Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

ArcelorMittal “spegne” in Francia: paura in Italia

L’allarme di Gianni Venturi (Fiom): «Possibili ricadute negative sugli stabilimenti di Genova-Cornigliano e Novi Ligure»

Versione stampabile

Provoca apprensione anche in Italia l’annuncio dato da ArcelorMittal France di voler spegnere un altoforno e diverse cokerie nello stabilimento di Fos-Sur-Mer, nei pressi di Marsiglia (nella foto di testa).

«2.500 lavoratori temono si possa replicare quanto è avvenuto negli anni scorsi per il sito di Florange, dove alla fermata parziale e temporanea degli impianti è seguita la chiusura definitiva. Non è soltanto una ragione solidaristica – dice Gianni Venturi, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile per la siderurgia – quella che ci lega al loro destino: due terzi delle produzioni dello stabilimento francese sono destinati ai mercati di Italia e Spagna e da quello stabilimento, insieme a quello spagnolo di Aviles, si riforniscono per parte della loro attività, in particolare, i siti di Genova-Cornigliano e di Novi Ligure».

La fermata di Fos-sur-Mer, secondo Venturi, è quindi «legata ad un rapporto di causa-effetto con il nostro mercato, le nostre produzioni, gli assetti complessivi del gruppo ArcelorMittal. Su questo è indispensabile tornare a confrontarsi con il governo e con l’azienda».

L’emergenza Covid-19, prosegue il segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile per la siderurgia. «ha inevitabilmente fermato le lancette dell’orologio a febbraio ma le scadenze e, soprattutto, i nodi irrisolti tornano a premere in tutta la loro urgenza. Piano industriale, assetti societari, ruolo dello Stato, prospettive ambientali ed occupazionali del gruppo non sono dettagli marginali di un confronto che, in realtà, non è mai iniziato. È urgente che il governo istruisca, anche da remoto, tempi e modalità di un negoziato che, nessuno si illuda, possa essere saltato a piedi pari: l’emergenza Covid-19 è una ragione di più, non una di meno, per ricercare scelte sostenibili e condivise».

ARTICOLI CORRELATI

19 maggio 2020

Siderurgia: il Covid porta nuovi venti di crisi

ArcelorMittal starebbe valutando l'uscita da Ilva, mentre thyssenkrupp potrebbe vendere AST

di Redazione Siderweb

14 maggio 2020

ArcelorMittal: possibile rinvio chiusura per Fos-sur-Mer

Lo spegnimento di uno dei due altiforni dello stabilimento francese potrebbe slittare di un mese

di Marco Torricelli

13 maggio 2020

Acciaio: Francia e Italia unite nelle richieste di intervento

I due paesi potrebbero invece essere in concorrenza nella partita per la sopravvivenza dell'Ex Ilva o di Fos Sur Mer

di Redazione Siderweb

8 maggio 2020

Ex Ilva: riparte la trattativa

Incontri preliminari per stabilire il calendario necessario a discutere dell'ingresso statale nel colosso siderurgico

di Redazione Siderweb

7 maggio 2020

ArcelorMittal: primo trimestre in perdita

Fatturato in calo del 22,6% rispetto all’anno scorso

di Stefano Ferrari

6 maggio 2020

Coronavirus: accordo alla ArcelorMittal di Taranto

Relativo a modulistica e protocollo d'intesa: presto avviata la fase operativa su base volontaria

di Gianmario Leone

6 maggio 2020

ArcelorMittal Taranto: le date delle ripartenze

Da lunedì prossimo tornano in marcia alcuni impianti sulla base dell’acquisizione degli ordini

di Gianmario Leone

5 maggio 2020

Coronavirus: a Taranto c’è una schiarita

La gestione dei test, in ArcelorMittal, aveva provocato delle tensioni, che però stanno rapidamente rientrando

di Gianmario Leone

5 maggio 2020

Francia: preoccupazione per il futuro di Fos-Sur-Mer

L'annuncio ArcelorMittal di spegnere un altoforno evoca lo spettro chiusure come a Florange

di Redazione Siderweb
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

11 luglio 2020

Piombino: JSW punta al breakeven entro il 2021

Carrai: «Lo stabilimento deve tornare ad essere un grande produttore e non solo trasformatore»

di Giorgio Pasquinucci

10 luglio 2020

Piombino: taglio del nastro per il decapaggio della Magona

Inaugurazione il 21 luglio alla presenza del Ceo del Gruppo GFG Alliance Sanjeev Gupta

di Giorgio Pasquinucci

10 luglio 2020

JSW Steel Piombino: Carrai si presenta ai sindacati

Giovedì prossimo primo confronto con il nuovo vicepresidente esecutivo: tutte le richieste sul tavolo

di Giorgio Pasquinucci

10 luglio 2020

Banca d’Italia: «+11,5% di prestiti alle imprese»

Incremento di 23 miliardi di euro fra marzo e maggio «grazie agli interventi di sostegno messi in campo»

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali