Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Buzzi: «Cresciamo nonostante i dazi»

Il gruppo Lucefin perde il 50% delle quote statunitensi e guarda verso l'Asia. Tiene il mercato italiano

Versione stampabile

RHO (MI) - «Negli Stati Uniti abbiamo realmente "pagato dazio"». Un gioco di parole quello di Giorgio Buzzi, amministratore delegato del gruppo Lucefin di Esine, che riflette però una situazione di certo non positiva: le misure protezionistiche volute da Donald Trump stanno facendo sentire i loro effetti.

«La quota di mercato a stelle e strisce si è ridotta del 50% - conferma Buzzi da Made in Steel -. Per questo motivo siamo alla ricerca di altri sbocchi che ci permettano di recuperare. Nello specifico stiamo guardano con interesse al Sud-est asiatico». Tiene invece il business italiano, con la conferma dei numeri del 2018. Durante l'anno passato il gruppo bresciano, attivo nella commercializzazione e produzione di acciai lavorati, ha fatturato 220 milioni di euro (l'export vale il 50%), «numero che è destinato a crescere nel 2019 visto che entrerà nel bilancio consolidato la società Trafitec - spiega l'aministratore delegato -. Nonostante un inizio anno non certo dei migliori crediamo di poter cogliere comunque buoni risultati, anche se tutto dipende dagli obiettivi che ci daremo di fatturato».

Tra i fiori all'occhiello di Lucefin c'è anche la Matter, specializzata nella realizzazione di magazzini automatizzati in ottica 4.0. «Stiamo crescendo in questo segmento - afferma Buzzi -. Recentemente abbiamo anche customizzato un impianto specificatamente rivolto alle piccole trafilerie». E sullo sfondo inoltre si prefigura un nuovo investimento, un secondo forno per la normalizzazione e la distensione del materiale «che si andrebbe ad aggiungere al macchinario già installato l'anno scorso».

ARTICOLI CORRELATI

  • La sfida della sostenibilità, tra acciaio e sport

    Sul palco di Made in Steel si è discusso di futuro e di innovazione

    di Stefano Martinelli
  • Cometfer: «Obiettivo battere l'incertezza»

    L'amministratore Roberto Guardafigo da Made in Steel fotografa il mercato delle materie prime

    di Davide Lorenzini
  • ForSteel: «L'acciaio quando non è ancora acciaio»

    Leonardo Manzaro a Made in Steel: «Fornitori affidabili e qualità certa alla base della nostra crescita»

    di Marco Torricelli
  • Altre News

Lascia un Commento



“Se tutto l'anno ci fosse vacanza, divertirsi sarebbe tedioso come lavorare”

William Shakespeare

DOSSIER

Auto elettrica: quale futuro per l'acciaio

Le strategie dei grandi gruppi siderurgici globali che servono l'automotive nelle analisi dell'Ufficio Studi siderweb

17 aprile 2019
Sostenibilità: le strategie dei leader mondiali
Archivio dossier

ULTIME NEWS

MERCATI

Tubi saldati

Alcuni produttori rilanciano

Rottame

Mercato contraddistinto dalla stabilità

Ghisa

Prezzi tra i 350 ed i 360 dollari la tonnellata

Altre analisi

SPECIALI

Speciali

STEEL HUMAN

Da Made in Steel 2019 innovazione e sostenibilità. Un nuovo paradigma per l’acciaio.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

A cura di Gianni Veronesi

Acciaio per la ricerca scientifica pediatrica

Ricrea ha rinnovato il proprio sostegno alla Fondazione Umberto Veronesi. A fine marzo volontari in piazza

Tecnologie industriali

A cura di Redazione Siderweb

Tubi strutturali Morandi per la casa in acciaio

I tubi strutturali del Centro Servizi di Brescia inaugurano il nuovo spazio dedicato alla community dell’acciaio