Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

L’economia di Francesco, economia del futuro

Il bene della relazione a servizio delle persone per generare valore

Si è conclusa sabato 21 novembre la Davos Francescana, l’evento con cui Papa Francesco ha radunato 2.000 giovani da 120 Paesi del mondo per riscrivere un nuovo paradigma economico basato sulla dignità umana, sulla cura e sui legami, una finanza etica e un’economia che sia al servizio della persona. I giovani hanno risposto con coraggio all’appello e si sono radunati (virtualmente) in un confronto dinamico e stimolante.

«Mi aspetto di tutto da questi giorni» scriveva Luigino Bruni (economista e storico del pensiero economico) a poche ore dall’inizio dell’evento. «Mi aspetto di tutto, sì, perché i giovani sono capaci di tutto». Ispirati a San Francesco, che con il gesto di espoliazione davanti al padre Pietro Bernardone ha scritto una nuova forma di economia, di cui il denaro è strumento per costruire un’economia ricca di significato che non escluda nessuno e che guardi al bene di tutti, anche noi siamo stati chiamati a ragionare su come rendere le nostre imprese e le nostre filiere più sostenibili.

Più inclusive e sociali, per dirla alla Cardinal Turkson (prefetto dicastero dello Sviluppo umano): un’economia sociale, che investa sulle persone, creando posti di lavoro e formazione. «Scopo di un’azienda non è solo la registrazione degli utili - diceva Giovanni Paolo II -, ma il creare una comunità di persone che lavorano insieme verso un obiettivo comune, come la produzione di beni. Questa comunità, che oggi definiremmo community, unisce le persone nella propria essenza ed ognuno può esercitare i propri talenti ed essere riconosciuto come attore nella sua dignità». Lo stesso San Francesco, con il suo gesto rivoluzionario, scelse i beni relazionali.

Quante volte nelle aziende parliamo di innovazione, ma come passare dall’innovazione alla rigenerazione? Il sociologo Mauro Magatti parla proprio di economia generativa come nuova chiave per il futuro. L’agire generativo si compie in tre momenti: inizia con un movimento imprenditivo, il mettere al mondo, trasformando l’intuizione in qualcosa che prende una forma concreta, reale. Si sviluppa poi in una dinamica organizzativa, per poter prendersi cura di ciò che si è messo al mondo, confrontandoci con la realtà e nel nostro rapporto con gli altri. Infine: lasciare andare. Il pensiero generativo è a spirale, non è una curva che aumenta ma uno sviluppo che di generazione in generazione riparte e va sempre avanti. E pensare l’economia generativa significa lavorare per creare le condizioni sociali, istituzionali, affinché avvengano quattro transizioni: formativa (crescita delle persone a cominciare la loro avventura); organizzativa (abbiamo bisogno di organizzazioni più in grado di valorizzare le capacità); comunitaria (comunità aperte plurali che cerchino con ricchezza strade nuove di futuro) ed ambientale (legame tra le generazioni e con tutte le altre forme della vita).

E allora, se guardiamo all’economia di domani, l’Economia di Francesco ha rappresentato il primo tassello, la prima scintilla di un cambiamento che durerà anni e coinvolgerà economisti, imprenditori, studenti, docenti e politici. Con due prerogative.

  1. Lo possiamo fare solo insieme! Il «nessuno si salva da solo» non è solo il richiamo di Papa Francesco ma deve riguardare il nostro prossimo modo di fare community e di confrontarci nelle nostre filiere. «Le conseguenze delle azioni ci toccheranno, pertanto non possiamo rimanere fuori dai luoghi dove si genera il presente e il futuro. O siamo coinvolti, o la storia ci passerà sopra. È tempo di osare il rischio di favorire modelli di sviluppo sostenibili e integrali dove le persone cessino di essere una presenza nominale tecnica o funzionale per diventare protagonisti. In un’economia a servizio degli uomini e delle donne».

  2. Lo possiamo fare se la generatività ci spingerà «verso un nuovo paradigma economico, andando oltre l’homo economicus per abbracciare la fiducia, le relazioni, la squadra; fatta di uomini e donne che vanno oltre la massimizzazione del profitto diventando ricercatori di senso», come sostenuto da Leonardo Becchetti (docente di economia politica). Come lo sguardo femminile potrà valorizzare e migliorare la gestione della “oikos-nomos”, della casa comune? Di questo parlerò questa sera sui canali Youtube del Calabrone con suor Alessandra Smerilli, Economista, Docente di Economia Politica, nominata da Papa Francesco come prima donna a ricoprire il ruolo di Consigliere di Stato della Città del Vaticano.

Dodici i villaggi tematici che hanno tenuto vivo il confronto nato nell'alveo della Economy of Francesco – e continueranno a farlo: lavoro e cura; management e dono; finanza e umanità; agricoltura e giustizia; energia e povertà; profitto e vocazione; policies for happiness; CO2 della disuguaglianza; business e pace; Economia è donna; imprese in transizione; vita e stili di vita. Dodici le richieste, i punti del patto di Assisi che i giovani rivolgono ai governanti e ai decisori

«Tutto ciò lo chiediamo prima di tutto a noi stessi e ci impegniamo a vivere gli anni migliori delle nostre energie e intelligenze perché l’Economia di Francesco sia sempre più sale e lievito dell’economia di tutti». Anche nell’acciaio.


Recovery Fund. Gualtieri: «Via libera entro l’anno»

Per il ministro dell’Economia potrebbe giungere prima di Natale: «Polonia e Ungheria sbagliano»

di Marco Torricelli

Ex Ilva. Gualtieri: «Priorità per il Recovery Plan»

Il ministro dell’Economia: «Puntare su preridotto e idrogeno, con ArcelorMittal o altri interlocutori»

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“La critica è indulgente coi corvi e si accanisce con le colombe”

Decimo Giunio Giovenale

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Recovery Fund. Gualtieri: «Via libera entro l’anno»

Per il ministro dell’Economia potrebbe giungere prima di Natale: «Polonia e Ungheria sbagliano»

di Marco Torricelli

Ex Ilva. Gualtieri: «Priorità per il Recovery Plan»

Il ministro dell’Economia: «Puntare su preridotto e idrogeno, con ArcelorMittal o altri interlocutori»

di Marco Torricelli

Acciaio: transizione ecologica tra materie prime, mercato e CBAM

Il 9 novembre a Ecomondo l’evento siderweb–RICREA dedicato al futuro dell’acciaio a zero emissioni

di Redazione siderweb

Piombino apre le porte al progetto Metinvest-Danieli

Stamattina il consiglio comunale con l’ad di Metinvest Adria Luca Villa e il vicepresidente di JSW Italy Marco Carrai

di Giorgio Pasquinucci

Regesta: cambio di paradigma con la generative AI

Il punto con la nuova coordinatrice commerciale del gruppo, Francesca Solazzi

di Redazione siderweb
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale Congiuntura 2023

Produzione, commercio, prezzi: le analisi dei dati e dell'andamento dell'acciaio nel 2023 a cura dell'Ufficio Studi siderweb.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»
A cura di Federico Fusca

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»

Una sola richiesta: «Uniformare i sistemi di calcolo delle quantità riciclate per raggiungere i target comuni»