Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Conte: «Su Ilva è allarme rosso»

Il premier dopo il vertice con Mittal assicura trattativa h24 per garantire la continuità. Arcelor chiede 5000 esuberi

Versione stampabile

«È scattato l’allarme rosso, l’Ilva sarà l’assoluta priorità del Governo, ce ne occuperemo 24 ore su 24». Lo ha assicurato nella conferenza stampa tenutasi in tarda serata il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Il premier dopo aver riassunto in breve la decisione dell’azienda di procedere al recesso del contratto ha ribadito la posizione dell’esecutivo che è stato assicurato essere compatto sulla vicenda.

«Non riteniamo accettabili le giustificazioni avanzate dall’azienda - ha ribadito Conte - siamo comunque disponibili a fare tutto il possibile per garantire la continuità dell’azienda che riteniamo strategica. Per questo abbiamo dato la disponibilità al ripristino delle tutele legali. Nel corso del confronto però è emerso il vero motivo della decisione di lasciare che è economico. L’azienda è oggi impossibilitata a produrre più di 4,5 milioni di tonnellate e ha prospettato di non essere in grado di garantire i livelli occupazionali con 5000 addetti in esubero. Per noi è una condizione inaccettabile, ma abbiamo lasciato aperto il tavolo e concessi due giorni all’azienda per ripensare la propria decisione e proporci nuove soluzioni».

Conte ha ribadito che domani 7 novembre verranno convocati i sindacati per un nuovo confronto, ribadendo più volte che non ci sono responsabilità imputabili al governo.

«È l’intero Paese che deve reggere l’urto di questa sfida, confido che anche forze opposizione ci supportino», ha concluso passando la parola al ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli.

Il titolare del MiSe ha ribadito «l'importanza strategica del settore siderurgico per il nostro Paese» e garantito «l'impegno massimo dell'intero Governo per la ricerca di una soluzione».

Patuaneli ha poi reso noto che «ArcelorMittal, fin dal 12 settembre, ha detto che il problema vero era la difficoltà di portare avanti il progetto industriale annunciato, stante la capacità produttiva di 4 milioni di tonnellate ed ha anche posto il problema relativo ai 5mila esuberi».

Il ministro ha quindi rimarcato che «non garantendo la continuità produttiva non si rende praticabile il piano di risanamento ambientale. A questo proposito il Governo è disponibile a misure di accompagnamento che possano contribuire al raggiungimento di una soluzione, ma ArcelorMittal ha ribadito che la riduzione di produzione è strutturale e per noi questo è inaccettabile».

Patuanelli ha anche reso noto che l'azienda ha ufficializzato una perdita di due milioni di euro al giorno: «Ci hanno comunicato un dato relativo ad un passivo di 780 milioni su base annua e l'unica cosa di cui sono certo – ha concluso – è che non possono essere i lavoratori a pagare questo prezzo».

ARTICOLI CORRELATI

  • Conte: «Per Ilva serve “Gabinetto di crisi”»

    Il premier a Taranto per toccare con mano la situazione. Lunedì vertice con ArcelorMittal

    di Marco Torricelli
  • Ex Ilva: sul piatto anche il nodo creditori "Marzano"

    Senza i soldi di Mittal salta anche il piano da 1,8 miliardi di risarcimenti legato al contratto di affitto

    di Davide Lorenzini
  • Mattarella, appello sull'Ilva: «Fate presto»

    Fioccano le ipotesi sul dopo Mittal, dalla nazionalizzazione alla cessione a turchi o cinesi

    di Redazione Siderweb
  • Ilva: esuberi e passivo nel braccio di ferro

    La drammatica situazione del polo industriale di Taranto, le intenzioni di ArcelorMittal e del Governo tengono banco

    di Redazione Siderweb
  • Ex Ilva, doppio nodo: scudo penale e stop Afo 2

    Se non si sblocca il sequestro dell'altoforno, anche un nuovo decreto di Protezione legale potrebbe essere vano

    di Davide Lorenzini
  • Gli occhi del mondo puntati sull’ex Ilva

    L’eco dell’abbandono di Taranto di ArcelorMittal anima anche la stampa internazionale

    di Redazione Siderweb
  • Il Tribunale di Milano valuterà la fondatezza del recesso Ilva

    ArcelorMittal ha presentato la richiesta di accertamento prevista dal contratto di affitto in caso si rescissione

    di Davide Lorenzini
  • Altre News

Lascia un Commento



“Ogni mattina noi nasciamo nuovamente. Ciò che decidiamo di fare oggi è ciò che conta davvero”

Buddha

DOSSIER

Auto elettrica: quale futuro per l'acciaio

Le strategie dei grandi gruppi siderurgici globali che servono l'automotive nelle analisi dell'Ufficio Studi siderweb

17 aprile 2019
Sostenibilità: le strategie dei leader mondiali
Archivio dossier

ULTIME NEWS

MERCATI

SPECIALI

Speciali

STEEL HUMAN

Da Made in Steel 2019 innovazione e sostenibilità. Un nuovo paradigma per l’acciaio.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

A cura di Gianni Veronesi

Acciaio per la ricerca scientifica pediatrica

Ricrea ha rinnovato il proprio sostegno alla Fondazione Umberto Veronesi. A fine marzo volontari in piazza

Tecnologie industriali

A cura di Redazione Siderweb

Tubi strutturali Morandi per la casa in acciaio

I tubi strutturali del Centro Servizi di Brescia inaugurano il nuovo spazio dedicato alla community dell’acciaio