Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

PANorami: la Turchia sceglie di nuovo Erdogan

Il presidente turco è stato riconfermato al secondo turno, ma “il Sultano” non è forte come un tempo

La Turchia ha scelto: Recep Tayyip Erdogan è stato riconfermato presidente della Repubblica. Il capo di Stato turco si avvia così al terzo mandato e, al termine, ritoccherà il suo record di leader più longevo della storia politica del suo Paese. Ventisei anni di presidenza che gli permetteranno di staccare ulteriormente il padre fondatore della patria Mustafa Kemal Ataturk, fermatosi a 15 anni.

Rispetto ai precedenti appuntamenti, questa volta “il Sultano” ha dovuto ingaggiare la battaglia con il suo oppositore e andare al secondo turno, vinto con il 52% dei voti. Una tornata elettorale nella quale il presidente turco è riuscito a mantenere la presa sul suo popolo, nonostante un’opposizione mai così compatta e le difficoltà derivate da una crisi economica profonda e aggravata dal recente devastante terremoto. Fattori che in una certa misura hanno portato alla luce una sua minore forza rispetto al passato. Riaffermazione arrivata grazie a promesse rinnovate e non facili da mantenere. Promesse fondate sull’aspirazione ad un nuovo rilancio economico e sul binomio formato da islamismo e grande proiezione di potenza internazionale ricostruita proprio da Erdogan. Di fatto, uno scambio tra identità ed economia che ha permesso al Sultano di mostrare ancora una volta e malgrado tutto la sua solidità, ma un aggravarsi della situazione finanziaria potrebbe farlo vacillare.

Nella puntata di oggi, Massimiliano Panarari analizza la storia politica del presidente turco e la sua rielezione, rispetto alla quale l’Occidente dovrà fare i conti e lavorare per ri-aprire il dialogo.

 

Massimiliano Panarari
è sociologo della comunicazione, saggista e consulente di comunicazione politica e pubblica. È professore di ruolo alla Università Mercatorum di Roma, e insegna inoltre all’Università Luiss Guido Carli di Roma, alla Luiss School of Government e all’Università Luigi Bocconi di Milano. È editorialista dei quotidiani La StampaIl Mattino di PadovaIl Piccolo e Giornale di Brescia, collabora con L’EspressoIl Venerdì di Repubblica e con siderweb.


Turchia: cresce l'export di coils a caldo verso l'Italia

In calo invece le esportazioni totali: -31% circa nei primi quattro mesi

di Stefano Gennari

In Turchia il crollo della lira rende incerto il valore del rottame

Le acciaierie aumentano i prezzi all'acquisto, ma con il cambio instabile si fatica ad individuare un prezzo univoco

di Emanuele Norsa
Altre News

Lascia un Commento



“Signori si nasce, cretini si muore”

Zazà (dal film, Signori si nasce di Mario Mattòli)

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Turchia: cresce l'export di coils a caldo verso l'Italia

In calo invece le esportazioni totali: -31% circa nei primi quattro mesi

di Stefano Gennari

In Turchia il crollo della lira rende incerto il valore del rottame

Le acciaierie aumentano i prezzi all'acquisto, ma con il cambio instabile si fatica ad individuare un prezzo univoco

di Emanuele Norsa

PANorami: la Turchia sceglie di nuovo Erdogan

Il presidente turco è stato riconfermato al secondo turno, ma “il Sultano” non è forte come un tempo

di Massimiliano Panarari

PANorami: sì della NATO all’ingresso dell’Ucraina

Indicato un percorso per allargamento dell’Alleanza atlantica, ma senza un calendario definito

di Massimiliano Panarari

PANorami: la Francia s’infiamma

Cosa c’è alla base della violentissima reazione dei cittadini che ha segnato Parigi

di Massimiliano Panarari
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale wire & Tube 2024

L'edizione 2024 del wire & Tube raccontata attraverso approfondimenti, immagini e interviste agli operatori raccolte in fiera dalla redazione di siderweb.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»
A cura di Federico Fusca

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»

Una sola richiesta: «Uniformare i sistemi di calcolo delle quantità riciclate per raggiungere i target comuni»