Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Sangoi: «Investire in sicurezza e sostenibilità»

L'Amministratore delegato di Sangoi Group traccia un bilancio del 2021 con uno sguardo al 2022

Translated by Deepl

lettura-notizia

Paolo Sangoi, amministratore delegato di Sangoi Group e presidente di Assofermet Acciai, intervistato a Made in Steel traccia un bilancio del 2021 per il suo gruppo e per la siderurgia, con lo sguardo al 2022 e agli investimenti indispensabili per il settore. Senza scordare lo snodo delle importazioni.   

La prima domanda non può essere che sulla fiera. Che effetto fa tornare a incontrarsi, in presenza dopo la crisi pandemica?
Abbiamo atteso molto Made in Steel. Nei visitatori e negli espositori ho notato una grande carica di ottimismo. Vedono nella manifestazione l’occasione per la ripresa dei contatti. E trovo particolarmente appropriato il concetto attorno al quale ruota la fiera, “Rinascimento”. Come nel Rinascimento, che segnò l’inizio dell’era moderna e di un nuovo mondo di interpretare il mondo, è plausibile che si vada verso un altro cambiamento epocale.

Guardando al mercato, il settore dell’acciaio è ripartito in modo deciso. E per i piani questo non può che essere definito un anno straordinario. È d’accordo?
Straordinario nel vero senso della parola, ovvero completamente fuori dall’ordinario. E in particolar modo quello che è accaduto nel 2021 è qualcosa che mai si era visto in precedenza. È un anno sicuramente positivo ma pure con molte ombre per problematiche che siamo stati costretti ad affrontare. A partire dalla carenza di materie prime sulla quale sicuramente hanno influito i vincoli all’importazione. L’enorme carico di lavoro delle acciaierie europee non ha permesso a queste aziende di soddisfare l’esigenza di tutti gli operatori. E questo ha creato la situazione di shortage che gli addetti ai lavori conoscono”.

A proposito dell’import, anche in virtù del suo ruolo istituzionale di presidente di Assofermet Acciai lei non ha mai appunto nascosto come i limiti europei alle importazioni abbiano condizionato l’attività delle aziende. Come le hanno influenzate dal punto di vista operativo?

Premetto che da sempre, per mia natura, sono contrario ad ogni limitazione all’import a meno che, e in questo caso le approvo, non si tratti di azioni volte a contrastare attività di dumping promosse da specifici Paesi.  Sono invece sicuramente contrario alle misure di salvaguardia. Che insieme a una debole reazione in termini di crescita produttiva dimostrata dai produttori europei hanno creato, come dicevo, una situazione di shortage che mai per entità si era verificata in passato. E questo ha scatenato l’esplosione dei prezzi. Condizione che per un certo numero di operatori, a partire dalle acciaierie, ha permesso di registrare performance particolarmente importanti. Noi stessi che nella filiera fungiamo da distributori siamo riusciti a beneficiarne per la rivalutazione delle scorte. Ma bisogna fare attenzione il rischio è che il conto lo paghi il mercato a valle.

Siamo ormai entrati nell’ultimo trimestre dell’anno. Il 2021 che anno è stato per Sangoi?

Per il nostro gruppo il 2021 fino ad ora è stato positivo. Abbiamo registrato incrementi in termini quantitativi espressi in tonnellate attorno al 15%. Se lo leggiamo sul piano del  fatturato, anno su anno, e questo vista l’esplosione data dall’aumento esponenziale delle materie prime, l’incremento è vicino al 100%. Abbiamo pianificato importanti investimenti. In particolare un parco fotovoltaico che ci renderà totalmente autosufficienti e green. E investimenti in impianti automatici.

I bilanci decisamente positivi dell’anno in conclusione nel settore siderurgico in generale potrebbero essere appunto reinvestiti. Secondo lei di cosa avrebbe più bisogno il settore?

Gli investimenti dove il settore deve concentrarsi maggiormente oggi sono sicuramente la sicurezza sul lavoro e l’ambiente. Strategici resteranno sempre gli investimenti per accrescere il livello di service e di qualità.

Cosa vi aspettate per il 2022?

Il 2021 si dovrebbe chiudere, stando alle ultime rilevazioni, con una crescita del Pil del 6%. Per il 2022 la crescita del Prodotto interno lordo è data al 4%. Sono numeri che parlano da soli. E teniamo conto che se il 2021 si confronta con il 2020, anno oltremodo complicato per la pandemia, il 2022 si misurerà con il 2021. Quindi il 4% è un numero importante che ci deve far pensare positivo. Ciononostante vi sono alcune nubi all’orizzonte legate all’instabilità geopolitica mondiale e al rincaro del costo dell’energia e delle materie prime.  


25 marzo 2022

Assofermet Acciai insiste: «Limitare l'import»

Paolo Sangoi: «O si pongono limiti anche ai prodotti finali o il sistema europeo sarà danneggiato»

di Davide Lorenzini

7 ottobre 2021

Made in Steel: le sfide della distribuzione

Il nuovo paradigma per il comparto, tra digitalizzazione e green

di Paola Gregorio

7 ottobre 2021

Feralpi: «Vogliamo essere la Ferrari dell’acciaio»

Pasini: «Volumi in forte crescita nel 2021, ma pesa molto l’incognita costi energetici. Investimenti per 300 milioni»

di Marco Torricelli

6 ottobre 2021

Made in Steel 2021: voglia di relazione

Le voci dai padiglioni 9 e 11 di fieramilano Rho

di Gianni Veronesi

1 luglio 2021

Salvaguarda: l’amarezza di Assofermet

Sangoi: «Ennesima delusione. Relaxation decisa senza lo studio delle prospettive di crescita della domanda»

di Davide Lorenzini

24 maggio 2021

Assofermet: Paolo Sangoi presidente del sindacato acciai

«È un onore poter essere al servizio dell’associazione e ringrazio il gruppo di lavoro che mi ha dato fiducia»

di Davide Lorenzini
Altre News

Lascia un Commento



“L'unica regola del viaggio è: non tornare come sei partito. Torna diverso”

Anne Carson

DOSSIER

Dossier

Made in Steel 2023, ecco gli espositori

Verso la Conference & Exhibition internazionale dell’acciaio: le voci, le attese e i progetti della filiera

ARTICOLI SIMILI

25 marzo 2022

Assofermet Acciai insiste: «Limitare l'import»

Paolo Sangoi: «O si pongono limiti anche ai prodotti finali o il sistema europeo sarà danneggiato»

di Davide Lorenzini

7 ottobre 2021

Made in Steel: le sfide della distribuzione

Il nuovo paradigma per il comparto, tra digitalizzazione e green

di Paola Gregorio

7 ottobre 2021

Feralpi: «Vogliamo essere la Ferrari dell’acciaio»

Pasini: «Volumi in forte crescita nel 2021, ma pesa molto l’incognita costi energetici. Investimenti per 300 milioni»

di Marco Torricelli

6 ottobre 2021

Made in Steel 2021: voglia di relazione

Le voci dai padiglioni 9 e 11 di fieramilano Rho

di Gianni Veronesi

1 luglio 2021

Salvaguarda: l’amarezza di Assofermet

Sangoi: «Ennesima delusione. Relaxation decisa senza lo studio delle prospettive di crescita della domanda»

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

Riciclo imballaggi

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio
A cura di Stefano Gennari

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio

Dal 29 settembre torna l'iniziativa di RICREA per spiegare ai cittadini l'importanza della raccolta differenziata