Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

AST: sulla cessione si «scaldano i motori»

Burelli: «Volumi di produzione record, ma a fronte dei rincari l'obiettivo è salvaguardare la marginalità»

Versione stampabile

Mercato in ripresa, ma attenzione concentrata sul miglioramento della marginalità. Questi gli obiettivi di Acciai Speciali Terni, come confermato dall’amministratore delegato Massimiliano Burelli, ospite del webinar «Fiere per la rinascita. Made in Steel e Lamiera: sinergia vincente per le imprese della filiera allargata».

Intervistato dal direttore generale di siderweb Lucio Dall’Angelo, il manager ha ribadito come anche per una realtà storica e consolidata come AST la partecipazione a eventi fieristici sia particolarmente importante soprattutto dopo la crisi pandemica. «Per noi la partecipazione a Made in Steel è storica – ha detto Burelli - e la possibilità di essere fisicamente dentro ad una fiera consente di riallacciare e consolidare i rapporti interpersonali, un bisogno resosi ancor più necessario dopo la "remotizzazione" del dialogo dovuta ai protocolli di distanziamento legati alla pandemia. Inoltre è un appuntamento che a me piace chiamare “one-stop shop”: in un unico posto si possono incontrare tantissimi clienti e fornitori, dando una vera accelerazione al business».

Passando al mercato, il manager ha evidenziato come la base degli incrementi di prezzo odierni si sia formata proprio durante il lungo lockdown della primavera 2020. «Ciò che abbiamo vissuto è stato il rallentamento importante causato dalla pandemia, che ha portato i distributori a mantenere una posizione corta, riducendo le scorte alla luce dell’incertezza sull’evoluzione futura della congiuntura. Questa tendenza è stata valida fino ad agosto dello scorso anno – ha detto Burelli -. Siamo partiti da un mese di aprile con un -45% della capacità produttiva, per poi arrivare al momento di svolta dello scorso settembre. Quando improvvisamente l’interesse dei clienti è cambiato, sia per il reintegro dei magazzini che per una maggiore domanda dovuta a un miglioramento degli ordini. A questo si è sommato l’effetto dei dazi sui laminati a caldo inox che, riducendo la disponibilità di materiali, ha visto creare un aumento delle quotazioni per carenza di offerta. A ulteriore aggiunta ci si è trovati a dover fronteggiare un aumento del prezzo del rottame inox dovuto ad una sua scarsa reperibilità, legata in parte anche al calo di lavorazioni nel lockdown. Questa congiuntura ci ha portato a dei record produttivi, anche se la marginalità invece non è riuscita ad aumentare proporzionalmente visto il movimento repentino. Per cui la complessità del momento è dovuta a materie prime in continuo rincaro, unite ad un allungamento del portfolio ordini».

Per fronteggiare questa congiuntura, AST ha deciso di valutare extra di lega ed extra rottame che possano coprire almeno in parte le consegne più lunghe.

Un tema che non può restare inesplorato se si parla di AST è quello relativo alla sua cessione: per Burelli una cessione come quella dell’asset umbro potrebbe concludersi nell’arco di 6/9 mesi, salvo osservazioni particolari da parte dell’antitrust Ue. «Tempistiche certe per il momento non ci sono, ma stiamo scaldando i motori e quindi ci si muoverà in tempi relativamente brevi. Stiamo creando un pacchetto di informazioni ambientali il più leggibile e trasparente possibile, per dare il maggior numero di informazioni anche su questo aspetto per evitare una due diligence ambientale che potrebbe portare via dei mesi. Se partiremo a stretto giro, credo che il 2021 potrebbe vedere un nuovo assetto societario» evidenzia il manager, che però non si sbilancia sui conti del nuovo anno.

«L’anno è molto più tonico, ma il problema resta la marginalità. Il nostro obiettivo è certamente quello di superare il risultato 2020».

Per Burelli infine la sfida ambientale deve essere affrontata sia sul fronte delle produzioni, che sul fronte delle performance aziendali. «Per il miglioramento ambientale in termini di prodotto stiamo lavorando soprattutto in ambito automotive e su tre fronti. Il primo è legato ai miglioramenti delle performance dei tubi marmitta. I prossimi 10 anni saranno segnati dall’ibrido, il che vuole dire motori più piccoli, ma con prestazioni sempre più elevate e questo richiede materiali sempre più evoluti. Il secondo ambito che stiamo studiando è quello delle Fuel Cell che ritengo saranno il futuro. Le celle combustibile non richiedono più tubi ma lamelle di acciaio; c’è però da considerare che al posto dei 22 kg dei sistemi di scarico richiedono 40 kg di materiale per auto. Pertanto a fronte della riduzione di una tipologia di fornitura potrebbe aumentarne un'altra, aiutando a mantenere, se non incrementare, la quota totale di business. Infine con un partner americano stiamo lavorando allo sviluppo di acciai ultraresistenziali da impiegare nel processo di alleggerimento dei veicoli. In tutti i casi la sfida è trovare e produrre acciaio dalle elevate prestazioni ma dai costi contenuti».

Sul fronte aziendale invece Burelli ha confermato il proseguimento del progetto per il recupero delle scorie e l’installazione di un nuovo generatore elettrico alimentato dai fumi di acciaieria.


10 marzo 2021

Acciai Speciali Terni compie 137 anni

Il 10 marzo del 1884 nasceva la Società degli Alti Forni e Fonderie e da allora la produzione non si è mai fermata

di Marco Torricelli

12 febbraio 2021

AST Terni: produzione trimestrale importante

279mila tonnellate di “caldo” e 142mila di “freddo”. Confermata la cessione. Sindacati divisi

di Marco Torricelli

28 gennaio 2021

thyssenkrupp: malumori tra gli azionisti

Ad una settimana dall’assemblea generale c’è chi chiede di «tagliare rapidamente i legami con la divisione siderurgica»

di Marco Torricelli

27 gennaio 2021

AST Terni: cambia il direttore di stabilimento

Massimo Calderini si è dimesso spiegando di voler «affrontare una diversa esperienza professionale»

di Marco Torricelli

26 gennaio 2021

Sinergie tra Made in Steel e Lamiera come acceleratore di innovazione

Roda e Gasparini ottimisti sul mercato 2021, anche se cresce l'apprensione sugli approvvigionamenti

di Davide Lorenzini

26 gennaio 2021

«Fiere sicure e indispensabili per l’acciaio»

È quanto ribadito, nel corso del webinar di siderweb, da Paolo Borgio, Alfredo Mariotti ed Emanuele Morandi

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Verso il futuro: acciaio e innovazione

Il viaggio di siderweb per verificare l’impatto delle soluzioni tecnologiche innovative sulle produzioni

ARTICOLI SIMILI

10 marzo 2021

Acciai Speciali Terni compie 137 anni

Il 10 marzo del 1884 nasceva la Società degli Alti Forni e Fonderie e da allora la produzione non si è mai fermata

di Marco Torricelli

12 febbraio 2021

AST Terni: produzione trimestrale importante

279mila tonnellate di “caldo” e 142mila di “freddo”. Confermata la cessione. Sindacati divisi

di Marco Torricelli

28 gennaio 2021

thyssenkrupp: malumori tra gli azionisti

Ad una settimana dall’assemblea generale c’è chi chiede di «tagliare rapidamente i legami con la divisione siderurgica»

di Marco Torricelli

27 gennaio 2021

AST Terni: cambia il direttore di stabilimento

Massimo Calderini si è dimesso spiegando di voler «affrontare una diversa esperienza professionale»

di Marco Torricelli

26 gennaio 2021

Sinergie tra Made in Steel e Lamiera come acceleratore di innovazione

Roda e Gasparini ottimisti sul mercato 2021, anche se cresce l'apprensione sugli approvvigionamenti

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale Materie Prime & Mercato dell'acciaio

La pubblicazione dedicata all’evoluzione congiunturale del 2021

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Riciclo e ricerca: ancora un successo per Ricrea
A cura di Marco Torricelli

Riciclo e ricerca: ancora un successo per Ricrea

Da “Il Pomodoro. Buono per te, buono per la ricerca” oltre 350mila euro a sostegno dell’oncologia pediatrica

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali