SIDERWEB - La community dell'acciaio

Bilanci d’Acciaio: qual è il ruolo del credito

Antonio Rosignoli: «BPER Banca è attrezzata per intercettare e accompagnare le esigenze delle imprese»

I nostri video

Quale ruolo può e deve svolgere un istituto di credito nel centro-sud del Paese e quali saranno le linee guida per il 2022. Sono stati alcuni dei temi affrontati da Antonio Rosignoli, coordinatore commerciale per il centro-sud di BPER Banca, rispondendo alle domande poste dal direttore responsabile di siderweb Davide Lorenzini nel corso del convegno digitale "L’acciaio del centro-sud e la sfida della ripresa", che ha caratterizzato l’appuntamento conclusivo con “Bilanci d’Acciaio 2021”.

Dopo aver ricordato che «con una presenza di oltre 650 filiali da Firenze in giù, pur non essendo capillare come al Nord, la nostra presenza ha numeri comunque di rilievo e che ci permettono di porci anche nel centro-sud del Paese con un atteggiamento proattivo, attento ai bisogni della clientela e degli imprenditori».

Interessante l’opinione di Rosignoli riguardo al sistema di finanziamento per le aziende attraverso l’emissione di minibond: «In BPER Banca – ha spiegato – esiste anche un’operatività diretta sui minibond con una gestione “in-house”, seguita dal team di Investiment Banking. C’è grande fermento su tale strumento che fa parte del complesso di operazioni di diversificazione delle fonti di finanziamento che arrivano fino all’accesso ai mercati dei capitali, dove anche per questo BPER è attrezzata da tempo nell’intercettare e accompagnare queste esigenze».

Spiegando che «siamo pronti ad accompagnare le imprese anche in operazioni finalizzate all'emissione di minibond anche dell'ordine di 4-5 milioni e grazie alla gestione diretta a cui accenavo, BPER Banca è in grado di studiare soluzioni "personalizzate" ed in grado di sposarsi perfettamente con le esigenze specifiche che vengono prospettate».

Quanto al PNRR, per il coordinatore commerciale per il centro-sud di BPER Banca si tratta di «una grande opportunità per il centro-sud, visto che circa il 40% delle risorse disponibili è possibile che arrivino in quest’area per favorirne rilancio e occupazione». Anche se ha tenuto a precisare che «è necessario che dal governo arrivino maggiori chiarimenti, soprattutto in relazione alla forma di finanziamento che viene prospettata» e che secondo Rosignoli non  è stata sufficientemente esplicitata: bisogna chiarire - ha scandito - se si opera sulle garanzie o sui contributi a fondo perduto».

Un argomento importante, ha poi chiarito il coordinatore commerciale per il centro-sud di BPER Banca, «soprattutto perché noi  siamo sempre attenti a supportare le imprese che faranno parte del percorso, ma vogliamo farlo in piena trasparenza e per questo chiediamo di essere messi nelle condizioni ideali per farlo».

Per il 2022, poi, secondo Antonio Rosignoli «la domanda dovrebbe confermarsi robusta, ma è ancora presto per stabilire se avrà caratteristiche strutturali o si tratterà di un proseguimento del rimbalzo che si è registrato quest'anno. Anche perchè all’orizzonte restano alcune incognite, come la recrudescenza del Covid-19 o l’inflazione, anche se, nel caso in cui le stime su una fiammata temporanea saranno rispettate, non dovrebbe destare particolari problemi, ma che se dovesse raggiungere livelli del 3-3,5% necessiterebbe di interventi e contromosse rapidi e decisi».

Redazione Siderweb

Redazione siderweb