Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Ex Ilva: i lavoratori scrivono a Mittal e commissari

I rappresentanti del lavoratori chiedono un incontro urgente di confronto

Versione stampabile

I sindacati dei metalmeccanici di Taranto scrivono a ArcelorMittal Italia ed ai commissari straordinari di Ilva in AS, indicando come «urgente l'incontro ed il confronto per discutere sulle prospettive e sul rispetto degli accordi e degli impegni assunti» ed auspicano che la sede sia il ministero dello Sviluppo Economico.

Fiom-Cgil, Fim-Cisl e UIlm-Uil rispondono quindi formalmente alla lettera del 5 novembre con cui ArcelorMittal ha comunicato ai sindacati l'avvio della procedura prevista per il trasferimento d'azienda
, che nel caso è legata all'intenzione di “retrocedere” l'ex Ilva ai commissari straordinari.

I tre segretari generali, Francesca Re David, Marco Bentivogli e Rocco Palombella, «esprimono - si legge nella lettera - valutazioni diverse» da quelle sostenute da ArcelorMittal «sulla sussistenza delle condizioni giuridiche per la rescissione del contratto di affitto e quindi per la procedura di retrocessione dei relativi rami di azienda in capo a Ilva, come già espresso dai Commissari straordinari.

«Riteniamo in ogni caso - proseguono - urgente l'incontro ed il confronto per discutere sulle prospettive e sul rispetto degli accordi e degli impegni assunti. Auspichiamo inoltre - concludono - che tale incontro si svolga presso il ministero dello Sviluppo economico» dove ha avuto luogo la procedura «che si è conclusa con l'accordo del 6 settembre 2018». 

Il segretario generale della UIlm, Rocco Palombella, interviene poi personalmente per spiegare che «con la fermata di Taranto mancheranno le materie da lavorare per gli stabilimenti di Novi Ligure e Cornigliano. Mentre si sta parlando di questioni legali, la produzione si sta fermando ed è la fine di tutto. È un quadro desolante e pericoloso. A Taranto è stata chiusa una linea di agglomerato su due, sono stati chiusi il treno nastri 1, il treno lamiere, tubifici 1 e 2, laminatoio a freddo, decapaggio del treno a freddo, le colate continue sono diminuite da 5 a 3. Rimangono in funzione in alternanza le acciaierie 1 e 2 e il Tubificio Erw. È uno stabilimento agonizzante».

Purtroppo, prosegue, «tanti esponenti politici, nazionali e locali, parlano del futuro dello stabilimento senza conoscerne il ciclo produttivo. Il sito di Taranto senza l’area a caldo non ha un futuro sostenibile economicamente. Non è possibile - conclude - che si continui a parlare solamente del contenzioso giudiziario mentre gli stabilimenti si stanno fermando, con effetti irreversibili per la continuità produttiva».

ARTICOLI CORRELATI

13 novembre 2019

Ilva: recesso ArcelorMittal discusso a maggio

A chiederlo al Tribunale di Milano è stata l’azienda. I commissari hanno depositato l’analisi di rischio su Afo2

di Gianmario Leone

13 novembre 2019

Ilva: soluzione ancora avvolta nella nebbia

Depositato l’atto di rescissione, ma al momento restano confuse le possibili exit-strategy dalla crisi

di Redazione Siderweb

12 novembre 2019

Ilva: la storia della crisi

Le tappe principali del declino del polo siderurgico tarantino

di Davide Lorenzini

12 novembre 2019

Ilva: spegnimento Afo2, c’è il cronoprogramma

ArcelorMittal conta di avviare le procedure il 20 novembre. Ripresa intanto l’attività di scarico delle materie prime

di Gianmario Leone

12 novembre 2019

Ilva: ArcelorMittal deposita l'atto di recesso

Tra le ipotesi che si fanno sul futuro prende corpo quella relativa ad una “mini Ilva” con la sola area a freddo

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

10 luglio 2020

Piombino: taglio del nastro per il decapaggio della Magona

Inaugurazione il 21 luglio alla presenza del Ceo del Gruppo GFG Alliance Sanjeev Gupta

di Giorgio Pasquinucci

10 luglio 2020

JSW Steel Piombino: Carrai si presenta ai sindacati

Giovedì prossimo primo confronto con il nuovo vicepresidente esecutivo: tutte le richieste sul tavolo

di Giorgio Pasquinucci

10 luglio 2020

Banca d’Italia: «+11,5% di prestiti alle imprese»

Incremento di 23 miliardi di euro fra marzo e maggio «grazie agli interventi di sostegno messi in campo»

di Marco Torricelli

10 luglio 2020

Nuovo impianto per acciaio inox in Cina

Lo realizzerà Tengkai Metal, produrrà un milione di tonnellate all’anno ed entrerà in esercizio entro l’anno

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali