Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

«L'acciaio green dovrà avere un extra prezzo»

L’automotive resta il grande assente sul mercato. Così de Miranda (ORI Martin) al webinar sugli speciali

Proprio la scorsa settimana è partito il progetto Heatleap, la grossa pompa di calore di Turboden, che si innesta sull’I-Recovery, impianto che cede acqua calda alla rete di teleriscaldamento di Brescia e che la recupera perché, più fredda, sia riutilizzata. E ORI Martin non si ferma certo qui con i progetti di mitigazione del proprio impatto: «Nei prossimi mesi presenteremo ufficialmente il nostro piano di decarbonizzazione» ha anticipato Roberto de Miranda, membro del Comitato esecutivo di ORI Martin, per il quale sono stati chiesti fondi nell’ambito del Pnrr. «Abbiamo in progetto di abbattere ulteriormente le nostre emissioni – ha specificato -, con un nuovo forno fusorio più performante, con il recupero dei fumi del forno di riscaldo del laminatoio. Stiamo installando pannelli fotovoltaici e abbiamo in programma altri contratti di Ppe di energia rinnovabile. Ma non voglio anticipare troppo».

Certo è che «sono sempre di più i nostri clienti che ci chiedono la carbon footprint e quanta energia rinnovabile usiamo per la nostra produzione». «Mi auguro però che, come filiera degli acciai speciali, riusciremo a imporre un extra prezzo al cosiddetto “green steel” – ha dichiarato de Miranda -. Per avere questo acciaio verde bisogna fare investimenti, e credo che la filiera debba riconoscere un extra prezzo alle tonnellate che vengono prodotte con energia verde, certificandolo certo».  

Quanto ai prezzi degli acciai speciali lunghi oggi, ha detto intervenendo al webinar di siderweb “Acciai speciali: ritorna la domanda?”, «il trend è di discesa ed è molto influenzato dal fatto che è venuto a mancare il paradigma che legava l’andamento del rottame a quello del finito, a causa del prezzo dell’energia. È una difficoltà che quotidianamente ho con i nostri clienti». Appesantita dal fatto che «non sappiamo se da aprile ci sarà ancora il credito d’imposta al 45%».

In questo contesto, «mi aspettavo una domanda migliore in questo inizio d’anno – ha detto de Miranda -. Il 70-75% dei nostri prodotti va nell’automotive, che aveva programmi più brillanti. Non ne faccio certo una critica ai clienti: credo che gli OEM abbiano scarsa visibilità e questo si ripercuote su tutta la filiera dell’auto». Ma «un certo recupero ci deve essere, spero non si faccia peggio del 2022». Stanno andando meglio, invece, veicoli commerciali, movimento terra, macchine agricole, «dove il cliente finale ha una visibilità maggiore», e continua a tirare anche la meccanica. «Vedo che sia il mondo della trafila che del commercio hanno ancora stock abbastanza pieni: non sta avvenendo un più rapido destoccaggio in cui invece speravo». È «sempre più determinante l’eolico, che ha un andamento abbastanza piatto, ma che riparte quando arrivano le grandi commesse». Infine, ha ricordato de Miranda, l’8-10% dei nostri volumi va nelle costruzioni. «Il 2022 è stato molto buono, per la nostra controllata Slm soprattutto. Ora i prezzi stanno scendendo e anche qui si sta avviando una fase di destocking».

Nel 2022, ORI Martin ha prodotto e venduto circa il 15% meno rispetto all’anno prima. «Credo che sia un risultato in linea con tutto il mercato» ha specificato de Miranda, aggiungendo che il bilancio finale andrebbe stilato prendendo in considerazione l’ultimo biennio. «Nel 2021, infatti, viaggiavamo alla massima capacità produttiva, non sapevamo come accontentare il cliente, la domanda era altissima e abbiamo preso forse troppi ordini, a volte rimettendoci anche. Nel 2022 abbiamo recuperato».

Quanto, infine, alla messa al bando in Ue dei nuovi veicoli a motore termico dal 2035, «ritengo sia più una minaccia che un’opportunità – ha detto de Miranda -. Penso che sarà necessario l’aggiornamento previsto per il 2026, e nulla è ancora scritto. È giusto andare verso la decarbonizzazione, e tutti ci impegniamo, noi siderurgici in primis. Ma mi sembra una scelta troppo affrettata e radicale, quando si possono raggiungere quasi gli stessi obiettivi con carburanti diversi, adottando un approccio di neutralità tecnologica».


ORI Martin verso l’acquisizione della ex RIV

Siglato un contratto d’affitto propedeutico all’operazione di verticalizzazione

di Stefano Gennari

Iran: output record per Mobarakeh Steel Company

L’azienda ha annunciato di aver prodotto 10 milioni di tonnellate in un anno

di Davide Lorenzini

PANorami: il futuro dell'auto in Ue è legato anche alle alleanze

Per riuscire a raggiungere risultati, in Europa serve ricorrere al Coalition Building

di Massimiliano Panarari

Ue più morbida sugli aiuti di stato green

Vestager: «Le nuove regole sono proporzionate, mirate e temporanee»

di Redazione siderweb

PANorami: tutto rinviato a data da destinarsi

Sospeso sine die il voto del Parlamento sullo stop ai motori termici entro il 2035, dopo il veto di alcuni Paesi

di Massimiliano Panarari

Mercato flash

Domanda, offerta e prezzo dell’acciaio sulla piazza commerciale italiana a febbraio

di Redazione siderweb

Mercato degli speciali in fase di «riequilibrio»

Buzzi (Lucefin): «Come trasformatori dobbiamo dare qualcosa in più, contribuendo a innovare il prodotto»

di Davide Lorenzini

Acciai speciali: domanda debole e prezzi in calo

L'Italia sconta un deficit produttivo. L'analisi di Stefano Ferrari (Ufficio Studi siderweb)

di Elisa Bonomelli
Altre News

Lascia un Commento



“Quelli che non sperano in un’altra vita sono morti perfino in questa”

Wolfgang Goethe

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

ORI Martin verso l’acquisizione della ex RIV

Siglato un contratto d’affitto propedeutico all’operazione di verticalizzazione

di Stefano Gennari

Iran: output record per Mobarakeh Steel Company

L’azienda ha annunciato di aver prodotto 10 milioni di tonnellate in un anno

di Davide Lorenzini

PANorami: il futuro dell'auto in Ue è legato anche alle alleanze

Per riuscire a raggiungere risultati, in Europa serve ricorrere al Coalition Building

di Massimiliano Panarari

Ue più morbida sugli aiuti di stato green

Vestager: «Le nuove regole sono proporzionate, mirate e temporanee»

di Redazione siderweb

PANorami: tutto rinviato a data da destinarsi

Sospeso sine die il voto del Parlamento sullo stop ai motori termici entro il 2035, dopo il veto di alcuni Paesi

di Massimiliano Panarari
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Acciaio sostenibile 2024

Seconda edizione del report sulla rendicontazione di sostenibilità delle imprese della filiera siderurgica nazionale “corta” (produttori, distributori, centri servizio, commercio rottame e ferroleghe, taglio e lavorazione lamiera).

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: sperimentazione sulla frantumazione per migliorare la qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: sperimentazione sulla frantumazione per migliorare la qualità

Il Consorzio sta installando un secondo impianto in Puglia. Si lavora anche per perfezionare la raccolta