Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Steele: oltre 50 commesse attive

L’azienda vuole crescere ancora e amplia l'organico. Avviata una nuova collaborazione con Comau

Translated by Deepl

Supera gli 8 milioni di euro il giro d’affari generato da Steele e tutto il suo network: 9 partner con competenze in ingegneria, automazione, meccanica e digitale; i principali sono Meccanica Center, Tecnologie Industriali e Valtech. E l’azienda prevede di chiudere il proprio fatturato a più di 1,5 milioni di euro.
«Numeri che danno molta soddisfazione, considerato che siamo nati a gennaio 2020, affrontando quindi la fase di start up in piena pandemia, e che anche ora la situazione non è facile» ha detto Giorgio Ghini, un lungo passato in Danieli, fondatore e amministratore delegato di Steele. Numeri che «sono destinati a essere ulteriormente implementati».   

Nelle scorse settimane, Steele ha aperto una collaborazione con Comau, importante player internazionale nel campo dell’automazione industriale. L’obiettivo è implementare soluzioni robotiche per la siderurgia. «Oggi la robotica viene usata principalmente nelle fasi finali, per esempio nello spostamento dei materiali. Nostro obiettivo – ha spiegato Ghini – è implementarne l’uso nelle linee produttive».    

Anche alla luce di questo nuovo progetto, Steele sta ampliando il proprio organico, per espandere l’area di prodotto e di mercato. Ghini e soci (Roberto Finanzon, fondatore e Technical Manager, e Fabio Marca, Supply Chain Manager) non si aspettavano una tale escalation: «Con i nostri 9 partner, oggi gestiamo 56 commesse aperte» ha detto l’ad, che non ha escluso un ingresso in settori diversi da quello siderurgico. «Ci stanno coinvolgendo nella trafila dell’alluminio e stiamo iniziando uno studio per un’importante azienda bresciana del campo dell’ottone». 

Il modello di business della società, che si definisce un «contenitore di competenze», è inedito nell’acciaio: Steele ha ottimizzato i costi di struttura, gestendo le forniture impiantistiche e tecnologiche dei propri clienti selezionando nella propria rete i referenti migliori per la realizzazione dei diversi progetti. «Siamo una struttura completa, ma destrutturata - ha spiegato Ghini nel corso di una conferenza stampa di presentazione dell’azienda -. Lavoriamo a fianco del nostro cliente offrendo il minor prezzo e la massima competenza tecnica». Clienti tra i quali figurano Cogne Acciai Speciali, Acciaierie Venete, Alfa Acciai, Gruppo Arvedi. «Uno dei nostri progetti più importanti è l’attività di ottimizzazione del laminatoio di Pallanzeno di Duferco, per migliorare la qualità. Ne stiamo completando la fornitura – ha ricordato Ghini -. Stiamo, poi, collaborando anche con Ferriera Valsabbia, affrontando uno studio legato alla fornitura di una sezione di colata, perché il produttore ha deciso di ampliare la propria gamma». Appalti corposi, «che riusciamo a gestire "a blocchi", non vincolando il cliente al passaggio successivo». 

«La nostra forza sono le competenze. La nostra prerogativa, avere un’importante credibilità tecnica». Con questo motto, Steele intende partecipare, per la seconda volta consecutiva, a Made in Steel. «Con la tecnologia del metaverso – ha anticipato Ghini – ci piacerebbe riuscire a presentare ai clienti i nostri impianti virtuali del futuro».   

Nell'immagine il board di Steele. Da sinistra: Giorgio Ghini, fondatore e amministratore delegato; Roberto Finanzon, fondatore e Technical Manager; Fabio Marca, Supply Chain Manager.


Steele, il fatturato 2022 punta a superare gli 1,5 milioni di euro

L'azienda bresciana vuole crescere anche nel 2023 grazie alla partecipazione a Made in Steel

di Redazione siderweb

Steele raddoppia il fatturato e aumenta l'organico

L'ad Ghini: si continua a investire per «esserci con competenza, responsabilità e sostenibilità»

di Elisa Bonomelli

Steele: nel primo semestre superato il fatturato 2020

Il portafoglio ordini arriva fino a metà 2022. Ghini: «Il nostro modello sta prendendo piede»

di Redazione siderweb

Steele si presenta a Made in Steel 2021

Un modello unico nell’acciaio per la gestione delle forniture specializzate per produttori e impiantisti

di Elisa Bonomelli
Altre News

Lascia un Commento



“Non c’è passione nel vivere in piccolo, nel progettare una vita che è inferiore alla vita che potresti vivere”

Nelson Mandela

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Steele, il fatturato 2022 punta a superare gli 1,5 milioni di euro

L'azienda bresciana vuole crescere anche nel 2023 grazie alla partecipazione a Made in Steel

di Redazione siderweb

Steele raddoppia il fatturato e aumenta l'organico

L'ad Ghini: si continua a investire per «esserci con competenza, responsabilità e sostenibilità»

di Elisa Bonomelli

Steele: nel primo semestre superato il fatturato 2020

Il portafoglio ordini arriva fino a metà 2022. Ghini: «Il nostro modello sta prendendo piede»

di Redazione siderweb

Steele si presenta a Made in Steel 2021

Un modello unico nell’acciaio per la gestione delle forniture specializzate per produttori e impiantisti

di Elisa Bonomelli

Steele: una nuova sede per crescere ancora

Verso una chiusura d’anno in aumento a tripla cifra rispetto al 2022

di Elisa Bonomelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Acciaio sostenibile 2024

Seconda edizione del report sulla rendicontazione di sostenibilità delle imprese della filiera siderurgica nazionale “corta” (produttori, distributori, centri servizio, commercio rottame e ferroleghe, taglio e lavorazione lamiera).

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: indovinelli e fotografie per educare al riciclo
A cura di Stefano Gennari

RICREA: indovinelli e fotografie per educare al riciclo

Annunciati gli studenti vincitori delle iniziative Ambarabà Ricicloclò e RiciClick