Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Ilva: il Governo mette a punto il dossier

La strategia dell’esecutivo si basa su alcuni punti definiti «intoccabili», come produzione e occupazione

Versione stampabile

TARANTO – La sensazione è che per trovare la quadra bisognerà ancora attendere. Dall'incontro di ieri al MiSe tra governo e sindacati sull'ex Ilva (nella foto di testa), non è infatti emersa nessuna grande novità rispetto a quanto trapelato nelle ultime settimane. 

Durante il vertice a cui hanno partecipato anche i commissari straordinari Ilva e il ministro al Lavoro Nunzia Catalfo e il ministro per il Sud Giuseppe Provenzano, il ministro Stefano Patuanelli ha illustrato quegli elementi, che ha definito ”intoccabili”, del piano che il Governo starebbe mettendo a punto per l’ex Ilva, attraverso il consulente Caio presidente di Saipem, con la garanzia che verrà investito per il capoluogo jonico circa un miliardo di euro. 

Questi i punti cardine del piano del Governo: presenza diretta dello Stato nello stabilimento con le forme che sta studiando il Mef; produzione non inferiore a 8 milioni di tonnellate all’anno; utilizzo non solo del carbone, ma anche di forni elettrici con preridotto; accelerazione investimenti e opere ambientali; tutela occupazionale; cassa integrazione nella transizione tra produzione con solo altoforni e produzione con forni elettrici + altoforni (l’aumento produzione negli anni riporterà alla piena occupazione); durata del piano 4-5 anni.

Con quali e quante risorse e a carico di chi, non è ancora ben chiaro. Previsti anche nuovi finanziamenti per il centro storico, il rione Tamburi e il porto. «Vorremmo che lo stabilimento di Taranto diventasse modello di sviluppo per la siderurgia, dando centralità alla garanzia occupazionale, ma anche alle tecnologie ecosostenibili. In questo senso si muove la proposta che prescinde dal nome dell’interlocutore privato che ci sarà», ha dichiarato Patuanelli.

«Abbiamo avviato una trattativa dopo una presa d’atto di inadempienza rispetto agli impegni contrattuali sul Piano produttivo. E prima di fare la battaglia legale del secolo vogliamo provare a trattare per un piano industriale che faccia salva produzione, occupazione e innovazione ambientale», ha invece affermato il ministro del sud e Giuseppe Provenzano. «Ma se questa via non sarà percorribile, e io credo invece che lo sia anche con un eventuale impegno pubblico, non siamo disarmati. Il contratto resta vigente e prevede responsabilità civili per inadempimento e eventualmente penali se si compromettono gli impianti», ha detto Provenzano.

«Il ministero sta studiando diverse norme, ve ne posso anticipare una: un esonero contributivo triennale al 100% per i datori di lavoro che volessero assumere i lavoratori in amministrazione straordinaria e quindi in cassa integrazione», ha invece affermato la titolare del Lavoro, Nunzia Catalfo, parlando dei lavoratori dell’ex Ilva. In generale per l’Arcelor Mittal «c’è un pacchetto di misure che stiamo studiando e – ha spiegato – che sono pronte per essere portate all’ordine del giorno».

Al termine dell'incontro di ieri, la delusione tra i sindacati era palpabile. «Per la Fiom è imprescindibile il rispetto del l’accordo per la piena occupazione, comprensiva dei lavoratori in amministrazione straordinaria. La conferma da parte di Patuanelli dell’ingresso dello Stato nella proprietà, che abbiamo sempre sostenuto, è uno strumento necessario soprattutto considerata l’inaffidabilità di ArcelorMittal», ha dichiarato Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil.

«Il governo ha ribadito di condividere con noi i punti cardine dell’accordo di un anno fa: non un grammo di meno di produzione di acciaio, nessun esubero e poi investimenti sull’ambientalizzazione - ha detto la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan – ma non ci ha ancora mostrato un suo piano industriale, se non queste linee di conferma dei contenuti dell’accordo di un anno fa»

Rocco Palombella, segretario generale Uilm, ha chiarito che «non siamo d’accordo con il piano del governo che prevede migliaia di lavoratori in cigs per 4-5 anni, in aggiunta agli attuali 1800 in amministrazione straordinaria e a quelli dell’indotto. Non crediamo che tutti quei lavoratori torneranno a lavoro dopo questo periodo di ammortizzatori sociali. Prima gli investimenti e poi si potrà parlare di misure transitorie».

ARTICOLI CORRELATI

17 dicembre 2019

Ilva: memoria “cautelare” di ArcelorMittal

Si riferisce al ricorso dei commissari e i legali dell’azienda l’hanno presentata ieri sera al Tribunale di Milano

di Gianmario Leone

17 dicembre 2019

Legge di bilancio: primo «sì» tra le polemiche

Verso un accordo per l’ex Ilva: ArcelorMittal, Cdp e banche alla ricerca di un compromesso per il salvataggio

di Redazione Siderweb

16 dicembre 2019

Jingye prova a rassicurare la Francia

Dopo le tensioni sulla cessione separata di Hayange, il produttore cinese promette investimenti

di Davide Lorenzini

13 dicembre 2019

Ilva: Afo2 spento entro il 17 gennaio

La tempistica è quella prevista dai tecnici incaricati delle operazioni dopo l’ordine del giudice

di Gianmario Leone

13 dicembre 2019

Ilva: la trattativa prosegue

Patuanelli: «il nostro piano è valido anche se fallisce la mediazione con Mittal»

di Redazione Siderweb

11 dicembre 2019

Ilva: «3.500 in cassa integrazione straordinaria»

La richiesta di ArcelorMittal dopo la decisione del Tribunale relativa allo spegnimento dell’altoforno 2

di Gianmario Leone

11 dicembre 2019

Ilva, i sindacati: «Basta parole, ora i fatti»

Ilva: Cgil, Cisl e Uil ribadiscono di essere d’accordo con l’intervento diretto dello Stato

di Davide Cordua
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

20 ottobre 2020

Cdp: due “acceleratori” per imprese

Cassa depositi e prestiti lancia un progetto innovativo: «Far crescere il capitale umano e non solo finanziario»

di Marco Torricelli

20 ottobre 2020

Acciaio: cala l’export di HRC della Turchia

Pesano le misure di difesa imposte dall’Unione europea: la riduzione totale è del 15%

di Marco Torricelli

20 ottobre 2020

Costruzioni: chiari segnali di ripresa del settore

L’Istat: «Ad agosto aumento mensile del 12,9%, che sale al 70,8% nel trimestre iniziato a giugno»

di Marco Torricelli

20 ottobre 2020

Bir: consumo globale di rottame giù del 10,5%

Tra gennaio e giugno calo più forte rispetto alla produzione di acciaio. In Ue -13,3%

di Elisa Bonomelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali