Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

USA e Ue contro la Cina

L’intesa sul superamento della Section 232 ha aumentato consolidate tensioni commerciali. Russia sempre più minacciosa

Translated by Deepl

lettura-notizia

Un’intesa «costruita su misura per colpire la Cina a livello sistemico». Il superamento della Section 232 cui si è giunti lo scorso ottobre al G20 di Roma è parte di un accordo più ampio tra USA e Ue, di un progetto che va oltre l’acciaio e l’alluminio, seppur strategici. Lo ha sottolineato Carlo Muzzi, giornalista del Giornale di Brescia ed esperto di geopolitica, nel webinar di siderweb “Section 232 addio”. L’intesa ha sancito, per esempio, anche «l'intenzione di negoziare una qualche forma di standard sul contenuto di carbonio sulle importazioni di acciaio e, allo stesso tempo, affrontare la sovraccapacità», indirizzando la politica internazionale verso la sostenibilità, insieme alla volontà di USA e Ue di «rimettersi al tavolo per valutare e ridare forza al WTO». 

Le relazioni tra Ue e Cina si sono molto raffreddate negli ultimi mesi. «L’anno scorso si discuteva di un accordo commerciale Ue-Cina per gli investimenti, fortemente voluto da Angela Merkel. Oggi è lettera morta – ha spiegato Muzzi -. In questo momento i rapporti sono abbastanza compromessi». Nel segno di una «ritrovata alleanza tra USA e Ue, seppur in ogni alleanza ci siano elementi sia di cooperazione che di tensione». 

Quanto ai rapporti tra Ue e Russia, il gas viene ormai sempre «usato come arma e strumento di politica estera» e in questo trimestre «c’è stato un crollo del trasferimento» di questo input strategico. «I regolatori Ue – ha detto Muzzi - hanno notato che Gazprom non sta offrendo forniture sul mercato spot e questo ha causato un innalzamento dei prezzi. L’Unione vuole aprire una procedura contro Gazprom, perché pare proprio che il suo atteggiamento sia volontario». Inoltre, «i gasdotti che attraversano la Bielorussia e l’Ucraina, in questo momento, funzionano al 50%». Se Biden ha chiarito che «il Nordstream non va attivato» e «si sta impegnando a cercare nuovi partner per conto dell’Europa», anche l’Ue si sta muovendo, «con trattative con Qatar e Azerbaijan per coprire almeno parzialmente la mancata fornitura russa».
Uno scenario che, va da sé, «influenza fortemente i prezzi del gas». E anche «se si dovesse tornare a una situazione di de-escalation – ha detto Muzzi – non è detto che le quotazioni si abbassino. Questo è il vero problema». Tanto più che «a livello europeo sulla politica dei prezzi non c’è un’intesa tra gli Stati membri, ognuno va per sé. Si guardi all’Ungheria, con Orban che è andato a trattare direttamente con Putin e ha strappato forniture a un prezzo minore. Le prospettive, al momento, non sono ancora rasserenanti».


Acciaio, continua il calo dei futures in Cina

Tutti andamenti negativi – su prodotti e materie prime – dopo la sospensione delle trattative per il nickel

di Marco Torricelli

Acciaio inox: nuovo record per i futures in Cina

A Shanghai superati i 3.500 dollari la tonnellata dopo l’ennesima impennata fatta registrare dal nickel

di Marco Torricelli

Acciaio: produzione USA in leggero calo

Resta positivo il confronto tra l’output annuale del 2022 e quello del 2021: la crescita è del 2,9%

di Marco Torricelli

Acciaio: l’Ue riesamina dazi alla Cina

Interessati sono «alcuni tipi di lamiera pesante di acciai non legati o di altri acciai legati»

di Marco Torricelli

Acciaio: in calo i futures cinesi

Gli ultimi aggiornamenti in arrivo da Shangai indicano diminuzioni generalizzate

di Marco Torricelli

Acciaio USA: la produzione torna a crescere

Incremento settimanale dello 0,3%, mentre il totale da inizio anno è aumentato del 3,2% rispetto al 2021

di Marco Torricelli

Acciaio: in Cina i futures prendono quota

In aumento sia i coils che l’inox. Crescono anche il carbone da coke, il tondo ed il minerale di ferro

di Marco Torricelli

Acciaio: produzione Usa ancora in diminuzione

Il calo settimanale è stato dell’1,5%, ma resta positivo il confronto con l’output totale da inizio anno del 2021

di Marco Torricelli

Acciaio: settimana positiva per i futures cinesi

Solo l’inox ha chiuso in sostanziale stabilità, Baoshan Iron & Steel ha alzato i prezzi dei laminati

di Marco Torricelli

Acciaio: ipotesi “cartello” sui prezzi in Russia

MMK, NLMK e Severstal accusate di averli gonfiati violando la legge sulla concorrenza

di Marco Torricelli

Federacciai: «Il CBAM ha tre elementi di criticità»

Appello al governo per interventi strutturali di politica energetica

di Davide Lorenzini

Webinar siderweb: «Il CBAM è da migliorare»

Paolo Sangoi (Assofermet): «Nessuna rivoluzione dopo l’eliminazione della Section 232»

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Se pensi che l’educazione sia costosa, aspetta e vedrai quanto ti costerà la tua ignoranza”

John M. Capozzi

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Acciaio, continua il calo dei futures in Cina

Tutti andamenti negativi – su prodotti e materie prime – dopo la sospensione delle trattative per il nickel

di Marco Torricelli

Acciaio inox: nuovo record per i futures in Cina

A Shanghai superati i 3.500 dollari la tonnellata dopo l’ennesima impennata fatta registrare dal nickel

di Marco Torricelli

Acciaio: produzione USA in leggero calo

Resta positivo il confronto tra l’output annuale del 2022 e quello del 2021: la crescita è del 2,9%

di Marco Torricelli

Acciaio: l’Ue riesamina dazi alla Cina

Interessati sono «alcuni tipi di lamiera pesante di acciai non legati o di altri acciai legati»

di Marco Torricelli

Acciaio: in calo i futures cinesi

Gli ultimi aggiornamenti in arrivo da Shangai indicano diminuzioni generalizzate

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Acciaio sostenibile 2024

Seconda edizione del report sulla rendicontazione di sostenibilità delle imprese della filiera siderurgica nazionale “corta” (produttori, distributori, centri servizio, commercio rottame e ferroleghe, taglio e lavorazione lamiera).

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: sperimentazione sulla frantumazione per migliorare la qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: sperimentazione sulla frantumazione per migliorare la qualità

Il Consorzio sta installando un secondo impianto in Puglia. Si lavora anche per perfezionare la raccolta