Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Difesa o protezione? I timori dell'acciaio

Sono le distorsioni commerciali a preoccupare di più la filiera, da Federacciai ad Assofermet

Versione stampabile

MILANO – Che ArcelorMittal, il principale produttore mondiale di acciaio, con un output di circa 100 milioni di tonnellate l’anno, abbia annunciato l’intenzione di ridurre temporaneamente la propria produzione primaria annua europea di 3 milioni di tonnellate, è un segnale «grave e molto pesante del fatto che il mercato è così disturbato, che il primo player siderurgico mondiale sta faticando. Fino a oggi i volumi delle nostre aziende nazionali hanno resistito. Il disturbo dell’import si è fatto sentire sul valore dei prodotti, ma i numeri dell’output hanno tenuto. Spero che questo scenario si mantenga», confidando nella «specializzazione produttiva del nostro acciaio» e nella ripartenza del comparto delle costruzioni e delle infrastrutture. Lo ha detto Flavio Bregant, il direttore generale di Federacciai, durante la conferenza stampa di presentazione di Made in Steel, la principale Conference & Exhibition del Sud Europa per la filiera siderurgica, che martedì aprirà a fieramilano Rho. 

Sotto osservazione c’è in particolare la Turchia, che «ha triplicato la propria presenza in Italia». Questi i numeri forniti da Federacciai: da una media di import di meno di 600mila tonnellate nel periodo 2015/2017 si è arrivati agli 1,5 milioni di tonnellate nel 2018. Lo scorso anno, l’incidenza dei prodotti turchi sull’import è stata del 20%. «Nel primo trimestre 2019 – ha sottolineato Bregant – si è arrivati al 33%. La tendenza è all’aumento». Il Paese starebbe lavorando su alcuni "buchi" normativi della Salvaguardia, «introducendo quantità enormi di materiale. Per alcuni prodotti in particolare sta disturbando il mercato».

Ha chiesto che venga «mantenuta la nostra libertà di approvvigionamento globale, variabile strategica» Riccardo Benso, presidente di Assofermet, l’associazione che rappresenta di distributori nazionali di acciaio, sempre durante la conferenza stampa di presentazione di Made in Steel. «Noi a valle abbiamo la necessità di avere imprese che restino competitive, e quindi che le porte dei mercati siano aperte. Perché se cominciano a essere socchiuse, pensiamo agli Stati Uniti – ha chiarito -, steelmaker e distributori potrebbero soffrirne». 

Proprio di “seduzioni protezionistiche” e di mutamenti geopolitici si parlerà durante l’assemblea generale di Assofermet, che si terrà a Made in Steel giovedì 16 maggio (dalle ore 10 la sessione privata, dalle 11 quella pubblica). Grazie alla manifestazione di filiera è possibile una fitta «attività relazionale e di dialogo».

A tali problemi «solo rimanendo uniti in filiera possiamo dare una risposta» ha detto infine il direttore generale di Federacciai Bregant in riferimento a Made in Steel, «unico vero incontro proprio di filiera che abbiamo in italia, che oggi è sempre più necessario». 

 

ARTICOLI CORRELATI

7 maggio 2019

Made in Steel 2019: nuovo paradigma per l’acciaio

Potenzialità di crescita in innovazione e di sostenibilità alla Conference & Exhibition al via martedì

di Elisa Bonomelli

6 maggio 2019

siderweb TG: le news della settimana

In questa edizione, occhi puntati sull'imminente edizione di Made in Steel, dal 14 al 16 maggio

di Elisa Bonomelli

3 maggio 2019

"Steel on stage", startup e pmi in sfida

siderweb ti porta a Made in Steel. Scarica il tuo biglietto omaggio

di Redazione Siderweb
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

7 agosto 2020

Anche siderweb va in vacanza

Due settimane di pausa per la community italiana dell'acciaio. Appuntamento al 24 agosto

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Acciaio: fermate estive più corte nel 2020

Scende di oltre due giorni la media degli stop di produzione siderurgica italiana, che si assesta a 17,8 giorni

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Tutti i bilanci che raccontano il 2019 dell'acciaio

Scopri con l'analisi dell'Ufficio studi siderweb i risultati delle aziende della filiera siderurgica

di Redazione Siderweb

7 agosto 2020

Il punto con siderweb

Le iniziative per restare accanto alla community, l’acciaio italiano si prepara al 2021, le anomalie di mercato

di Redazione Siderweb
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali