Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Ex Ilva: sul piatto anche il nodo creditori "Marzano"

Senza i soldi di Mittal salta anche il piano da 1,8 miliardi di risarcimenti legato al contratto di affitto

Versione stampabile

Oltre alla questione occupazionale, oltre alla questione ambientale, c’è un terzo problema cruciale che apre il recesso del contratto sull’Ilva di ArcelorMittal. Un problema che al momento sembra passare in secondo piano, ma che rischia di avere effetti dirompenti sul tessuto economico italiano, vale a dire il risarcimento dei creditori della procedura di amministrazione straordinaria per il fallimento dell’Ilva ancora in corso.

Gli 1,8 miliardi di euro che ArcelorMittal si era impegnata da contratto a corrispondere per l’acquisto di Ilva erano completamente dedicati al pagamento dei creditori sui 3,91 miliardi di euro accumulati negli anni dall’Ilva e che avevano portato l’azienda in legge Marzano.

Riprendendo la tabella riassuntiva presentata dalla stessa Amministrazione Straordinaria Ilva nel giugno 2017, 300 milioni di euro servivano per ripagare prestito dello Stato ex art.1, comma 3 del decreto legge 191/2015. A questi si aggiungono i 230 milioni di euro del debito ipotecario con ipoteca sugli impianti.

Due provvedimenti che potrebbero riaprire anche una procedura di infrazione dell’Unione Europea per aiuti di stato che proprio la firma del contratto di cessione aveva disinnescato.

Tra gli 1,2 e gli 1,27 miliardi di euro dovevano andare a coprire prededuzione, TFR, e altri debiti privilegiati (ex-Art 2751, n.1 c.c.). Vale a dire i lavoratori, i professionisti e le agenzie che hanno effettuato prestazioni lavorative all’interno dell’azienda.

Per gli altri debitori la cifra a disposizione era compresa tra 70 e 0 milioni di euro.

Una simulazione di rimborso che non si concretizzerà probabilmente più, sulla quale governo e amministrazione straordinaria dovranno andare nuovamente a ragionare.

Secondo quanto risulta a siderweb addirittura ArcelorMittal non avrebbe completato il versameto della prima annualità di cannone di affitto da 180 milioni di euro. Al momento sarebbero state saldate tre rate da 45 milioni di euro per un totale di 135 milioni di euro. Resta ancora da saldare l'ultima tranche che sarebbe sottoposta a contestazione da parte dell’affittuario su mancanze che l'As avrebbe compiuto nei suoi confronti.

undefined

ARTICOLI CORRELATI

11 novembre 2019

Ex Ilva: slitta il vertice Conte – Mittal

Incontro forse domani, il premier al lavoro sulla proposta per far restare la multinazionale siderurgica

di Redazione Siderweb

8 novembre 2019

Conte: «Per Ilva serve “Gabinetto di crisi”»

Il premier a Taranto per toccare con mano la situazione. Lunedì vertice con ArcelorMittal

di Marco Torricelli

8 novembre 2019

Ex Ilva: il premier Conte in arrivo a Taranto

Prosegue lo sciopero da 24 ore proclamato da Fiom e Uilm negli stabilimenti ArcelorMittal Italia

di Davide Lorenzini

8 novembre 2019

Mattarella, appello sull'Ilva: «Fate presto»

Fioccano le ipotesi sul dopo Mittal, dalla nazionalizzazione alla cessione a turchi o cinesi

di Redazione Siderweb

7 novembre 2019

Ilva: esuberi e passivo nel braccio di ferro

La drammatica situazione del polo industriale di Taranto, le intenzioni di ArcelorMittal e del Governo tengono banco

di Redazione Siderweb

6 novembre 2019

Conte: «Su Ilva è allarme rosso»

Il premier dopo il vertice con Mittal assicura trattativa h24 per garantire la continuità. Arcelor chiede 5000 esuberi

di Redazione Siderweb
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

29 maggio 2020

Innovazione: tre importanti interventi per AIC

La tecnologia di Automazioni Industriali Capitanio a supporto di aziende in Italia, Stati Uniti e India

di Marco Torricelli

29 maggio 2020

A Steem for steel. Vince il team di Pomigliano (Na)

L’ideatrice del progetto Raffaella Poggio: «Esperienza formativa per studenti e aziende partecipanti»

di Marco Torricelli

29 maggio 2020

Tregua tra JSW Italy e il comune di Piombino

Incontro chiarificatore dopo lo sfogo del sindaco Ferrari. A marzo spedizioni per oltre 56 mila tonnellate

di Giorgio Pasquinucci

29 maggio 2020

Automotive: Volksvagen investe due miliardi in Cina

Renault invece annuncia un piano di pesanti tagli: risparmi per due miliardi di euro e taglio di 15mila addetti

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

La fase 2 dell'acciaio

I contributi degli analisti di siderweb su lockdown, previsioni e attese per la siderurgia nella fase 2

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Recupero record di imballaggi in acciaio»
A cura di RICREA Consorzio Nazionale Riciclo

RICREA: «Recupero record di imballaggi in acciaio»

Nel primo trimestre del 2020 superate le 40mila tonnellate, con un incremento del 16% rispetto all’anno scorso

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali