Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Made in Steel: verso un 2021 di opportunità

Il recente trend di miglioramento del mercato fa crescere le attese degli operatori per il prossimo anno

Versione stampabile

È stata caratterizzata da un sentiment di positività la tavola rotonda del webinar “Made in Steel, insieme per costruire il futuro” a cui hanno partecipato Giovanni Bajetti (Acciaierie Venete), Giovanni Carpino (Liberty House), Andrea Gabrielli (Gabrielli) ed Edoardo Zanardelli (Feralpi Group). Ottimismo soprattutto per quanto riguarda attualità ed evoluzione del mercato.


Bajetti: «Miglioramento progressivo»

In «miglioramento progressivo». Così il direttore commerciale di Acciaierie Venete ha descritto la congiuntura di mercato negli ultimi mesi, soprattutto per quanto riguarda gli acciai speciali.

«Una delle cose più confortanti – ha spiegato Bajetti – è che i segnali di risveglio hanno un respiro globale. Un risveglio che però è ancora lontano dall’ottimale. Noi oggi paragoniamo la situazione al 2019; un anno che per il nostro settore non è stato esaltante. Tuttavia il trend attuale è sensibilmente migliore del post Covid. Per quanto riguarda l’automotive, se in pieno Covid il livello era del 50% rispetto all’ottimale, oggi siamo 75%. E questo vuol dire un miglioramento del 50% della situazione di mercato e la speranza che si cresca ancora. Tra gli altri settori, da segnalare come a livello di forgia l’eolico continui nel trend positivo, compensando almeno in parte il calo dell’Oil & Gas. Trattoristica e grandi macchine si tengono anch’esse su livelli positivi».

È però sul 2021 che il manager convoglia tutto il proprio ottimismo. «Se si conferma il trend che i prodotti piani facciano da battistrada sul fronte delle tendenze, mi aspetto che a breve si assisterà ad un recupero della corretta marginalità. Se oltre alla ripresa naturale post Covid vi sarà anche la concretizzazione dei piani di investimento, si creerà una compresenza di fattori particolarmente interessanti che potrebbe fare del 2021 un anno particolarmente positivo».

Carpino: «Il peggio è alle spalle. A novembre il primo checkpoint»

«Sia l’andamento dei prezzi che dei volumi ci fa poter dire che il peggio è alle spalle – ha rimarcato il manager del gruppo Liberty -. Tutti gli indicatori principali mostrano che i piani hanno avuto un incremento di 60 euro la tonnellata, in particolare perché la Cina in questa fase chiede materiale anziché esportarlo. Con l’offerta in affanno per la chiusura produttiva e per le limitazioni imposte dall’Ue all’import, è facile capire come si sia arrivati a questo punto. Nei prossimi mesi capiremo se siamo di fronte ad una bolla o meno; a novembre con l’avvio degli altiforni chiusi in precedenza vedremo se il sistema resterà stabile».

Sul 2021 Carpino si dice ottimista per due ragioni: «La prima è che l’anno si avvierà con un livello di domanda e prezzi adeguato. Inoltre se il Recovery Fund sarà usato in maniera corretta si creeranno numerose occasioni di sviluppo».

 

Gabrielli: «Il 2021 sarà caratterizzato dalla domanda reale»

«Fortunatamente la ripresa post Covid ha seguito una curva a V come ci auguravamo e non una curva a U i cui effetti avrebbero potuto essere drammatici. Un periodo piatto prima del recupero avrebbe potuto essere critico i centri di servizio: come trasformatori dobbiamo rivolgerci all’acquisto con circa tre mesi di anticipo».

L’imprenditore veneto ha ribadito come nel trimestre giugno, luglio, agosto la situazione sia tornata sostanzialmente in linea con l’anno precedente. Un 2019 che, alla luce di risultati particolarmente positivi conseguiti, il gruppo Gabrielli ha deciso di non utilizzare come metro di paragone.

«Ora siamo in una fase di ri-stoccaggio, per cui alla componente reale della domanda si è aggiunta anche quella apparente. Per il timore di restare senza materie prime tutti cercano di mantenere i magazzini i equilibrio, evitando eventuali rischi di mancanza di materiale che un nuovo lockdown potrebbe innescare».

Sugli specifici prodotti per Gabrielli, mentre i piani scontano solo una difficoltà alle importazioni dovute alle limitazioni europee, il mercato delle lamiere di alto spessore resta invece in affanno.

«Il prossimo anno credo che sarà caratterizzato soprattutto dalla domanda reale – conclude l’imprenditore veneto -. La parte del leone probabilmente la farà la produzione, ma credo che se la domanda all’utilizzo sarà confermata il sistema troverà l’equilibrio a cui tutti puntiamo. La speranza è infine che, anche in caso di rincari, si mantenga la solvibilità che il sistema ha dimostrato finora».

 

Zanardelli: «2021 anno di possibilità»

Un mercato stabile per puntare ad un 2021 di possibilità: questa la visione di Edoardo Zanardelli del Gruppo Feralpi. «Diversamente dai piani, il mercato dei lunghi per l’edilizia ha avuto un andamento maggiormente stabile in occasione del Covid. Il mercato italiano ha dimostrato di avere una base concreta e solida di filiera, con gli imprenditori che hanno fornito una risposta importante sul fronte del rispetti dei pagamenti. Elementi che hanno contribuito a sostenere il recupero di prezzi e domanda. Quel che però ancora manca è una certa profondità di visione, che non aiuta la pianificazione».

Per Zanardelli il 2021 sarà l’anno delle possibilità, anche se le aziende dovranno fare maggiormente network ed il sistema finanziario dovrà essere disposto a supportare le realtà industriali.

I quattro protagonisti della filiera si sono però detti concordi su un punto: alla luce dello scenario che va delineandosi, Made in Steel 2021 rappresenta una grande opportunità. 
Un’opportunità sia di riallacciare relazioni rese difficili o impossibili dal Covid, sia di sfruttare occasioni di ampliamento della propria rete di contatti, espandendo il proprio business.

ARTICOLI CORRELATI

30 settembre 2020

Lombardia, contributi per la partecipazione a fiere internazionali

La Regione finanzia a fondo perduto le imprese del territorio che puntano all’internazionalizzazione

di Paolo La Torre

21 settembre 2020

Simest finanzia la partecipazione a Made in Steel

Indicazioni utili per presentare la domanda e ottenere il contributo

di Paolo La Torre

17 settembre 2020

Simest finanzia la partecipazione alle fiere

Tutte le misure per permettere alle aziende dell'acciaio di esporre agli eventi internazionali, come Made in Steel

di Paolo La Torre

16 settembre 2020

Gualtieri: il rilancio manterrà il debito in equilibrio

Il governo si concentrerà su pochi progetti per potenziare l'efficacia delle risorse europee

di Davide Lorenzini

15 settembre 2020

Made in Steel strategica per la ripresa

Il mondo fieristico è ripartito in sicurezza e con una buona partecipazione di visitatori ed espositori

di Elisa Bonomelli

10 settembre 2020

Il punto con siderweb

Verso Made in Steel 2021: i principali grandi player già on board. Martedì il webinar

di Redazione Siderweb

9 settembre 2020

Profiltubi: nuova proprietà, stessa gestione

Il produttore di tubi elettrosaldati parteciperà a Made in Steel 2021. In cantiere «nuovi investimenti»

di Elisa Bonomelli

4 settembre 2020

Acciaio inox: Böllinghaus Steel sbarca in Italia

Il produttore tedesco di barre e profili ha aperto una filiale a Milano e sarà tra gli espositori di Made in Steel

di Marco Torricelli

3 settembre 2020

GF-ELTI riconferma la propria partecipazione a Made in Steel

Il produttore orobico di forni industriali: «Il mercato è dinamico e alla ricerca di soluzioni green ed efficienti»

di Redazione Siderweb
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

27 novembre 2020

JSW Italy, vertice chiarificatore Carrai-sindacati

Incontro preliminare in vista del confronto al MiSe del 4 Dicembre. Manca ancora però la convocazione ufficiale

di Giorgio Pasquinucci

27 novembre 2020

AST Terni, Burelli «Nessun taglio al personale»

L’ad dell’acciaieria tranquillizza rispetto alle intenzioni di thyssenkrupp: «Gli esuberi sono all’estero»

di Marco Torricelli

27 novembre 2020

Industria: crescono i prezzi alla produzione

Aumento dello 0,6% su base mensile. Più contenuto (0,2%) quello relativo a comparto delle costruzioni

di Marco Torricelli

27 novembre 2020

siderweb TG

L'acciaio del Centro Sud, le attese per l'ex Ilva e la fiammata dei prodotti piani sul mercato nazionale

di Elisa Bonomelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Ricrea: con “Yes I Can” la differenziata a scuola
A cura di Marco Torricelli

Ricrea: con “Yes I Can” la differenziata a scuola

Il progetto promosso dal Consorzio con Gruppo Feralpi e siderweb racconta ai ragazzi l’importanza del riciclo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali