Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Prodotti piani: attesi decisi rincari

Le aspettative degli operatori emerse nel webinar di siderweb “MERCATO & DINTORNI”. Ferrari (siderweb): «Vendite ferme»

Translated by Deepl

Un deciso aumento dei prezzi, dei prodotti piani ma non solo. Stando a quanto hanno risposto gli operatori al sondaggio sulle quotazioni di quattro prodotti “benchmark” per il mercato siderurgico, proposto da siderweb durante il webinar “MERCATO & DINTORNI” di oggi, per i coils a caldo ci si attende un aumento di oltre 50 euro la tonnellata (52% delle risposte). Il 27% prevede una crescita tra i 30 e i 50 euro la tonnellata; il 12% di 10-30 euro la tonnellata. E già a febbraio i coils, dopo il rallentamento di fine 2021, erano tornati a guadagnare circa 30 euro. Quanto alle lamiere da treno (che arrivano da un aumento di quasi 80 euro a tonnellata, sulla scia di un forte incremento delle bramme), il 46% dei rispondenti si aspetta una crescita di oltre 50 euro la tonnellata, il 25% di 30-50 euro la tonnellata e il 9% tra i 10 e i 30 euro.

Con la crisi in Ucraina che avrà un impatto diretto e indiretto sui prezzi dell’acciaio, ha spiegato il responsabile dell’Ufficio Studi siderweb, Stefano Ferrari, soprattutto sul mercato dei piani «le vendite di tutti i produttori europei sono ferme, in attesa di vedere ciò che succederà. Le attese sono per una decisa crescita delle quotazioni: Russia e Ucraina sono tra i Paesi più attivi nella fornitura di materie prime e semilavorati siderurgici e i venti di guerra portano incertezza che si riverbera sui prezzi». Inoltre, sono attesi un «aumento del costo dell’energia, quando in Ue eravamo già ai massimi storici; un’interruzione della catena di fornitura dei metalli, come nichel e alcuni semilavorati; una possibile rimodulazione dell’export russo verso Oriente, in Cina e Asia».

In questo contesto, stando a quanto emerso dal sondaggio, gli operatori si attendono una crescita anche delle quotazioni del rottame, che a febbraio ha guadagnato 20-25 euro la tonnellata (per il 38% salirà di oltre 50 euro la tonnellata, per il 27% di 30-50 euro) e del tondo per cemento armato (per il 47% il suo prezzo salirà di più di 50 euro la tonnellata, per il 16% tra i 30 e i 50 euro), che arriva da un mese tra lo stabile e il calo.

L’anno d’oro dei prodotti piani
Tornando ai prodotti piani, il 2021 è stato un “anno d’oro”. «Dopo aver toccato nella seconda metà del 2020 il prezzo più basso dei 5 anni precedenti, le quotazioni dei coils a caldo hanno visto un rimbalzo repentino, fino ad arrivare a sfiorare i 1.200 euro la tonnellata nel terzo trimestre. Dopo il picco – ha ricordato Ferrari – il prezzo è sceso a poco meno di 900 euro a fine gennaio 2022. Oggi sono in ripresa, con un aumento di 46 euro la tonnellata nelle ultime 4 settimane».

Febbraio ha visto anche il “controsorpasso” delle lamiere da treno sui coils a caldo: «Nel periodo 2017-2020, il prezzo dei coils è stato inferiore a quello delle lamiere da treno di circa 40 euro la tonnellata. A fine gennaio 2021 c’è stato il pareggio e poi, nel corso dell’anno, le quotazioni dei coils sono state strutturalmente più alte, fino a un massimo di 150 euro di delta. A febbraio la situazione si è poi ribaltata», con le lamiere da treno vicine ai massimi storici, intorno ai 1.000 euro la tonnellata. Ora c’è da capire, ha aggiunto Ferrari, «se il 2021 è stato un anno particolare che non si ripeterà o se qualcosa è cambiato nel settore in modo strutturale».

Import-export
Nel 2021, l’Italia ha importato 11,7 milioni di tonnellate di prodotti piani (+34% tendenziale e 200mila tonnellate in più rispetto al 2019). «L’import ha avuto un andamento a “v” – ha spiegato Ferrari – con un recupero immediato della perdita del 2020». In dettaglio, l’inox è salito del 9% e gli speciali dell’8%; stabile il carbonio rispetto al 2019.

Quanto all’export, nel 2021 sono arrivati in Italia 5,7 milioni di tonnellate di prodotti piani (+15% sul 2020, -10% sul 2019). I coils a caldo sono però ancora molto lontani rispetto al 2019 (2,19 milioni di tonnellate nel 2019, 1,73 nel 2021).

«Si rileva in minor dinamismo all’export rispetto all’import. Da un lato è possibile che ci sia stato un calo della nostra attrattività sui mercati internazionali, dall’altro è probabile che sia stata una grossa spinta del consumo interno» ha spiegato Ferrari. «Infatti l’import netto è salito nel 2021 a 6 milioni di tonnellate dai 3,7 del 2020 e dai 5,2 del 2019. Il consumo apparente è quindi salito di circa 4 milioni di tonnellate: una grande spinta ai consumi, che poi si è ribaltata anche sui prezzi».


1 marzo 2022

Siderurgia, Fim-Fiom-Uilm: «Fermare la guerra»

L’appello è motivato, anche, dall’aggravarsi della «dipendenza energetica del nostro Paese da forniture estere»

di Marco Torricelli

1 marzo 2022

Pesanti rincari alla ripresa delle attività dopo lo shock da conflitto

Viganò: «Quotazioni ancora ferme, ma sono attesi rialzi sui piani nell'ordine dei 150-200 euro la tonnellata»

di Davide Lorenzini

1 marzo 2022

Guerra in Ucraina, Centravis ferma la produzione

Il fornitore di tubi in acciaio inossidabile senza saldatura interrompe le lavorazioni fino al 9 marzo

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Congratularsi vuol dire esprimere con garbo la propria invidia”

Ambrose Bierce

DOSSIER

Dossier

Made in Steel 2023, ecco gli espositori

Verso la Conference & Exhibition internazionale dell’acciaio: le voci, le attese e i progetti della filiera

ARTICOLI SIMILI

1 marzo 2022

Siderurgia, Fim-Fiom-Uilm: «Fermare la guerra»

L’appello è motivato, anche, dall’aggravarsi della «dipendenza energetica del nostro Paese da forniture estere»

di Marco Torricelli

1 marzo 2022

Pesanti rincari alla ripresa delle attività dopo lo shock da conflitto

Viganò: «Quotazioni ancora ferme, ma sono attesi rialzi sui piani nell'ordine dei 150-200 euro la tonnellata»

di Davide Lorenzini

1 marzo 2022

Guerra in Ucraina, Centravis ferma la produzione

Il fornitore di tubi in acciaio inossidabile senza saldatura interrompe le lavorazioni fino al 9 marzo

di Marco Torricelli

1 marzo 2022

Prodotti piani: attesi decisi rincari

Le aspettative degli operatori emerse nel webinar di siderweb “MERCATO & DINTORNI”. Ferrari (siderweb): «Vendite ferme»

di Elisa Bonomelli

5 luglio 2022

Mercato ancora dominato dalle anomalie

L’intervento di Ferrari al webinar "MERCATO & DINTORNI"

di Redazione siderweb
Altre News

MERCATI

Riciclo imballaggi

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio
A cura di Stefano Gennari

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio

Dal 29 settembre torna l'iniziativa di RICREA per spiegare ai cittadini l'importanza della raccolta differenziata