Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

«Alle acciaierie oggi non serve rottame»

Si naviga a vista secondo l’amministratore di Cometfer, Roberto Guardafigo

Translated by Deepl

«Appare piuttosto chiaro che in questo momento alle acciaierie non serve il rottame». Così ha sintetizzato il momento di mercato l’amministratore di Cometfer, Roberto Guardafigo, ospite del webinar di siderweb MERCATO & DINTORNI che si è tenuto questa mattina.

«Il primo trimestre dell’anno è stato in linea con l’andamento del 2022 – ha spiegato –. Anche a marzo e aprile si è lavorato abbastanza bene. I problemi sono arrivati a maggio, quando il mercato si è fermato. Abbiamo una visibilità molto corta, addirittura di mezza giornata. Forse i produttori hanno adottato uno “stop & go” produttivo. Di certo, in questo momento, di rottame ce n’è in esubero».

Quanto ai prezzi, negli ultimi cinque mesi si sono persi in media 100 euro la tonnellata; di questi, «80 solo a maggio e qualcosa è già stato lasciato sul terreno anche a giugno. Speriamo di essere arrivati alla fine di questa discesa».  

Cometfer, che ha sede a S. Stino di Livenza (Ve) e gestisce circa 200mila tonnellate l’anno di rifiuti e scarti metallici ferrosi e non ferrosi, esporta circa il 10-12% del suo fatturato. «Restiamo nell’ambito dell’Europa, in Germania, Austria, Olanda con spedizioni settimanali – ha spiegato Guardafigo – e con contratti anche di 13 mesi. Quanto ai prezzi, ritengo che siano abbastanza omogenei in Europa, Turchia a parte. Spero comunque che le quotazioni si normalizzino, in modo che i produttori tornino a fare un po’ di magazzino».

Proprio in tema di export di rottame, Guardafigo ha affermato che «è chiaro e noto che non faccia piacere alle acciaierie italiane ed europee, perché sappiamo benissimo che, con la progressiva decarbonizzazione, la richiesta aumenterà. Ma il rottame che finora è stato esportato non ha danneggiato la filiera: è materiale di qualità scadente. Potrebbe rimanere in Italia qualora si trovasse un adeguato rapporto qualità-prezzo» dopo la sua lavorazione. A questo proposito, l’amministratore di Cometfer ha citato il “mulino” del Gruppo Arvedi da 2mila tonnellate al giorno: «C’è forse in progetto di realizzare altri impianti di quel tipo. Il rottame di scarsa qualità potrebbe così essere lavorato e riqualificato, restando così sul mercato nazionale».

Affrontato il tema mercato, si è parlato dell’andamento di Cometfer. «Il 2022 per noi è stato un anno eccellente, direi “magico”. Un anno di grande lavoro, di grandi volumi e buoni margini – ha ricordato Guardafigo –. Un anno da incorniciare ma con il quale non fare confronti da qui in futuro, perché difficilmente ripetibile».  

A San Giorgio di Nogaro, Cometfer sta ultimando un investimento da circa 10 milioni di euro in un’azienda, che dovrebbe essere concluso intorno a settembre-ottobre. Nello stabilimento di S. Stino, poi, si sta investendo per arrivare a una potenza installata di 1,1 mega di fotovoltaico e nell’ammodernamento delle attrezzature.  


Materie prime strategiche, l'Italia si confronta

La Luiss prova a fare da catalizzatore per l'elaborazione di un piano nazionale

di Redazione siderweb

Assofermet: giugno incerto per le materie prime siderurgiche

La nota di mercato certifica i decisi cali per rottame, ghisa e ferroleghe registrati nel mese di maggio

di Davide Lorenzini

Ferroleghe, la ripresa è attesa nel quarto trimestre

Foglia: «Nelle prossime settimane commercializzeremo un nuovo prodotto realizzato con certificatori e acciaierie»

di Davide Lorenzini

Produzione bassa, mercato debole

Import di materie prime in aumento nel primo bimestre, ma potrebbe essere stata un'anomalia

di Elisa Bonomelli

Confermate le attese di persistente debolezza lungo le filiere dell'acciaio

Unica eccezione il recupero del rottame turco

di Achille Fornasini

Turchia: import di rottame in calo ad aprile

Nei primi quattro mesi il Paese ha ricevuto il 23% in meno rispetto allo stesso periodo del 2022

di Stefano Gennari

Nuovi ribassi per piani e materie prime, recupera solo il rottame turco

Nickel e comparto inox sempre più deboli

di Achille Fornasini

Il recupero del minerale non ferma la caduta dei piani

Prosegue la flessione dei lunghi, ma rimbalza il rottame turco. Nickel e comparto inox ancora in ripiegamento

di Achille Fornasini
Altre News

Lascia un Commento



“Quelli che non sperano in un’altra vita sono morti perfino in questa”

Wolfgang Goethe

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Materie prime strategiche, l'Italia si confronta

La Luiss prova a fare da catalizzatore per l'elaborazione di un piano nazionale

di Redazione siderweb

Assofermet: giugno incerto per le materie prime siderurgiche

La nota di mercato certifica i decisi cali per rottame, ghisa e ferroleghe registrati nel mese di maggio

di Davide Lorenzini

Ferroleghe, la ripresa è attesa nel quarto trimestre

Foglia: «Nelle prossime settimane commercializzeremo un nuovo prodotto realizzato con certificatori e acciaierie»

di Davide Lorenzini

Produzione bassa, mercato debole

Import di materie prime in aumento nel primo bimestre, ma potrebbe essere stata un'anomalia

di Elisa Bonomelli

Confermate le attese di persistente debolezza lungo le filiere dell'acciaio

Unica eccezione il recupero del rottame turco

di Achille Fornasini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Acciaio sostenibile 2024

Seconda edizione del report sulla rendicontazione di sostenibilità delle imprese della filiera siderurgica nazionale “corta” (produttori, distributori, centri servizio, commercio rottame e ferroleghe, taglio e lavorazione lamiera).

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: sperimentazione sulla frantumazione per migliorare la qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: sperimentazione sulla frantumazione per migliorare la qualità

Il Consorzio sta installando un secondo impianto in Puglia. Si lavora anche per perfezionare la raccolta