Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Coronavirus: sostegno liquidità anche per la logistica

Volumi movimentati verso il crollo, solo al Brennero i transiti sono scesi del 70%

Versione stampabile

Riduzione fino al 70% dei mezzi pesanti e traffico auto annullato. Basta questo dato relativo ai transiti al valico di frontiera del Brennero per capire la difficile situazione nel comparto logistico e non solo imposto dall’epidemia di coronavirus e dalle restrizioni ad esso collegate.

«Dal 12 marzo il traffico leggero è decisamente scomparso e la riduzione di mezzi è prossima al 100 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019. Il calo del transito dei mezzi pesanti oscilla tra il 30 e il 70 per cento. Il crollo dei dati è iniziato il 7 marzo» hanno rimarcato le organizzazioni di categoria.

Liquidità e semplificazioni le priorità

Così come altri settori industriali anche i rappresentanti di Conftrasporto-Confcommercio, hanno rivolto un appello sulla questione liquidità, come ribadito dal presidente Fabrizio Palenzona parlando della firma dell'accordo Abi-Conftrasporto per l’accesso al credito delle imprese del trasporto e della logistica.
«Un passo fondamentale, in questo momento è importante che banche e imprese siano vicine. Ora è urgente una semplificazione delle procedure. I finanziamenti per far fronte alla pesante crisi di liquidità che sta investendo un numero elevatissimo di imprese sono fondamentali - aggiunge Palenzona -. È molto importante anche il fatto che questo accordo abbia rilevanza nazionale. Le iniziative che il governo ha assunto sul tema dello stanziamento di risorse per sostenere la liquidità sono decisive per la sopravvivenza del sistema economico e produttivo del nostro Paese. Quella che pare sottovalutata è l'urgenza di una semplificazione delle procedure».

L’accordo mira a supportare finanziariamente le imprese prevedendo la sospensione e l’allungamento dei finanziamenti, oltre al finanziamento dei progetti di investimento e al rafforzamento della struttura patrimoniale delle aziende.

«Chi vive giorno per giorno la vita delle imprese, in primis le banche, sa che, se ai provvedimenti emanati e da emendare non si unisce una immediata, profonda semplificazione delle procedure tali da rendere automatico, sulla base di autocerificazioni, l'accesso agli strumenti di garanzia previsti dal cura Italia, consentendo così agli istituti di credito l'immediata erogazione della liquidità necessaria, si rischia di innescare un processo che, in gran parte dei casi, porterebbe alla paralisi delle imprese minandone la sopravvivenza. Bisogna fare presto, è in gioco il futuro stesso del nostro Paese» ha concluso il presidente di Conftrasporto.

Sulla stessa lunghezza d’onda di Palenzona anche Unatras ha scritto alla ministra Paola De Micheli per chiedere nuovi provvedimenti per il comparto autotrasporto.
L’associazione ha ribadito che: «La categoria è allo stremo delle possibilità economiche per continuare ad operare, considerato che deve far fronte alle spese quali gasolio e transiti autostradali senza però ricevere il pagamento dei servizi effettuati dai propri committenti. Andando avanti in queste condizioni si fa presente, sin d'ora, che le imprese di trasporti sono costrette a fermarsi con conseguenze devastanti per le filiere e la popolazione tutta, a meno che non si intervenga in tempo reale con provvedimenti ad hoc».

  • Queste le priorità indicate:

    - Utilizzazione certa e più ampia possibile del Fondo centrale di garanzia PMI da assicurare
    attraverso l'ampliamento dei parametri del merito creditizio in maniera da consentire alle
    imprese di autotrasporto di accedere effettivamente ai finanziamenti garantiti dal Fondo
    stesso.

    - mantenimento della liquidità aziendale attraverso l'implementazione immediata,
    nell'annunciato DL di aprile, della norma sui termini di pagamento come già prevista per il
    settore agroalimentare con sanzione certa ed autorità di controllo ben individuata.

    - mobilizzo e pronta erogazione di tutte le risorse gestite dal MIT attualmente previste da
    contributi ed incentivi pubblici a favore della categoria dell'autotrasporto, quali quelle relative agli anni passati e non ancora rese esigibili.

    - attuazione anche in Italia per le imprese di trasporto della deroga temporanea ai tempi di
    guida e di riposo previsti dal Reg. 561/2006/CE, come già fatto da 22 Paesi europei (più altri 2 Paesi in via di definizione).

    - previsione di corridoi blu (alla stregua di quanto fatto alle frontiere con i corridoi verdi) agli imbarchi per le imprese che viaggiano da e verso le isole maggiori Sicilia e Sardegna che dovendo garantire il trasporto dei prodotti, soprattutto quelli freschi legati al settore ortofrutticolo diretto ai mercati del nord, necessitano di priorità immediata. Per tali imprese che compiono i viaggi di ritorno a vuoto stante il blocco delle attività industriali, prevedere l'esonero dal costo del traghettamento e della navigazione.

Per le autostrade del cielo la crisi coronavirus è iniziata a gennaio

Se strade e linee marittime sono in affanno non va meglio nemmeno alle autostrade dei cieli, anche se i dati del periodo più nero della crisi coronavirus devono ancora arrivare. Le statistiche mensili sul traffico mondiale del Consiglio internazionale degli Aeroporti (ACI) per gennaio mostrano che l'impatto dell'epidemia Covid-19 ha avuto un rapido effetto sul traffico passeggeri, in particolare nell'area Asia-Pacifico.
Il traffico passeggeri globale è cresciuto solo dell’1,9% a gennaio, in calo rispetto al +4,9% del mese precedente. La media sui 12 mesi ha raggiunto il +2,9%, temporaneamente sostenuta dalla crescita media osservata nel 2019.
La regione Asia-Pacifico stava già risentendo della crisi Covid-19 a gennaio, in calo dell'1,8% a causa di un significativo calo del traffico interno (-3,6%).

I risultati per l'industria del trasporto merci hanno mostrato un calo del 4,4% rispetto a gennaio 2019. I dati preliminari per il 2019 mostrano un calo annuo del 2,5%. ACI prevede che le interruzioni nelle catene di approvvigionamento e lo shock per l'economia globale scatenati dalle reazioni alla pandemia di Covid-19 causeranno un calo ancora maggiore. La media mobile a 12 mesi del mercato si è attestata al -3% a gennaio.
Il traffico merci, sia i segmenti nazionali che quelli internazionali hanno registrato risultati simili a gennaio, in calo rispettivamente del 4,4 e 4,5%. Il dato si pone in linea con la media degli ultimi 12 mesi del mercato internazionale (-4,4%), ma rappresenta uno spostamento significativo per il mercato interno, che ora si attesta al +0,1%.

Il principale motore di tale spostamento sono state le tendenze al ribasso sia in Asia-Pacifico (-9,3%) che in Nord America (-2,4%), che rappresentano la stragrande maggioranza del mercato globale delle merci. I volumi totali nelle due regioni sono diminuiti rispettivamente dell’8,1 e del 3,5% a gennaio, entrambi al di sotto della media degli ultimi 12 mesi (-3% e -1,6%). Il Medio Oriente è rimasto positivo a gennaio, a +0,5% con una media sui 12 mesi del -2,5%.
Anche l'Europa ha registrato risultati scarsi, -2,7%, in linea con la sua media degli ultimi 12 mesi (-2,4%), a causa di una flessione del 3% nel suo segmento internazionale. La contrazione in America Latina-Caraibi è stata dello 0,2%, registrando un miglioramento temporaneo rispetto alla media degli ultimi 12 mesi del (-3,9%). L'Africa è rimasta positiva a gennaio, con un +6% decisamente in crescita rispetto a una sui 12 mesi di +0,1%.


ARTICOLI CORRELATI

6 aprile 2020

Acciaio in borsa: sale ancora lo Steel Stock Index

L’indice di siderweb avanza dell’1,8% sulla scia positiva delle società siderurgiche statunitensi

di Paola Zola

3 aprile 2020

Shock da coronavirus e conseguenze sull’economia

L’analisi di Gianfranco Tosini (Centro studi siderweb) sulla base di quanto accade e delle misure messe in campo

di Gianfranco Tosini

3 aprile 2020

Coronavirus: tutto fermo fino a maggio?

L'ipotesi è stata prospettata stamattina dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli

di Marco Torricelli

3 aprile 2020

Coronavirus: appello di Eurofer all'Europa

La richiesta a Ursula Von Der Leyen è di una «revisione immediata delle quote di importazione di acciaio»

di Marco Torricelli

26 febbraio 2020

Coronavirus: situazione in evoluzione anche per la logistica

Le aziende italiane si stanno adeguando alle richieste dei clienti. Paura per cali di commesse dall'estero

di Davide Lorenzini

13 febbraio 2020

Appello della Cisa a Pechino sulla logistica

Le restrizioni sul contagio nei trasporti stanno mettendo alla prova le acciaierie cinesi

di Davide Lorenzini
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

22 gennaio 2021

Taranto: la Fiom vuole chiarimenti sul futuro dell'ex Ilva

I lavoratori contestano che l’azienda continua a gestire unilateralmente la cassa integrazione con causale Covid-19

di Gianmario Leone

22 gennaio 2021

Ex Ilva: «Senza industria non c’è sviluppo»

Lo ha detto l’ad di Invitalia Domenico Arcuri alla cerimonia di commemorazione di Guido Rossa a Genova

di Marco Torricelli

22 gennaio 2021

Ex Ilva: l’Antitrust Ue raccoglie le osservazioni

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’invito ad inviare documentazione sull’operazione ArcelorMittal – Invitalia

di Davide Lorenzini

22 gennaio 2021

Cgil: dove va la siderurgia italiana?

Il 3 febbraio convegno su «Un piano nazionale per l’acciaio»

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale duemilae20

La cronaca siderurgica e le analisi su prezzi, domanda e produzione.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Ricrea: con “Yes I Can” la differenziata a scuola
A cura di Marco Torricelli

Ricrea: con “Yes I Can” la differenziata a scuola

Il progetto promosso dal Consorzio con Gruppo Feralpi e siderweb racconta ai ragazzi l’importanza del riciclo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali