Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Automotive: più fatturato, meno addetti e imprese

L'Osservatorio del Cluster lombardo della mobilità. Anfia: irrealistici gli obiettivi Ue di riduzione delle emissioni

Versione stampabile

MILANO – I fatturati sono aumentati e così le esportazioni, ma l’occupazione è diminuita ed è leggermente peggiorato l’indice di sostenibilità dei debiti finanziari, in particolare in Lombardia. Stando alla terza edizione dell’Osservatorio lombardo della mobilità, basato sui risultati di bilancio 2017, Lombardia, Piemonte ed Emilia-Romagna restano comunque campioni della filiera automotive nazionale. Risultati che sono stati presentati durante il convegno "Le sfide per la filiera lombarda della mobilità – La proposta del Cluster lombardo", organizzato nel pomeriggio di ieri dal Cluster lombardo della mobilità al dipartimento di Meccanica del Politecnico di Milano.

I numeri dell'automotive
Il campione preso in esame da Giuseppe Calabrese, del Cnr-Ircres (Istituto di ricerca sulla crescita economica sostenibile del Consiglio nazionale delle ricerche), comprende 1.612 imprese automotive (592 in Lombardia, 791 in Piemonte, 229 in Emilia-Romagna), in diminuzione dell’8,9% rispetto al 2008.
Quanto al fatturato, in Lombardia è aumentato del 6,6% nel 2017 rispetto all’anno precedente, del 6,7% in Piemonte e del 9,7% in Emilia-Romagna. Più marcata è stata la crescita della porzione generata all’estero. Il Roi è aumentato in tutte e tre le regioni, in particolare in Lombardia (+7,7%), un valore che «non si vedeva da molto tempo» ha specificato Calabrese. Ma il 6,9% delle imprese è risultato avere Mol negativo.
L’occupazione nel 2017 è cresciuta in termini congiunturali, ma è calata in modo sensibile se si prende come riferimento il 2008 (-7,4% in Lombardia, -12,3% in Piemonte e -0,4% in Emilia-Romagna).

Le previsioni per il 2019
In Italia, la diminuzione della produzione di auto è iniziata a novembre 2017. In Germania, la produzione di automobili è in caduta a due cifre da novembre 2018; anno che si è chiuso con un calo tendenziale del 9%, sia per la produzione che per l’export. In Uk, infine, l’output di auto è in contrazione da giugno 2018. In questo contesto, «cali produttivi significativi nel settore auto renderebbero difficili gli investimenti previsti nello sviluppo di powertrain più puliti, così come imposti dal legislatore europeo» ha affermato Marisa Saglietto di Anfia, l’Associazione nazionale filiera automotive.

Tanto più che quest’anno, ha spiegato, persistono tutti i fattori perturbanti del 2018: l’aumento sostenuto della volatilità sui mercati; una possibile Brexit "no deal"; una crisi di fiducia delle imprese e l’incertezza del quadro politico in Italia; le elezioni europee di maggio. A questi vanno aggiunti il timore di possibili dazi sull’export di auto e componenti in USA e «l’imposizione di un quadro normativo e regolatorio in Ue che ha fissato obiettivi di riduzione delle emissioni molto ambizioni entro il 2030 per autovetture, furgoni e camion».

«La riduzione del 37,5% delle emissioni di CO2 delle auto e del 31% dei furgoni entro il 2030, con un target intermedio di un calo del 15% al 2025 rispetto ai valori del 2021 – ha spiegato Saglietto – risulta totalmente irrealistica sulla base della situazione attuale», perché questi obiettivi «non tengono conto delle realtà tecnologiche e socio-economiche e spingono verso una sola direzione: l’elettromobilità, anziché rifarsi al principio della neutralità tecnologica, sancito dalla direttiva Dafi (Deployment of Alternative Fuels Infrastructure, sulla realizzazione di un'infrastruttura per i combustibili alternativi, ndr)». Un approccio più adeguato, secondo Saglietto, sarebbe quello di «guardare all’intera flotta di veicoli, che in Italia ha una media di 11 anni».

 

ARTICOLI CORRELATI

  • Auto: a gennaio perso il 25% di produzione

    L’Anfia commenta il calo del 12% per l’industria automotive certificato dall’Istat

    di Davide Lorenzini
  • Acea: in Ue produzione in calo del 2% nel 2018

    Industria dell’auto in rallentamento lo scorso anno, marcano i produttori europei della filiera automotive

    di Elisa Bonomelli
  • Un piano per l'automotive: risorse e innovazione

    Dai dazi USA sull'auto -0,2% di Pil entro il 2020. Lo studio "Bilancio a 4Ruote" di Anfia e Cassa depositi e prestiti

    di Elisa Bonomelli
  • Altre News

Lascia un Commento



“Le passioni fanno vivere l’uomo, la saggezza lo fa soltanto vivere a lungo”

Sébastien-Roch Nicolas de Chamfort

DOSSIER

Auto elettrica: quale futuro per l'acciaio

Le strategie dei grandi gruppi siderurgici globali che servono l'automotive nelle analisi dell'Ufficio Studi siderweb

17 aprile 2019
Sostenibilità: le strategie dei leader mondiali
Archivio dossier

ULTIME NEWS

MERCATI

Tubi saldati

Possibili aumenti nella seconda parte dell’anno

Inox

Prezzi alla produzione in rialzo

Lamierino magnetico

Ancora in corso le trattative per gli aumenti

Altre analisi

SPECIALI

Speciali

Speciale Made in Steel 2019

La pubblicazione siderweb distribuita durante l'ottava edizione di Made in Steel.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

A cura di Gianni Veronesi

Acciaio per la ricerca scientifica pediatrica

Ricrea ha rinnovato il proprio sostegno alla Fondazione Umberto Veronesi. A fine marzo volontari in piazza

Tecnologie industriali

A cura di Redazione Siderweb

Tubi strutturali Morandi per la casa in acciaio

I tubi strutturali del Centro Servizi di Brescia inaugurano il nuovo spazio dedicato alla community dell’acciaio