Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Ferriera di Servola: termina una storia secolare

Nata sotto l'impero austro-ungarico, è stata sempre protagonista della storia della città di Trieste

Quando venne costruita la Ferriera di Servola – nel 1896 dalla Krainische Industrie Gesellschaft di Lubiana, per la produzione di ghisa e ferrolega destinate a rifornire altri impianti – Trieste era ancora parte dell'impero austro-ungarico che sulla città puntava molto. C'era infatti stata, nel 1857, la costruzione della prima grande ferrovia dell'impero (Südbahn), che la collegava con Vienna, e poi del Porto Nuovo, che portarono ad una rapida espansione del commercio triestino.

undefinedLa storia industriale della città – la prima colata, alla Ferriera, avvenne il 24 novembre del 1897 e la foto, tratta da Wikipedia, è relativa ai primi anni del '900 – si è sempre intrecciata con quella politica e sociale, visto che Trieste, insieme a Trento, fu tra i centri principali dell'irredentismo italiano, che voleva l'annessione all'Italia di quei territori, per lo più abitati da italiani.

Poi, quando alla fine della Prima guerra mondiale, l'impero si dissolse, si avviò una lunga fase che determinò – non senza tensioni di carattere nazionalistico – la situazione attuale, ma nel frattempo Krainische Industrie si ritrovò con tre stabilimenti localizzati in altrettanti territori governati da Paesi diversi: uno nel Regno dei serbi, dei croati e degli Sloveni; uno in Austria e uno – Servola – in Italia.

Una prima svolta si registrò nel 1924, quando la Ferriera fu presa in affitto dalla Società Altiforni e Acciaierie della Venezia Giulia, che la controllò fino al 1931, quando lo stabilimento entrò a far parte di Ilva (che allora era di Iri-Finsider), che avviò una fase di ammodernamento e potenziamento che ne determinò una crescita importante, tanto che nel 1939 a Servola lavoravano 1.670 persone.

Tra gli anni '60 e '80 del secolo scorso, la Ferriera cambiò pelle pelle più volte: nel 1961; in seguito alla fusione di Ilva con Acciaierie di Cornigliano e la nascita di Italsider, che divenne proprietario dell'impianto triestino; l'acciaieria viene dismessa ma si ampliò il reparto fonderia. Nel 1982, lo stabilimento passò ad Attività Industriali Triestine, controllata dalle Acciaierie di Terni a sua volta parte del gruppo Iri-Finsider.

Nel 1988, poi, arrivò la privatizzazione: il gruppo Pittini (unico produttore di pani di ghisa in Italia) divenne il nuovo proprietario ed investì 300 miliardi di lire per riammodernare l'altoforno e costruire una nuova acciaieria a colata continua, ma la crisi del mercato del1993 non gli permise di rientrare dei capitali investiti e la Ferriera, il cui nome era stato cambiato in Altiforni e Ferriere di Servola - AFS S.p.A., venne commissariata e tutti gli impianti, ad eccezione della cokeria, furono fermati.

Nel 1995, per una somma di 53 miliardi di lire, il controllo di tutto venne assunto dal consorzio composto all'80% da Lucchini e per il 20% da Bolmat (Bruno Bolfo – titolare di Duferco – e Vittorio Malacalza) che rimise gradualmente in marcia gli impianti e dando lavoro a 600 persone.

Nel 2002, però, l'acciaieria venne di nuovo chiusa ed a febbraio del 2005 il gruppo russo Severstal acquisì il 62% della Lucchini, arrivando progressivamente fino al 100%.

Il 21 dicembre del 2012, dopo la richiesta di amministrazione straordinaria presentata dalla stessa azienda, il ministero dello Sviluppo economico designò Piero Nardi quale Commissario di Lucchini S.p.A. (e quindi anche della Ferriera di Servola) in amministrazione straordinaria.

ferriera servola alto

Nel 2015, l'impianto - che nella foto vediamo dall'alto, nel frattempo inserito tra quelli facenti parte di “area di crisi complessa” e spesso chiamato «l'Ilva del Nord-Est», non sempre con un'accezione positiva – venne acquisito dal gruppo Arvedi, che sottoscrisse un accordo di programma con le istituzioni per la messa in sicurezza ambientale e la reindustrializzazione dell'intera area.

Il resto è storia di questi giorni: con lo spegnimento – stavolta definitivo – dell'altoforno, che rappresenta un passo epocale, visto che era ormai l'ultimo esistente in Italia oltre a quelli di Taranto, oggi in gestione da ArcelorMittal.


27 agosto 2020

Recovery Plan italiano: ministeri a caccia di soldi

Già arrivate 534 richieste di fondi da parte dei vari dicasteri: in ballo ci sono i quasi 209 miliardi da investire

di Redazione siderweb

26 giugno 2020

Arvedi: via libera alla centrale a gas a Trieste

Il progetto prevede la conversione, nella ex Ferriera di Servola, di un impianto termoelettrico

di Marco Torricelli

24 giugno 2020

Ferriera di Servola: ecco l’accordo di programma

Riconversione industriale e polo logistico nell’area dell’ex altoforno: la gestione al gruppo Arvedi ed a Icop-Plt

di Marco Torricelli

5 giugno 2020

Ex Ilva: cresce l'attesa per il nuovo piano industriale

Previsto in giornata il vertice con il Governo, ma avverrà a porte chiuse

di Davide Lorenzini

15 maggio 2020

Ex Ilva; incontro interlocutorio

Atteso invece per la prossima settimana il testo definitivo dell'AdP per la Ferriera di Servola

di Redazione siderweb

9 aprile 2020

L’addio di Arvedi all’altoforno di Servola

«Questo è uno dei giorni più tristi nella mia lunga vita di lavoro», il commento dell'imprenditore cremonese

di Davide Lorenzini

9 aprile 2020

Coronavirus: governo impegnato su due fronti

L'esecutivo al lavoro per trovare le soluzioni migliori su ripartenza ed Eurobond

di Davide Lorenzini

8 aprile 2020

Servola saluta il suo altoforno

Oggi si chiude la storia lunga 123 anni dell'area a caldo del polo siderurgico triestino

di Redazione siderweb

27 marzo 2020

Ferriera di Servola: avviato lo spegnimento

La Regione: «Possibili “effetti visivi” che però non avranno nessun effetto sulla qualità dell’aria»

di Marco Torricelli

26 marzo 2020

Ferriera di Servola: domani si spegne la cockeria

Si tratta del primo passo della dismissione e riconversione dell'area a caldo dell'impianto triestino

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“La vita più è vuota più pesa”

Alphonse Allais

DOSSIER

Dossier

Made in Steel 2023, ecco gli espositori

Verso la Conference & Exhibition internazionale dell’acciaio: le voci, le attese e i progetti della filiera

ARTICOLI SIMILI

27 agosto 2020

Recovery Plan italiano: ministeri a caccia di soldi

Già arrivate 534 richieste di fondi da parte dei vari dicasteri: in ballo ci sono i quasi 209 miliardi da investire

di Redazione siderweb

26 giugno 2020

Arvedi: via libera alla centrale a gas a Trieste

Il progetto prevede la conversione, nella ex Ferriera di Servola, di un impianto termoelettrico

di Marco Torricelli

24 giugno 2020

Ferriera di Servola: ecco l’accordo di programma

Riconversione industriale e polo logistico nell’area dell’ex altoforno: la gestione al gruppo Arvedi ed a Icop-Plt

di Marco Torricelli

5 giugno 2020

Ex Ilva: cresce l'attesa per il nuovo piano industriale

Previsto in giornata il vertice con il Governo, ma avverrà a porte chiuse

di Davide Lorenzini

15 maggio 2020

Ex Ilva; incontro interlocutorio

Atteso invece per la prossima settimana il testo definitivo dell'AdP per la Ferriera di Servola

di Redazione siderweb
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale wire & Tube 2022

Torna dopo quattro anni con approfondimenti ed interviste lo speciale wire & Tube di siderweb.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio
A cura di Stefano Gennari

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio

Dal 29 settembre torna l'iniziativa di RICREA per spiegare ai cittadini l'importanza della raccolta differenziata