Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Coronavirus: l’ex Ilva potrà continuare a lavorare

Questa l’interpretazione data al nuovo decreto del Governo. Fiom contesta: «Bisogna fermare gli impianti»

lettura-notizia

TARANTO – Sulla base del Dpcm che sospende le attività produttive, industriali e commerciali del Paese per contrastare l’emergenza Covid-19, le imprese avranno tre giorni, ovvero fino al 25 marzo, per la sospensione, «compresa la spedizione della merce in giacenza», si legge nel testo.

Per quanto riguarda l’ex Ilva, resterà aperta visto che il decreto prevede la prosecuzione di «attività degli impianti a ciclo produttivo continuo». A meno che nell’incontro previsto con azienda e sindacati non venga deciso di mantenere soltanto le attività “comandate”, riducendo ancora di più il personale attualmente impiegato, che ad oggi non supera le 3.800 unità sui tre turni giornalieri. Oppure a meno che, come specificato nel Dpcm, il Prefetto non ritenga che manchino le condizioni di sicurezza per proseguire le attività.

«In questi giorni abbiamo provato ad intervenire nei confronti di alcune aziende inadempienti rispetto a quanto stabilito dal decreto e dal protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, ma è del tutto evidente che è necessario adottare misure più stringenti ed evitare il più possibile gli assembramenti» affermano in una nota Giuseppe Romano Francesco Brigati dalla segreteria provinciale della Fiom Cgil Taranto.

«Ci siamo confrontati con la direzione di ArcelorMittal che inizialmente ha, evidentemente, sottovalutato il rischio da contagio da Covid-19 soprattutto in merito ad alcune criticità che si verificavano in situazioni particolari come spogliatoi, trasporto del personale, mense e refettori – si legge nella nota -. Il sindacato, in assenza di misure chiare e soprattutto in attesa che il governo intervenisse in maniera chiara sulle aziende ritenute essenziali, ha svolto un ruolo importante migliorando le criticità che potessero far emergere possibili situazioni di rischio da contagio. Infatti, in Arcelor Mittal sono state sospese alcune attività, fermati alcuni impianti, con la conseguente drastica diminuzione del numero del personale diretto e di appalto».

I due sindacalisti, poi, proseguono: «Sabato sera il presidente del consiglio, dopo una insistente pressione da parte delle organizzazioni sindacali, è intervenuto con ulteriori restrizioni, annunciando anche la chiusura di fabbriche e aziende non ritenute essenziali. Nel frattempo le irresponsabili pressioni di Confindustria dei giorni scorsi hanno determinato, di fatto, una situazione di rischio di contagio dal virus nei luoghi di lavoro, facendo prevalere ancora una volta il profitto alla salute di migliaia di lavoratrici e lavoratori».

Secondo Giuseppe Romano e Francesco Brigati «adesso, a seguito delle novità governative, bisogna intervenire diversamente e applicare le nuove linee guida del governo. La Fiom Cgil, pertanto, oggi chiederà alla direzione di Arcelor Mittal di anticipare l’incontro, previsto per martedì 24 marzo, per programmare la fermata degli impianti produttivi. Bisogna agire presto e non perdere altro tempo. Restiamo a casa».

Per tenere in sicurezza una grande fabbrica come l’ex Ilva di Taranto, secondo il segretario di Uilm Taranto, Antonio Talò, servirebbero circa 500 lavoratori di “comandata”. Si tratta di predisposti alla vigilanza e alla sicurezza degli impianti, previsti dagli accordi fatti da noi con l’ex Ilva molti anni fa – dichiara Talò. Negli ultimi scioperi, invece, ArcelorMittal, con provvedimenti unilaterali che noi abbiamo contestato, ha praticamente raddoppiato le comandate portandole quasi a mille unità».


Coronavirus: a Taranto ArcelorMittal rallenta

Nuovo confronto sui provvedimenti con i sindacati, che insistono: «Ridurre i lavoratori presenti»

di Gianmario Leone

Coronavirus: rinviate al 2021 le fiere indiane

Wire India, Tube India, METEC India e India Essen Welding & Cutting si terranno dal 25 al 27 marzo

di Marco Torricelli

Acciaio: produzione mondiale in aumento a febbraio

L’ultimo mese prima dell’esplosione del coronavirus ha fatto registrare un incremento del 2,1% sul 2019

di Marco Torricelli

Coronavirus: nuovo DPCM, il dubbio chiusura

Dopo la nuova stretta del governo le aziende italiane si interrogano su continuare a produrre o meno

di Redazione siderweb

Coronavirus: cosa ci aspetta alla ripartenza

Superata la fase dell’emergenza, le produzioni riprenderanno: proviamo e capire cosa accadrà

di Emanuele Norsa

Il coronavirus rallenta l’acciaio europeo

Importatori alla finestra. Oversupply alla ripresa?

di Emanuele Norsa
Altre News

Lascia un Commento



“Mai dire mai, perché i limiti, come le paure, sono solo un’illusione”

Michael Jordan

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Coronavirus: a Taranto ArcelorMittal rallenta

Nuovo confronto sui provvedimenti con i sindacati, che insistono: «Ridurre i lavoratori presenti»

di Gianmario Leone

Coronavirus: rinviate al 2021 le fiere indiane

Wire India, Tube India, METEC India e India Essen Welding & Cutting si terranno dal 25 al 27 marzo

di Marco Torricelli

Acciaio: produzione mondiale in aumento a febbraio

L’ultimo mese prima dell’esplosione del coronavirus ha fatto registrare un incremento del 2,1% sul 2019

di Marco Torricelli

Coronavirus: nuovo DPCM, il dubbio chiusura

Dopo la nuova stretta del governo le aziende italiane si interrogano su continuare a produrre o meno

di Redazione siderweb

Coronavirus: cosa ci aspetta alla ripartenza

Superata la fase dell’emergenza, le produzioni riprenderanno: proviamo e capire cosa accadrà

di Emanuele Norsa
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale wire & Tube 2024

L'edizione 2024 del wire & Tube raccontata attraverso approfondimenti, immagini e interviste agli operatori raccolte in fiera dalla redazione di siderweb.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»
A cura di Federico Fusca

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»

Una sola richiesta: «Uniformare i sistemi di calcolo delle quantità riciclate per raggiungere i target comuni»