Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Coronavirus: Anima Confindustria alza la voce

Il presidente Marco Nocivelli: «Dobbiamo ripartire, nove miliardi di fatturato e 45mila addetti sono in pericolo»

Versione stampabile

La chiusura temporanea di molte aziende della meccanica, secondo Anima Confindustria Meccanica , «rischia di avere gravi conseguenze sull'economia italiana e sull'occupazione degli addetti al settore: questa crisi potrebbe stravolgere per sempre il futuro della meccanica italiana».

«Siamo da sempre allineati con le misure adottate per gestire in sicurezza questa emergenza. Ma proprio come, con le dovute cautele, stiamo garantendo l'approvvigionamento alimentare e i servizi essenziali, dobbiamo essere messi nelle condizioni necessarie per garantire un futuro al nostro paese», dice Marco Nocivelli, il presidente.

«È fondamentale poter ricominciare a lavorare, in sicurezza, magari a ritmi ridotti, ma ripartire. Non possiamo mantenere totalmente bloccate le nostre fabbriche, che sono il nostro asset principale. Da imprenditori – prosegue Nocivelli – dobbiamo avere la possibilità di mettere in sicurezza i luoghi di lavoro, avere i Dpi necessari, e poi certamente garantire le distanze tra le persone, ridurre o modulare i turni, e garantire ai dipendenti spostamenti sicuri, ma dobbiamo mantenere vivo il nostro tessuto produttivo. Questo è l'unico modo per garantire al nostro paese l'uscita da questa crisi, che non sarà solo sanitaria ma economica e infine sociale se non interveniamo da subito».

Le recenti decisioni del governo, fa notare Anima, «in particolare la modifica dell'Allegato 1 del Dpcm 22 marzo, hanno escluso in larga parte le aziende della meccanica varia, che rappresenta un settore trainante per l'economia italiana. Circa nove aziende su dieci del comparto sono state infatti costrette a chiudere. I dati elaborati dall'Ufficio Studi Anima rivelano che, per le aziende della meccanica associate ad Anima Confindustria, il fatturato a rischio, sia per l'impossibilità di avviare nuove commesse sia per i ritardi e/o le disdette degli ordinativi, si può considerare pari a circa 180 milioni di euro al giorno. Per ogni giorno di lockdown sarebbero inoltre a rischio ben 900 posti di lavoro, ovvero l'equivalente di una media azienda che chiude ogni 24 ore. Nel solo periodo di lockdown dal 23 marzo al 3 aprile si sarebbe così concretizzato un mancato fatturato per 1,8 miliardi di euro con il rischio di veder scomparire ben 9.000 posti di lavoro».

Considerando il settore della meccanica italiana rappresentato da Anima nel suo complesso, addirittura, «il fatturato messo in gioco è di ben 900 milioni di euro al giorno, con il rischio di perdere ben 4.500 posti di lavoro per ogni giorno di chiusura. Nei soli dieci giorni lavorativi di lockdown – rileva l'Ufficio Studi Anima – il volume di fatturato a rischio è pari a 9 miliardi di euro e 45.000 persone potrebbero vedere compromessa l'esistenza del posto di lavoro».

La realtà, secondo Anima, «è che in Italia, una volta risolto il problema sanitario, ci ritroveremo ad affrontarne un altro di natura diversa, ma dalle conseguenze sociali altrettanto importanti. Il lockdown imposto per decreto – insiste il presidente Nocivelli – sta sgretolando la tenuta delle filiere produttive. Se non ricominceremo a produrre al più presto, perderemo fornitori e vi saranno aziende incapaci di aprire perché avranno perso per sempre la clientela estera che avevano faticosamente conquistato negli ultimi anni».

ARTICOLI CORRELATI

14 aprile 2020

Coronavirus, ANFIA: «Tempesta perfetta»

Il direttore Gianmarco Giorda: «Necessaria una politica di incentivi rapidi ed efficaci per scongiurare pericoli»

di Marco Torricelli

10 aprile 2020

Coronavirus, Anima: «Danni rilevanti»

Marco Nocivelli, presidente dell’associazione di categoria di Confindustria: «Contiamo sul governo»

di Marco Torricelli

6 aprile 2020

Covid-19: incentivi alle imprese per il contrasto all’emergenza

I provvedimenti nella settimana dal 30 marzo al 3 aprile in collaborazione con IBS

di Redazione Siderweb

6 aprile 2020

Coronavirus: l’offensiva di Assofermet

Doppia presa di posizione, nei confronti del governo italiano e dell'Europa: «Ecco cosa chiediamo»

di Marco Torricelli

6 aprile 2020

Coronavirus: il punto-video della settimana

La nostra risposta all’emergenza e le iniziative per essere sempre più vicini agli operatori della filiera siderurgica

di Marco Torricelli

6 aprile 2020

Coronavirus: al via la ripartenza progressiva

Per l'acciaio impianti nuovamente attivi ad Acciai Speciali Terni e Nlmk Verona

di Davide Lorenzini

3 aprile 2020

Imballi in acciaio, consumo a +29%

Le "scorte" alimentari per la lotta al coronavirus aumentano l'utilizzo di banda stagnata

di Davide Lorenzini

3 aprile 2020

Shock da coronavirus e conseguenze sull’economia

L’analisi di Gianfranco Tosini (Centro studi siderweb) sulla base di quanto accade e delle misure messe in campo

di Gianfranco Tosini

3 aprile 2020

Coronavirus: tutto fermo fino a maggio?

L'ipotesi è stata prospettata stamattina dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli

di Marco Torricelli

2 aprile 2020

Webinar. Covid-19: l’impatto sulla congiuntura.

Anche il presidente di Federacciai Alessandro Banzato nel nuovo evento on line dedicato alla filiera d'acciaio

di Redazione Siderweb
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

26 maggio 2020

Eurofer: plauso il piano di rilancio ma serve il sostegno all'acciaio

L'associazione fiduciosa sul programma della Commissione Ue ma chiede più tutele alle importazioni

di Davide Lorenzini

26 maggio 2020

Coronavirus. Anghileri: «Domanda ancora debole»

La giovane COO del centro servizi Eusider: «Le risorse promesse non sono ancora arrivate alle imprese»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

AST Terni. La Fiom: «Serve partner mondiale»

Il sindacato: «Guardiamo con favore a qualunque aiuto di Stato, ma siamo contrari a soluzioni preconfezionate»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

Acciaio & Sostenibilità. Le persone al centro della comunicazione

Il racconto di Paolo Morandi (siderHUB), Isabella Manfredi (Feralpi Group) e Roccandrea Iascone (RICREA)

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

La fase 2 dell'acciaio

I contributi degli analisti di siderweb su lockdown, previsioni e attese per la siderurgia nella fase 2

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid
A cura di Davide Lorenzini

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid

Fusari, direttore RICREA: «Vissuti due mesi di tensione ma il sistema ha tenuto. Nel 2019 riciclo oltre l'80%»

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali