Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Coronavirus: per l’ex Ilva si tratta ancora

Sindacati in Prefettura per chiedere «un assetto di marcia degli impianti a minimo regime»

Versione stampabile

TARANTO – Non è stato risolutivo l’incontro in prefettura tra il Prefetto Demetrio Martino e le organizzazioni sindacali di Fim, Fiom, Uilm e Usb

Nell’incontro i sindacati hanno ribadito le loro richieste: ovvero «un assetto di marcia a minimo regime (salvaguardia impianti) ed inoltre la necessità dello stesso trattamento per i lavoratori delle ditte dell’appalto».

Il Prefetto durante l’incontro, secondo quanto riportato dai sindacati, «ha ribadito che un eventuale assetto di marcia sarà consentito solo per preservare gli impianti assieme all’incolumità dei lavoratori. Inoltre ha preso atto delle nostre rivendicazioni ivi compreso l’abuso delle “comandate” allargate e si è riservato una decisione entro la giornata di domani. Per quanto ci riguarda, la salute dei lavoratori e delle loro famiglie viene prima della produzione», hanno concluso i sindacati, che oggi alle 16 incontreranno nuovamente l’azienda.

In realtà l’ex Ilva non fermerà del tutto i suoi impianti. I motivi risiedono nel dover mantenere in sicurezza degli impianti e nella gestione ambientale del siderurgico. Come sta avvenendo da diversi giorni, la produzione sarà al massimo di 8.500 tonnellate di ghisa al giorno. Un minimo sindacale che permette la gestione della rete che alimenta gli impianti con il gas dei forni, alla quale non può venir meno il bilanciamento di cui ha bisogno, visto che tra l’altro non ha l’autorizzazione integrata ambientale per procedere a metano.

Discorso simile per quanto attiene la gestione delle “comandate”. Regolate dall’accordo del 1989 e riconfermate in quello del 6 settembre 2018, vengono utilizzate in casi eccezionali, ad esempio in presenza di scioperi. Certamente una “comandata” per procedura di raffreddamento non può coprire una situazione emergenziale come quella attuale che rischia di andare anche oltre dieci giorni consecutivi. Dunque anche immaginare di affidarsi solo ad esse è irrealistico. 

ARTICOLI CORRELATI

27 marzo 2020

L'ex Ilva non si spegne. «Si» definitivo del Prefetto

Produttore di letti di ospedale veneto a caccia di acciaio per colpa del decreto "Chiudi Italia"

di Redazione Siderweb

26 marzo 2020

Coronavirus: meccanica ferma al 93%

Per Antonio Gozzi impatto economico disastroso, serve avere le idee chiare su come ripartire

di Redazione Siderweb

25 marzo 2020

Il decreto “cura Italia”: le misure per il mondo del lavoro

L’analisi di Gianfranco Tosini del documento governativo

di Gianfranco Tosini

25 marzo 2020

Coronavirus: la Cina riparte, il mondo frena

Il “Dragone” rialza la testa mentre il resto del pianeta è alle prese con la fase acuta della crisi

di Marco Torricelli

24 marzo 2020

Scenari & Tendenze: «Recessione da coronavirus»

Secondo l'Osservatorio congiunturale quadrimestrale «il Pil potrebbe ridursi di oltre 3 punti percentuali»

di Marco Torricelli

23 marzo 2020

Coronavirus: servono chiarimenti per la siderurgia

L'evoluzione della filiera d'acciao rende complesso capire chi dovrà fermare e chi no

di Davide Lorenzini

23 marzo 2020

Coronavirus: siderweb al fianco della filiera

Come sempre al servizio degli operatori di settore: il punto-video della settimana

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Se non cambiasse mai nulla non ci sarebbero le farfalle”

Anonimo

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

1 aprile 2020

In rosso le borse europee

Inchiodata del manifatturiero in Italia e nella zona euro

di Stefano Ferrari

1 aprile 2020

Coronavirus: ArcelorMittal ferma i cantieri a Taranto

Sono quelli relativi agli interventi per l’attuazione delle prescrizioni dell’Autorizzazione integrata ambientale

di Gianmario Leone

1 aprile 2020

Coronavirus: CNH ferma fino al 17 aprile in Italia

Lo stop doveva durare fino al 3, ma è stato deciso di prolungarlo per altre due settimane

di Marco Torricelli

1 aprile 2020

Caleotto a Feralpi: operazione formalizzata

Dopo il “via libera” dell’Antitrust l’azienda lecchese passa sotto il completo controllo del gruppo

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale 2019 - dodici mesi d'acciaio

Approfondimenti, analisi, prospettive di mercato, il nodo ex Ilva, interviste e prezzi.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Ricrea: torna “Il pomodoro. Buono per te, buono per la ricerca”
A cura di Marco Torricelli

Ricrea: torna “Il pomodoro. Buono per te, buono per la ricerca”

Il consorzio per il riciclo degli imballaggi in acciaio si conferma al fianco della Fondazione Veronesi

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali