Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

«Costruire condizioni di competitività per la sopravvivenza del settore»

Gli interventi di Morandi (siderweb), Benso (Assofermet) e Gozzi (Federacciai) a Bilanci d'Acciaio 2022

MILANO - La proposta della costituzione di un tavolo che coinvolga tutti gli attori della filiera dell’acciaio da una parte; dall’altra, l’invito a costruire condizioni di competitività per difendere il settore. Sono rispettivamente gli appelli che Riccardo Benso, presidente di Assofermet, e Antonio Gozzi, presidente di Federacciai, hanno lanciato dal palco di Bilanci d’Acciaio 2022, evento tenutosi oggi nel Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci.

Emanuele Morandi, presidente di siderweb, ha aperto i lavori sottolineando l’importanza della ragioneria, perché «anche la creatività e l’ingegno umano hanno bisogno di essere rappresentati da numeri». Quelli di questa edizione di Bilanci d’Acciaio, la quattordicesima, «ci raccontano di un finale di 2020 e un 2021 straordinari, ma ora siamo entrati nel tunnel dell’incertezza: in un mondo passato all’improvviso da decenni di deflazione all’inflazione galoppante; dai tassi zero a tassi che salgono come mai avevano fatto in passato; da materie prime tutto sommato a buon mercato a rincari violenti, con costi di energia e gas insostenibili per famiglie e imprese. Iniziamo a sentire i primi preoccupanti scricchiolii della gigantesca impalcatura che sostiene le nostre economie».

Difficoltà alle quali Riccardo Benso non ha potuto non accennare durante i suoi saluti ai partecipanti all’evento. «Nessuno – ha affermato – si aspettava di incontrare ostacoli così gravosi come quelli che ci troviamo ad affrontare in questo momento. La nostra capacità straordinaria di adattamento ci consentirà di superarli, ma la fase che ci porterà a quel punto potrebbe non essere rapida in quanto ci confrontiamo con una realtà che è cambiata strutturalmente. La fase è critica, i produttori, i distributori e gli utilizzatori stanno vivendo una fase complicata». Tuttavia, secondo il presidente di Assofermet, le nubi all’orizzonte potrebbero portare ad «una discontinuità che potrebbe generare una condizione strutturale, un nuovo domani del quale dobbiamo essere protagonisti». Da qui, l’invito di Benso alla costituzione di un tavolo permanente al quale partecipino tutti gli operatori della filiera, dai produttori agli utilizzatori finali. La proposta, che già era stata presentata all’ex ministro dello Sviluppo economico Gincarlo Giorgetti, il quale l’aveva accolta favorevolmente, è nata «dall’osservazione soprattutto dell’anello finale della filiera, quello che più di tutti rischia di scomparire se i mercati girano contro e non vengono gestiti in maniera responsabile e seria da tutto il sistema, politica in primis. È l’utilizzatore finale che va messo al centro, perché senza i nostri clienti le nostre attività nostre si spegnerebbero».

Anche Antonio Gozzi nel suo discorso alla platea di Bilanci d’Acciaio ha sottolineato l’eccezionalità della congiuntura economica attuale, «che ha due elementi di grande novità rispetto agli anni relativamente tranquilli che abbiamo vissuto: un’inflazione a tassi che non vedevamo da trent’anni e l’attenuarsi del processo di globalizzazione». Una situazione che la comunità dell’acciaio «non può ignorare e che impone attenzione e sforzo di comprensione, perché l’unico modo per governare il cambiamento è comprenderne i fondamentali e individuarne i rimedi». Gozzi ha affermato che la siderurgia italiana è «un campione nel mondo» sotto il profilo della decarbonizzazione e della circolarità. Ciò significa tuttavia che la carenza di rottame, che è destinata ad acuirsi con la conversione dei processi siderurgici a livello europeo, rappresenta per la siderurgia italiana un pericolo. «Siamo convinti assertori della necessità di decarbonizzare i processi – ha precisato – ma crediamo anche che questi percorsi debbano essere razionali, non ideologici, non faziosi». Un altro problema è rappresentato dall’energia elettrica, perché «spostare la fonte energetica dal carbone all’elettricità non fa che esacerbare il problema dell’energia». Sarà fondamentale quindi risolvere queste due criticità nel perseguire la via della decarbonizzazione. «Tutti stiamo investendo in fonti rinnovabili – ha affermato –, ma lavoriamo 8mila ore all’anno e con le fonti rinnovabili riusciamoo a coprirne 2.000-2.500 nel migliore dei casi. Sulle cariche metalliche abbiamo appena costituito un consorzio che ha il compito di lavorare sulla fattibilità di impianti DRI in Italia o, più probabilmente, all’estero». Questo perché «abbiamo bisogno di prepararci a compensare lo shortage sullle cariche metalliche interne con fonti di approvvigionamento esterne. Pariamo di impianti che vanno costruiti principalmente in Paesi nei quali il gas ha un costo di estrazione molto basso e che siano compatibili con un trasporto non facile di DRI verso l’Italia».

«Costruire condizioni di competitività – ha concluso il presidente di Federacciai – è fondamentale per la difesa della siderurgia, perché se l’acciaio europeo non è competitivo è a rischio la sopravvivenza di tutti: produttori, distributori e utilizzatori».


18 gennaio 2023

Gozzi: l'acciaio italiano ha tenuto nel 2022, output di 21,6 milioni di t

Confermati i segnali di moderato ottimismo in questo avvio di 2023

di Davide Lorenzini

30 novembre 2022

"Ambiente Svenduto", le motivazioni alle condanne riaccendono il dibattito

Urso a Porta a Porta: «Saliti su un treno in corsa che sta deragliando»

di Redazione siderweb

28 ottobre 2022

siderweb TG: dopo un anno irripetibile, molte incognite

A preoccupare gas e cariche metalliche. I distributori: serve un tavolo permanente di filiera

di Elisa Bonomelli

27 ottobre 2022

BILANCI d'ACCIAIO 2022

L'analisi in chiave strategica e prospettica dei bilanci 2021 della filiera

Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

18 gennaio 2023

Gozzi: l'acciaio italiano ha tenuto nel 2022, output di 21,6 milioni di t

Confermati i segnali di moderato ottimismo in questo avvio di 2023

di Davide Lorenzini

30 novembre 2022

"Ambiente Svenduto", le motivazioni alle condanne riaccendono il dibattito

Urso a Porta a Porta: «Saliti su un treno in corsa che sta deragliando»

di Redazione siderweb

28 ottobre 2022

siderweb TG: dopo un anno irripetibile, molte incognite

A preoccupare gas e cariche metalliche. I distributori: serve un tavolo permanente di filiera

di Elisa Bonomelli

27 ottobre 2022

BILANCI d'ACCIAIO 2022

L'analisi in chiave strategica e prospettica dei bilanci 2021 della filiera

26 ottobre 2023

Cauto ottimismo per il 2024

Riccardo Benso, Giuseppe Pasini e Stefano Vittorio Kuhn alla presentazione nazionale di Bilanci d'Acciaio 2023

di Redazione siderweb
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale Acciaio Ue verso un futuro a emissioni zero

Speciale Acciaio Ue verso un futuro a emissioni zero

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: a Ecomondo con siderweb per parlare di tecnologie green e Cbam
A cura di Stefano Gennari

RICREA: a Ecomondo con siderweb per parlare di tecnologie green e Cbam

Il presidente Rinaldini: «Riciclo degli imballaggi in acciaio oltre l'80%, ecco come consolideremo il risultato»