Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Gozzi: l'acciaio italiano ha tenuto nel 2022, output di 21,6 milioni di t

Confermati i segnali di moderato ottimismo in questo avvio di 2023

Il presidente di Federacciai conferma, in questo avvio di 2023, il moderato ottimismo che aveva mostrato in chiusura dello scorso anno. 

Ospite del primo webinar dell'anno di siderweb, MERCATO & DINTORNIAntonio Gozzi ha ribadito che l’evoluzione della congiuntura economica «si colloca in una dinamica di raffreddamento di un sistema surriscaldato dalle forti spinte alla crescita viste per tutto il 2021 e nella prima parte del 2022». Un raffreddamento che, però, non implica necessariamente catastrofismi. «Chiaramente fare previsioni con una guerra in corso, di cui non si intravede ancora il temine, non è facile e lo scenario può cambiare in ogni momento. Tuttavia, ci sono elementi che portano all’essere positivi, primo fra tutti il calo dell’inflazione e dei costi energetici, del gas in particolare».

Gozzi ha rimarcato come il calo delle quotazioni del gas potesse essere previsto; sicuramente un inverno mite e un consumo più oculato di famiglie e imprese hanno consentito un minor calo delle scorte, andando a calmiere i prezzi. «Bisogna vedere cosa succederà al momento di ripristinare le scorte – ha precisato -, ma anche in questo caso dipenderà dai consumi».

Nonostante una congiuntura sfidante, il presidente di Federacciai ha sottolineato come la manifattura stia tenendo e anche la produzione italiana abbia chiuso il 2022 con un -11,5% per 21,6 milioni di tonnellate di output. Un gap che però, se si sterilizza il dato dal crollo produttivo dello stabilimento di Taranto, scende al 5%, evidenziando come il sistema abbia tenuto nonostante «un’attività di soli dieci mesi di produzione, se si sommano tutte le pause resisi necessarie per fronteggiare il caro energia con quelle tradizionali».

Tornando al nuovo anno, a preoccupare il presidente di Federacciai sul fronte domanda sarà sicuramente il calo dei consumi legato al termine dei bonus fiscali, anche se dovrebbe essere compensato dalla messa in cantiere delle opere previste dal PNRR che dovrebbe favorire ancora una volta i prodotti lunghi. «Per i piani, più esposti alla competizione internazionale, sarà ancora un anno complicato – ha detto Gozzi -. Mentre il risveglio degli investimenti sul settore oil & gas dovrebbe sostenere i consumi di questa tipologia di prodotti siderurgici».

«Un’ulteriore fronte di preoccupazione rimane sulla competitività internazionale, se non si farà un mercato energetico unico europeo. Attualmente abbiamo un gap competitivo di quasi 100 euro con i francesi, di 50/60 euro con i tedeschi, persino gli svizzeri pagano l’energia meno di noi. Continueremo a ribadire al Governo la necessità di interventi significativi, altrimenti diventerà molto difficile reggere la competizione. Allo stato attuale competitor che sono in Paesi con un bilancio statale migliore rischiano di poter beneficiare di aiuti di Stato che potrebbero minare alla base il mercato unico».

Sul fronte europeo, Gozzi ha espresso perplessità non tanto sugli obiettivi ambientali ribaditi a Davos dalla presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, ma piuttosto sulle metodologie di raggiungimento: «Confido che l’Ue abbandoni l’atteggiamento idealista per uno più realista», ad esempio sul tema del CBAM che, per il presidente, rischia di introdurre un meccanismo ipercomplesso che potrebbe minarne l’efficacia.

Chiudendo il proprio intervento, Gozzi ha ribadito come i siderurgici italiani abbiano dato prova di una lodevole capacità di collaborazione con iniziative come Interconnector, consorzio DRI, consorzio biogas e accordo Federacciai-Ansaldo Energia sul nucleare in Slovenia. «Per rispettare gli obiettivi 2030 di un acciaio a zero emissioni abbiamo bisogno di un base load decarbonizzato, le rinnovabili coprono circa 2.000 delle 8.000 ore di attività annua, il resto dobbiamo riuscire ad ottenerlo da centrali turbogas con captazione delle emissioni e l’import di energia nucleare. Per questo abbiamo avviato l’accordo con Ansaldo».

Un pensiero finale Gozzi l’ha lasciato anche agli imprenditori alle prese con il passaggio generazionale: «Non abbiate paura di mettere i giovani sulla linea del fronte, abbiate fiducia a dare spazio il prima possibile. Lanciamo i ragazzi nella mischia subito, perché è un gesto saggio per la sopravvivenza delle nostre aziende. Loro hanno una capacità migliore di stare al passo con la velocità dei cambiamenti con cui ci confrontiamo ogni giorno. Diamogli fiducia».


20 febbraio 2023

Gozzi: sull'auto, all'Ue serve un approccio più laico

Il presidente di Federacciai rimarca che per la mobilità elettrica sono necessari investimenti carbon-intensive

di Redazione siderweb

1 dicembre 2022

Gozzi: «Per ADI servono almeno 1,5 miliardi di ricapitalizzazione»

Il presidente di Federacciai all'evento di Genova. Augusto Cosulich (Fratelli Cosulich): «Il 2023 non sarà negativo»

di Davide Lorenzini

24 novembre 2022

Gozzi: «Sull’ex Ilva ci si confronti con il socio privato»

Per il presidente di Federacciai l’ipotesi di partecipazioni statali e Finsider appartengono al passato

di Davide Lorenzini

21 novembre 2022

Acciaierie d’Italia: Gozzi, Taranto è asset strategico per il Paese

Così il presidente di Federacciai a Genova. Torna l’ipotesi di intervento transitorio dello Stato

di Elisa Bonomelli

27 ottobre 2022

«Costruire condizioni di competitività per la sopravvivenza del settore»

Gli interventi di Morandi (siderweb), Benso (Assofermet) e Gozzi (Federacciai) a Bilanci d'Acciaio 2022

di Stefano Gennari

14 ottobre 2022

siderweb TG: obiettivo decarbonizzazione

La collaborazione tra acciaierie e I.BLU. Gozzi: nato il consorzio per lo scouting sul DRI

di Elisa Bonomelli
Altre News

Lascia un Commento



“Non puntare a cambiare il mondo, punta a cambiare il tuo mondo di ogni giorno”

Paul Mehis

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

20 febbraio 2023

Gozzi: sull'auto, all'Ue serve un approccio più laico

Il presidente di Federacciai rimarca che per la mobilità elettrica sono necessari investimenti carbon-intensive

di Redazione siderweb

1 dicembre 2022

Gozzi: «Per ADI servono almeno 1,5 miliardi di ricapitalizzazione»

Il presidente di Federacciai all'evento di Genova. Augusto Cosulich (Fratelli Cosulich): «Il 2023 non sarà negativo»

di Davide Lorenzini

24 novembre 2022

Gozzi: «Sull’ex Ilva ci si confronti con il socio privato»

Per il presidente di Federacciai l’ipotesi di partecipazioni statali e Finsider appartengono al passato

di Davide Lorenzini

21 novembre 2022

Acciaierie d’Italia: Gozzi, Taranto è asset strategico per il Paese

Così il presidente di Federacciai a Genova. Torna l’ipotesi di intervento transitorio dello Stato

di Elisa Bonomelli

27 ottobre 2022

«Costruire condizioni di competitività per la sopravvivenza del settore»

Gli interventi di Morandi (siderweb), Benso (Assofermet) e Gozzi (Federacciai) a Bilanci d'Acciaio 2022

di Stefano Gennari
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale Acciaio Ue verso un futuro a emissioni zero

Speciale Acciaio Ue verso un futuro a emissioni zero

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: a Ecomondo con siderweb per parlare di tecnologie green e Cbam
A cura di Stefano Gennari

RICREA: a Ecomondo con siderweb per parlare di tecnologie green e Cbam

Il presidente Rinaldini: «Riciclo degli imballaggi in acciaio oltre l'80%, ecco come consolideremo il risultato»