Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

ArcelorMittal Italia: «La produzione può proseguire»

Il Consiglio di Stato ha accolto la richiesta di sospensiva avanzata dal gruppo. Udienza di merito il 13 maggio

lettura-notizia

«L’attività produttiva dello stabilimento può proseguire regolarmente». A farlo sapere con una nota, intorno alle 12, è stata la stessa ArcelorMittal Italia.

Il Consiglio di Stato ha accolto nella camera di consiglio di ieri, 11 marzo, la richiesta di sospensiva avanzata dal gruppo, e ad adiuvandum da Invitalia, della sentenza del Tar di Lecce n. 249/2021. «ArcelorMittal Italia - esplicita la nota - non ha l’obbligo di avviare la fermata dell’area a caldo dello stabilimento di Taranto e degli impianti connessi». 

L’ordinanza cautelare con cui il Consiglio di Stato ha accolto la richiesta di sospensiva presentata da ArcelorMittal Italia e Invitalia concede una sospensiva di fatto di breve durata, dal momento che punta a «garantire che la decisione definitiva della controversia sia pronunciata re adhuc integra» nell’udienza di merito prevista il prossimo 13 maggio, come si legge nel provvedimento.

Sebbene ribadisca che una valutazione più approfondita delle ragioni nel merito del ricorso avverrà tra due mesi, l’ordinanza del Consiglio di Stato presenta due passaggi interessanti, che fanno pensare anche alla possibilità che la sentenza del tribiunale regionale possa essere ribaltata in appello.

In primo luogo, evidenzia che gli episodi di emissioni atmosferiche critiche su cui si basa l’ordinanza del sindaco di Taranto non si sono più verificati nell’anno di sospensiva trascorso prima del pronunciamento del Tar. Emissioni peraltro riconducibili a guasti.

A far propendere il Consiglio di Stato per la sospensione della sentenza del Tar è stata anche l'insistenza del primo cittadino di Taranto nelle proprie richieste di chiusura dell’area a caldo. «Tale condotta appare indicativa di un atteggiamento del Comune oggettivamente proteso a perseguire la sospensione dell’attività e pertanto dequota quelle argomentazioni difensive inerenti alla possibilità, per le appellanti, di ottenere, ove domandata, una proroga dei termini per effettuare le operazioni di spegnimento» evidenziano i giudici romani.

Giudici che rimarcano come la sospensiva in oggetto deve essere mirata a tutelare gli interessi di entrambe le parti in causa fino al pronunciamento definitivo. Pertanto «nel complessivo confronto fra gli allegati pregiudizi, quello dedotto dalle appellanti, consistente nell’irrimediabile deperimento degli impianti, si profila come attuale ed irreparabile, mentre quello degli appellati, consistente nell’eventuale ripetizione di eventi emissivi provenienti dall’“area a caldo” di cui si è ordinato lo spegnimento, risulta meramente ipotetico».


ArcelorMittal vuole produrre DRI a Dunkerque

MOU con Air Liquide per decarbonizzare degli impianti e soluzioni produttive a base di idrogeno

di Davide Lorenzini

Ex Ilva: «La soluzione non passa dal tribunale»

Così il ministro Giorgetti. I sindacati: ora si completi l’operazione con Invitalia per l’ingresso dello Stato

di Elisa Bonomelli

Ex Ilva: a Roma, parola a Consiglio di Stato e MiSe

I giudici si pronunceranno sulla richiesta di sospensiva per la sentenza Tar, mentre Giorgetti incontra i sindacati

di Redazione siderweb

Ex Ilva, Melucci: «Indietro non si torna»

Il sindaco di Taranto chiede al Governo di convocare il tavolo per l’accordo di programma sulla chiusura

di Redazione siderweb

Stop ex Ilva, Federacciai preoccupata

Banzato: «Il timore è che questo atto possa fermare o rallentare il processo di risanamento e rilancio»

di Davide Lorenzini

Il Tar chiede di spegnere l’Ex Ilva

Sentenza odierna conferma l’ordinanza sindacale: 60 giorni per fermare area a caldo

di Davide Lorenzini
Altre News

Lascia un Commento



“Chi non ha mai commesso un errore non ha mai fatto una scoperta”

Samuel Smiles

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

ArcelorMittal vuole produrre DRI a Dunkerque

MOU con Air Liquide per decarbonizzare degli impianti e soluzioni produttive a base di idrogeno

di Davide Lorenzini

Ex Ilva: «La soluzione non passa dal tribunale»

Così il ministro Giorgetti. I sindacati: ora si completi l’operazione con Invitalia per l’ingresso dello Stato

di Elisa Bonomelli

Ex Ilva: a Roma, parola a Consiglio di Stato e MiSe

I giudici si pronunceranno sulla richiesta di sospensiva per la sentenza Tar, mentre Giorgetti incontra i sindacati

di Redazione siderweb

Ex Ilva, Melucci: «Indietro non si torna»

Il sindaco di Taranto chiede al Governo di convocare il tavolo per l’accordo di programma sulla chiusura

di Redazione siderweb

Stop ex Ilva, Federacciai preoccupata

Banzato: «Il timore è che questo atto possa fermare o rallentare il processo di risanamento e rilancio»

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Acciaio sostenibile 2024

Seconda edizione del report sulla rendicontazione di sostenibilità delle imprese della filiera siderurgica nazionale “corta” (produttori, distributori, centri servizio, commercio rottame e ferroleghe, taglio e lavorazione lamiera).

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: sperimentazione sulla frantumazione per migliorare la qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: sperimentazione sulla frantumazione per migliorare la qualità

Il Consorzio sta installando un secondo impianto in Puglia. Si lavora anche per perfezionare la raccolta