Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Consiglio Europeo: riunione ancora in corso

Dibattito aperto nel vertice che segnerà il futuro dell'Ue. Stimati 2.000 miliardi per il recupero dal Covid

lettura-notizia

Saranno circa 2.000 i miliardi che il piano Ue per il recupero dall’epidemia di Coronavirus dovrebbe riuscire a movimentare.

Sebbene il Consiglio Europeo sia ancora in corso alcune indiscrezioni sono già trapelate contenute in un documento riservato che indica in 320 miliardi l’entità del Recovery fund agganciato al Bilancio Ue 2021-2027 da raccogliere sui mercati finanziari attraverso l’emissione di obbligazioni europee.

Il problema sarebbe però ancora una volta legato alle tempistiche necessarie che stanno dividendo i leader europei. Lo testimonia anche il fatto che la proposta vera e propria di un Piano per la ripresa post coronavirus elaborato dalla Commissione europea arriverà non più il 29 aprile come ci si attendeva, ma dopo il 7 maggio.

Uno degli obiettivi che però il vertice di oggi potrebbe raggiungere è il medesimo rimarcato da presidente del Consiglio Europeo Charles Michel nella lettera di invito, cioè quello di riuscire a «creare e rendere operative le tre reti di sicurezza indicate dall’Eurogruppo entro il 1 giugno». Tre reti di sicurezza che sono finanziamenti dalla Banca Europea per gli Investimenti, una cassa integrazione europea per i lavoratori e l’accesso al Mes senza vincoli per le spese sanitarie.

Positiva la maggiore apertura della Germania, con la cancelliera Angela Merkel che ha dichiarato di essere pronta a dare «contributi molto più importanti al bilancio dell’Unione europea», in piena recessione a causa dell’epidemia del coronavirus. «Un piano europeo di rilancio economico potrebbe sostenere la ripresa nei prossimi due anni e ci lavoreremo». Un maggior contributo che però arriverebbe solo «per un periodo più limitato».

Da capire quanto spazio di manovra quindi lasceranno Olanda, Austria, Svezia e Danimarca, ancora arroccate sulle proprie posizioni contrarie a contrarre un debito comune.


Coronavirus: ripartenza in quattro tappe

La data cruciale per l'industria resta il 4 maggio. Bene anche il Consiglio europeo

di Redazione siderweb

“PANorami”: Consiglio europeo, cosa c’è in ballo

In discussione, oggi, c’è molto del futuro del nostro Paese e forse anche del governo

di Massimiliano Panarari

Al summit di domani del Consiglio europeo l’UE si gioca tutto

Sul piatto non solo il tema degli aiuti ma la sopravvivenza e coesione dell'Unione stessa

di Gianfranco Tosini

Coronavirus: Consiglio europeo, i temi negoziali

L’analisi delle somme in gioco fatta da Gianfranco Tosini in vista del tavolo di confronto del 23 aprile

di Gianfranco Tosini
Altre News

Lascia un Commento



“Mai dire mai, perché i limiti, come le paure, sono solo un’illusione”

Michael Jordan

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Coronavirus: ripartenza in quattro tappe

La data cruciale per l'industria resta il 4 maggio. Bene anche il Consiglio europeo

di Redazione siderweb

“PANorami”: Consiglio europeo, cosa c’è in ballo

In discussione, oggi, c’è molto del futuro del nostro Paese e forse anche del governo

di Massimiliano Panarari

Al summit di domani del Consiglio europeo l’UE si gioca tutto

Sul piatto non solo il tema degli aiuti ma la sopravvivenza e coesione dell'Unione stessa

di Gianfranco Tosini

Coronavirus: Consiglio europeo, i temi negoziali

L’analisi delle somme in gioco fatta da Gianfranco Tosini in vista del tavolo di confronto del 23 aprile

di Gianfranco Tosini

Elezioni Ue: bilanciare ambizione ecologica con sostenibilità economica

L'analisi degli elementi di politica industriale nei programmi delle forze in campo

di Carlo Muzzi
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale wire & Tube 2024

L'edizione 2024 del wire & Tube raccontata attraverso approfondimenti, immagini e interviste agli operatori raccolte in fiera dalla redazione di siderweb.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»
A cura di Federico Fusca

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»

Una sola richiesta: «Uniformare i sistemi di calcolo delle quantità riciclate per raggiungere i target comuni»