Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Coronavirus: le misure del “Cura Italia”

Interventi sul fronte fiscale e su quello finanziario, ma si registrano troppe mancanze che potrebbero rivelarsi fatali

Versione stampabile

Nuovo approfondimento sul provvedimento da 25 miliardi varato dal Governo per sostenere l’Italia nella tempesta corona virus. Gianfranco Tosini dell’Ufficio studi siderweb analizza ulteriori aspetti e opportunità del provvedimento con un focus particolare sulle misure dedicate alle imprese.

Il decreto “Cura Italia” interviene a favore delle imprese su due fronti principali:

  1. a) sul fronte fiscale, con la sospensione degli obblighi di versamento per tributi e contributi nonché di altri adempimenti fiscali ed incentivi fiscali per la sanificazione dei luoghi di lavoro e premi ai dipendenti che restano in servizio;
  2. b) sul fronte finanziario, mediante il supporto al credito per micro, piccole e medie imprese, attraverso il sistema bancario e l’utilizzo del fondo centrale di garanzia.

Le misure fiscali

Sospensione, per i settori più colpiti, dei versamenti delle utenze, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria per i mesi di marzo e aprile, insieme al versamento Iva di marzo. I settori interessati sono: turistico-alberghiero, termale, trasporti passeggeri, ristorazione e bar, cultura, sport, istruzione, parchi divertimenti, eventi, sale giochi e centri scommesse. Sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi per contribuenti con fatturato fino a 2 milioni di euro. Differimento della scadenza (dal 16 al 20 marzo), per gli operatori economici ai quali non si applica la sospensione, del termine per i versamenti dovuti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, inclusi quelli relativi ai contributi previdenziali ed assistenziali ed ai premi per l’assicurazione obbligatoria. Sospensione, fino al 31 maggio 2020, dei termini relativi alle attività di liquidazione, controllo, accertamento, riscossione e contenzioso, da parte degli uffici dell’Agenzia delle entrate. Sospensione dei termini per la riscossione delle cartelle esattoriali, per saldo stralcio e per rottamazione. Premio di 100 euro netti ai lavoratori con reddito annuo fino a 40 mila euro che, nel mese di marzo, svolgono la propria prestazione sul luogo di lavoro (non in smart working). Introduzione di incentivi e contributi per la sanificazione e sicurezza sul lavoro, attraverso la concessione di un credito d’imposta, nonché contributi attraverso la costituzione di un fondo Inail.

Le misure a sostegno della liquidità

Per evitare alle imprese la carenza di liquidità sono previsti diversi interventi, anche attraverso la collaborazione con il sistema bancario. I principali sono: la moratoria dei finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese, riguardanti mutui, leasing, aperture di credito e finanziamenti a breve in scadenza; potenziamento del Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese, anche per la rinegoziazione dei prestiti esistenti. Le modifiche riguardano: la gratuità della garanzia del Fondo, con la sospensione dell’obbligo di versamento delle previste commissioni per l’accesso al Fondo stesso; l’ammissibilità alla garanzia di operazioni di rinegoziazione del debito, per consentire di venire incontro a prevedibili, immediate esigenze di liquidità di imprese ritenute affidabili dal sistema bancario; l’allungamento automatico della garanzia nell’ipotesi di moratoria o sospensione del finanziamento correlata all’emergenza del corona virus; la previsione, per le operazioni di importo fino a 100 mila euro, di procedure di valutazione per l’accesso al Fondo ristrette ai soli profili economico-finanziari al fine di ammettere alla garanzia imprese che registrano tensioni con il sistema finanziario in ragione della crisi connessa alla pandemia; l’eliminazione della commissione di mancato perfezionamento per tutte le operazioni non perfezionate; la possibilità di cumulare la garanzia del Fondo con altre forme di garanzia acquisite per  operazioni di importo e durata rilevanti nel settore turistico-alberghiero e delle attività immobiliari; la possibilità di accrescere lo spessore delle tranche Junior garantite dal Fondo a fronte di portafogli destinate ad imprese/settori/filiere maggiormente danneggiate dall’epidemia; la possibilità di istituire sezioni speciali del Fondo per sostenere l’accesso al credito di determinati settori economici o filiere d’imprese, su iniziativa delle amministrazioni di settore anche unitamente alle associazioni di riferimento; l’estensione del limite per la concessione della garanzia da 2,5 a 5 milioni di finanziamento.

Altri interventi riguardano il rafforzamento dei Confidi per le micro imprese, attraverso misure di semplificazione; la possibilità di corrispondere agli azionisti ed agli obbligazionisti danneggiati dalle banche un anticipo del 40% dell’importo di indennizzo spettante a valere sul Fondo indennizzo risparmiatori (FIR); introduzione di un meccanismo di controgaranzia per le banche da parte della Cassa Depositi e Prestiti, con cui consentire l’espansione del credito anche alle imprese medio-grandi impattate dalla crisi. L’obiettivo è di liberare circa 10 miliardi di ulteriori investimenti.

Rilievi ai provvedimenti

Aver messo limiti di dimensione molto bassi (fatturato sotto 2 milioni di euro) alla possibilità di superare le scadenze fiscali e contributive è discutibile, sia perché si impongono delle procedure di verifica che in questa fase sarebbe meglio evitare, sia perché rischiano di fallire molte imprese (soprattutto le medio-grandi), con ricadute pesantissime su tutto il sistema economico. L’universalità del provvedimento non significa necessariamente l’universalità del ricorso ad esso. È assolutamente necessario che il ricorso alla sospensione delle scadenze per i debiti fiscali e commerciali venga fatto solo dalle imprese che ne hanno veramente bisogno. Le altre, che non si trovano nella necessità di accedere agli strumenti di sostegno offerti dal governo, devono astenersi dal richiederli per non aggravare la crisi di liquidità e la crescita del disavanzo pubblico.

Pertanto, nel prossimo decreto, la sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari dovrebbe riguardare tutte le imprese che presentano situazioni di comprovata difficoltà, attestata da cali di fatturato almeno del 20% Inoltre, si dovrebbe disporre che il versamento dei tributi riprenderà a decorrere da sessantesimo giorno successivo alla dichiarazione di fine emergenza e avverrà in modo rateale in un congruo numero di anni.

Anche il pacchetto delle garanzie statali per aumentare la liquidità delle imprese, attraverso la facilitazione del credito, premia soprattutto le micro e piccole imprese. Un universo interessato in modo diretto dal decreto “Cura Italia”. Per le imprese che non accedono al Fondo, quelle di media e grande dimensione, c’è solo l’intervento tramite garanzia con rischio tripartito tra Ministero dell’Economia, Cassa Depositi e Prestiti e banche (stanziamento 500 milioni). Di qui la necessità di integrare l’intervento con misure per le aziende più strutturate. A questo riguardo, va ancora attuata la disposizione (prevista da decreto crescita del 2019) per aprire il Fondo di garanzia anche alle “small mid cap” (imprese fino a 499 dipendenti) per tutte le operazioni. Ma soprattutto il ministero dell’Economia, sulla base di quanto previsto dal decreto “Cura Italia”, dovrà attivare un meccanismo che sfrutti l’alleggerimento preannunciato dalla Commissione europea sugli aiuti di Stato elevando al livello massimo (90%) le garanzie pubbliche per nuovi finanziamenti, in modo da fornire garanzie primarie più efficaci per le banche in quanto la garanzia scatterebbe fin dal momento dell’erogazione del credito. Il nuovo strumento si rivolgerebbe principalmente alla platea delle imprese di maggiori dimensioni che non possono accedere al Fondo di garanzia delle piccole imprese.

Per sostenere la liquidità delle imprese di tutto il territorio nazionale colpite dall’emergenza, occorre poi introdurre una misura ad hoc. In particolare, si dovrebbe prevedere, compatibilmente con la disciplina europea degli aiuti di Stato, un finanziamento agevolato a 5 anni, con 1 anno di preammortamento, concesso (anche attraverso la CDP alle banche) per esigenze di liquidità (pagamento di stipendi, fornitori, ecc.) assistito da garanzia di ultima istanza dallo Stato e con copertura degli interessi a carico dello Stato medesimo. Alle banche potrebbe essere concesso un credito d’imposta in misura pari all’importo degli interessi, utilizzabile in compensazione. Inoltre, occorre promuovere, anche con il supporto del Fondo garanzia per le PMI, la rimodulazione degli attuali mutui e contratti di leasing, prevedendo nuove linee di credito garantite da immobili aziendali e con una prospettiva di rientro trentennale. Infine, occorre assicurare massima tempestività nei pagamenti della pubblica amministrazione, garantendo, quantomeno, il rispetto dei termini di legge.

ARTICOLI CORRELATI

10 giugno 2020

“Cura Italia”: 555mila le richieste pervenute

A renderlo noto è il MiSe: «Il totale dei finanziamenti richiesti ammonta ad oltre 26 miliardi di euro»

di Marco Torricelli

7 aprile 2020

Al varo 400 miliardi di euro per le imprese

Maxi manovra a sostegno dei finanziamenti alle aziende, mentre l'Europa si avvicina all'intesa sul Mes senza vincoli

di Davide Lorenzini

30 marzo 2020

Coronavirus, Gibellieri: «Non è la mia Europa»

Il membro del Bureau della CCMI critico sugli atteggiamenti nei confronti dell'Italia

di Marco Torricelli

30 marzo 2020

Coronavirus: il punto-video della settimana

La nostra risposta all’emergenza e le iniziative per essere sempre più vicini agli operatori della filiera siderurgica

di Marco Torricelli

27 marzo 2020

Coronavirus: Taranto, ArcelorMittal chiede la Cig

L’azienda ha aperto la procedura legata all’emergenza sanitaria: nove settimane per 5mila lavoratori

di Gianmario Leone

27 marzo 2020

Coronavirus: l’acciaio rallenta in tutto il mondo

Si susseguono le iniziative dei player internazionali per ridurre al minimo la possibilità di espansione del contagio

di Marco Torricelli

27 marzo 2020

Coronavirus: l’ex Ilva al minimo. I malumori no

La decisione del Prefetto – impianti al minimo per la loro salvaguardia – scontenta i sindacati

di Gianmario Leone

27 marzo 2020

Venturi, Fiom: «Pensare ora a come rilanciare il sistema»

Per il sindacalista è necessario tutelare la salute dei lavoratori, ma serve dialogare anche sulla ripartenza

di Davide Lorenzini

26 marzo 2020

Coronavirus: il MiSe su “causa di forza maggiore”

Accolta la richiesta dell’Associazione Industriale Bresciana: via ad attestazioni specifiche

di Marco Torricelli

26 marzo 2020

L’acciaio ai tempi del coronavirus

Un webinar su mercato e prospettive dedicato alla community siderurgica anche in diretta su YouTube

di Redazione Siderweb

26 marzo 2020

“PANorami”: Coronavirus dramma per gli “autonomi”

L’appuntamento con l’attualità nella video-rubrica curata da Massimiliano Panarari

di Massimiliano Panarari

26 marzo 2020

Coronavirus e mercati finanziari: l’intervento di Fornasini

«La pandemia ha svolto il ruolo di catalizzatore, innescando e accelerando il tonfo delle borse»

di Stefano Ferrari
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

7 agosto 2020

Anche siderweb va in vacanza

Due settimane di pausa per la community italiana dell'acciaio. Appuntamento al 24 agosto

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Acciaio: fermate estive più corte nel 2020

Scende di oltre due giorni la media degli stop di produzione siderurgica italiana, che si assesta a 17,8 giorni

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Tutti i bilanci che raccontano il 2019 dell'acciaio

Scopri con l'analisi dell'Ufficio studi siderweb i risultati delle aziende della filiera siderurgica

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Il punto con siderweb

Le iniziative per restare accanto alla community, l’acciaio italiano si prepara al 2021, le anomalie di mercato

di Redazione Siderweb
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali