Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Coronavirus: impatto sulla filiera ancora nebuloso

Diverse le posizioni delle associazioni di categoria della filiera. ANCE la più dura nei confronti dell'esecutivo

Versione stampabile

L’impatto dell’epidemia di coronavirus sulle aziende rimane ancora molto confuso. Difficile dare una lettura unitaria di quanto accada o possa accadere anche confrontando le posizioni di alcune associazioni di categoria della filiera siderurgica.

«Per Federacciai la linea è chiara – ribadisce il direttore dell’associazione Flavio Bregant -. Le aziende che possono garantire i criteri di sicurezza richiesti dal governo possono continuare a produrre. Ovviamente vi sono gli opportuni distinguo, come evidenziato dalle numerose chiusure annunciate negli ultimi giorni. Anche il clima in fabbrica tra i lavoratori è un elemento chiave per questo ogni azienda decide sulla base delle proprie caratteristiche. Resta il fatto che la nostra linea generale non cambia».

Mentre la partita nazionale viene gestita da Confindustria nazionale, Federacciai sta invece affrontando confrontandosi con il titolare del MiSe Stefano Patuanelli la spinosa questione dell’interrompibilità.

«Ci stiamo confrontando con il ministro perché le fermate resesi necessarie a seguito dell’epidemia possano rientrare nelle clausole di forza maggiore previste, per far si che anche Terna possa leggere la situazione con un certo grado di flessibilità».

La struttura di Federacciai invece, come più volte ricordato, sta operando al 100% in smart working ed è stato persino calendarizzato un consiglio di presidenza completamente in teleconferenza.

Altre associazioni di categoria come Assofond, in attesa di maggiori chiarimenti sul fronte istituzionale hanno messo a disposizione dei propri associati una circolare esaustiva con i testi di legge e ne indicazioni pratiche di quali comportamenti poter mettere in atto per continuare a produrre.

L’incontro in teleconferenza di oggi da parte del premier Giuseppe Conte con i sindacati ha dato anche risposta ad una delle questioni rimaste aperte nella nota, vale a dire l’intervento della protezione civile per sbloccare per i lavoratori le forniture di DPI necessari a svolgere le varie mansioni, in particolare le mascherine facciali monouso con filtro omologato.

Più polemica invece ANCE che ribadisce per voce del proprio presidente Gabriele Buia come «nel rispetto delle indicazioni contenute nel Dpcm dell’11 marzo e vista l’impossibilità di assicurare in tutti i cantieri le indispensabili misure di sicurezza e di tutela della salute dei lavoratori con grande senso di responsabilità ci troviamo costretti a chiedere un provvedimento che consenta di poter sospendere i cantieri, fatte salve le situazioni di urgenza ed emergenza. Dobbiamo prendere atto che non ci sono le condizioni per poter proseguire».

Una decisione presa a malincuore: «Avremmo voluto resistere e andare avanti il più possibile ma alla fine dobbiamo prendere atto della situazione – spiega con amarezza Buia -. Una richiesta grave e inedita per uno dei principali settori economici del Paese che si è resa necessaria in questi difficili giorni, viste le difficoltà di proseguire senza esporre imprese e lavoratori a rischi non gestibili. L’organizzazione del cantiere, infatti, in troppi casi non consente di conciliare la prosecuzione dei lavori con le nuove disposizioni stabilite nell’ultimo Dpcm».

Tra le difficoltà segnalate in questi giorni dal sistema Ance su tutto il territorio nazionale, si evidenzia: «impossibilità di reperire dispositivi di protezione individuale; impossibilità di assicurare servizi di trasporto, vitto e alloggio agli operai in trasfertarespingimenti ai posti di blocco del personale e dei materiali diretti ai cantieri, subappaltatori, fornitori e personale della committenza che non si presenta nei luoghi di lavoro». 

Al Governo ANCE chiede quindi di: ampliare i limiti e le possibilità di utilizzo degli ammortizzatori sociali ai lavoratori del settore di tutto il territorio nazionale per l’anno in corso; sospendere tutti gli adempimenti e versamenti tributari, previdenziali, assistenziali e di qualsiasi altro genere in scadenza; garantire liquidità alle imprese con una moratoria effettiva e automatica di tutti i debiti e attivare immediati pagamenti per i cantieri che si fermeranno.
 
Provvedimenti necessari secondo i costruttori italiani per «poter tornare quanto prima a lavorare per far crescere il nostro Paese più forte di prima» conclude il presidente Buia.

 

ARTICOLI CORRELATI

17 marzo 2020

“PANorami”: Unione europea alla prova-coronavirus

L’appuntamento con l’attualità nella video-rubrica curata da Massimiliano Panarari

di Massimiliano Panarari

16 marzo 2020

Coronavirus: il punto sulle fermate

Non è da escludere che la lista si allunghi se si fermeranno anche gli utilizzatori

di Davide Lorenzini

16 marzo 2020

Coronavirus: BIR rinvia la Convention sul riciclo

Il Bureau of International Recycling ha deciso di posticiparla ad ottobre: resta invariata la sede di Istanbul

di Marco Torricelli

16 marzo 2020

Coronavirus: FCA ferma in quasi tutta Europa

Tutte le controllate del gruppo nel Vecchio Continente interrompono la produzione fino al 27 marzo

di Marco Torricelli

16 marzo 2020

Coronavirus: AST Terni riprende la produzione

Gli impianti sono stati fermi per quattro giorni: effettuati interventi di sanificazione e pulizia

di Marco Torricelli

16 marzo 2020

Borse in picchiata, scivola lo Steel Stock Index

Perdite ingenti su tutti i fronti e, per alcuni mercati, la peggiori mai riscontrate. Male le italiane Tenaris e Danieli

di Paola Zola

16 marzo 2020

Materie prime: paura per la ripartenza della Cina

Il riavvio del dragone potrebbe mantenere elevati i prezzi delle commodities penalizzando chi è in emergenza coronavirus

di Redazione Siderweb

13 marzo 2020

Coronavirus, Andrea Gabrielli: «Andiamo avanti»

L’imprenditore veneto è tra quelli orientati a proseguire con la produzione. Ma nella regione ci sono voci diverse

di Marco Torricelli

13 marzo 2020

Il conto del coronavirus

Dalla borsa al PIL, tutto il mondo subirà gli effetti del contagio

di Stefano Ferrari

13 marzo 2020

Coronavirus: ancora fermate per l’acciaio

Feralpi ferma Lonato dal 16 marzo, Lucchini Rs spegne a Lovere e Cividate Camuno

di Redazione Siderweb

10 marzo 2020

Coronavirus: Federacciai situazione sotto contollo

Collaborazioni con Eurofer e Business Europe per rassicurare i partner commerciali esteri

di Davide Lorenzini

5 marzo 2020

Coronavirus, Alessandro Banzato: «Temo recessione»

Il presidente di Federacciai chiede «una grande stagione di investimenti pubblici e abbattere la burocrazia»

di Davide Lorenzini

26 febbraio 2020

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

di Redazione Siderweb
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

26 maggio 2020

Eurofer: plauso il piano di rilancio ma serve il sostegno all'acciaio

L'associazione fiduciosa sul programma della Commissione Ue ma chiede più tutele alle importazioni

di Davide Lorenzini

26 maggio 2020

Coronavirus. Anghileri: «Domanda ancora debole»

La giovane COO del centro servizi Eusider: «Le risorse promesse non sono ancora arrivate alle imprese»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

AST Terni. La Fiom: «Serve partner mondiale»

Il sindacato: «Guardiamo con favore a qualunque aiuto di Stato, ma siamo contrari a soluzioni preconfezionate»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

Acciaio & Sostenibilità. Le persone al centro della comunicazione

Il racconto di Paolo Morandi (siderHUB), Isabella Manfredi (Feralpi Group) e Roccandrea Iascone (RICREA)

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

La fase 2 dell'acciaio

I contributi degli analisti di siderweb su lockdown, previsioni e attese per la siderurgia nella fase 2

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid
A cura di Davide Lorenzini

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid

Fusari, direttore RICREA: «Vissuti due mesi di tensione ma il sistema ha tenuto. Nel 2019 riciclo oltre l'80%»

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali