le regole per la realizzazione degli stand fanno una concorrenza sleale, così come la fanno direttamente sul mercato siderurgico quando possono esportare in Europa producendo con regole competitive completamente diverse dalle nostre. Scelte che penalizzano anche i nostri investimenti negli stand e non solo». 

Passando alla fase di mercato, anche l’imprenditore bresciano ne conferma la difficoltà.

«Al momento stiamo incontrando una fase di mercato complessa visti i prezzi uniformemente in discesa siamo però convinti che abbiamo raggiunto la base, anche perché se scendessero ancora si raggiungerebbe un livello in cui difficilmente si può lavorare in maniera seria. Bisognerà porre attenzione che, come nel recente passato, non vi siano incrementi troppo repentini legati a componenti puramente speculative e che alimentano una volatilità eccessiva».

Un mercato complesso che viene però da oltre un anno di andamento positivo, come hanno confermato i risultati raggiunti dal gruppo ben radicato nel Nord Italia.

«Il 2021 è andato molto bene, come gruppo abbiamo superato un fatturato da 300 milioni di euro con dei margini importanti, basti pensare che l’utile netto si è assestato attorno ai 20 milioni di euro. Anche il 2022 è iniziato molto bene, però ora si è fermato. La situazione in questa fase è particolarmente delicata perché stiamo ricevendo materia prima pagata molto cara, ma a fronte dei prezzi dei tubi trasformati ben diversi da quelli presenti al momento dell’acquisto. Stiamo affrontando dei mesi duri in attesa che la situazione si stabilizzi. Vedo comunque la seconda parte dell'anno molto complicata all'orizzonte con il checkpoint per capire l'evoluzione a settembre al rientro dalla pausa estiva».

Risorse di cassa che come spesso accade per le imprese italiane vengono utilizzate per ammodernare gli impianti e migliorarne la qualità.

«Abbiamo in programma degli investimenti per upgrade qualitativi importanti per la linea che fa fino ai 20 pollici – ha spiegato Amenduni in chiusura di intervista –. Abbiamo già avviato una nuova linea di rivestimento per servire il mercato americano e le zone limitrofe. L'idea è di migliorare le linee presenti per ora senza aggiungere ulteriore capacità produttiva.


Lascia un Commento



“Se ci tengo a fare qualcosa, non lo chiamo lavoro”

Richard Bach

DOSSIER

Dossier

Acciaio, allarme rosso per la cybersecurity

Un viaggio di siderweb per verificare l’impatto degli attacchi informatici sulla filiera siderurgica

ARTICOLI SIMILI

30 giugno 2022

Amenduni Tubi Acciaio, nuovi investimenti sulla qualità

Michele Amenduni: «Sul mercato stiamo affrontando dei mesi duri, ma la situazione dovrebbe stabilizzarsi a breve»

di Davide Lorenzini

9 febbraio 2022

Venerdì l'ultimo saluto al cavalier Nicola Amenduni

Il ricordo di alcuni siderurgici italiani e delle istituzioni

di Davide Lorenzini

7 febbraio 2022

L'acciaio italiano piange il cavalier Nicola Amenduni

Il patron delle Acciaierie Valbruna si è spento a Vicenza a 103 anni

di Redazione siderweb

3 maggio 2022

Centro Inox: Zoppegni confermato presidente fino al 2024

Nella squadra di presidenza restano anche Ernesto Amenduni Gresele e Giancarlo Stringhini

di Redazione siderweb

16 dicembre 2021

Il costo dell'energia supporterà i prezzi dei lunghi a inizio 2022

Difficile si verifichino sensibili ribassi nel primo trimestre alla luce degli alti costi di produzione

di Emanuele Norsa
Altre News

MERCATI

Riciclo imballaggi

RICREA: la raccolta differenziata non va in vacanza
A cura di Stefano Gennari

RICREA: la raccolta differenziata non va in vacanza

Al via "Cuore Mediterraneo", per spiegare ai cittadini il valore della raccolta differenziata e l’importanza del riciclo