Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Addio Section 232: più export per l’Europa

Potenzialità per un milione di tonnellate di vendite all’anno

Translated by Deepl

La Section 232, per l’Ue, rappresenta ormai il passato. Ma qual è stato l’impatto di questa misura sul commercio tra Unione europea e USA? E quali sono le possibilità che si aprono per le esportazioni di acciaio verso gli Stati Uniti? A queste due domande ha cercato di rispondere Stefano Ferrari (responsabile dell’Ufficio Studi siderweb) durante il webinar organizzato da siderweb "Section 232 addio: una nuova era per l’acciaio".

Il punto di partenza del ragionamento di Ferrari è stata la media storica dei commerci tra le due aree nell’ultimo decennio, dal 2012 al 2021. «Le esportazioni europee in USA si possono dividere in due distinti periodi: prima dell’applicazione della 232 (2012-2017) e la durante l’applicazione della 232 (2018-2021). Nel primo periodo la media delle vendite europee in USA è stata di 4,4 milioni di tonnellate, con il picco di 5,2 milioni di tonnellate nel 2014». Dopo l’applicazione della norma, invece, si è scesi a 3,4 milioni di tonnellate annue, con una perdita di 1 milione di tonnellate annue. Di queste, 425mila tonnellate riguardano acciai al carbonio, 300mila tonnellate i tubi, 140mila tonnellate l’inox e 115mila tonnellate gli acciai speciali. In termini geografici, considerando le performance dei maggiori quattro produttori europei di acciaio, si nota che la Francia è il Paese che ha perso di più in termini percentuali, con un -51% nel periodo 2018-2021 rispetto al periodo 2012-2017, mentre la Germania ha ceduto il 36,1%, l’Italia il 27,6% e la Spagna il 19,8%.

Per quanto concerne il nostro Paese, la perdita di volumi conseguente all’introduzione della Section 232 è stata di circa 150mila tonnellate annue. Di queste, 40mila sono state appannaggio dell’acciaio al carbonio, 55mila dell’acciaio inox, 40mila dei tubi e 16mila degli acciai speciali. «Entrando più nel dettaglio, per l’Italia si notano, a fianco di una generale diminuzione dei volumi, alcune situazioni peculiari. In positivo si segnalano le esportazioni di barre a caldo, decuplicate nonostante la Section 232, di vergella inox (+180%) e di fili di acciaio al carbonio (+170%), mentre di contro sono collassate le vendite all’estero di coils a caldo (-91%), lamiere a caldo e a freddo (-94%), coils rivestiti (-97%), vergella in acciai speciali (-98%), rotaie (-99%) e vergella di acciaio al carbonio (-100%)».

«Sicuramente la rimozione della Section 232 è un elemento positivo per la siderurgia europea – ha concluso Ferrari -, forse però più per gli effetti indiretti di questa decisione che per quelli diretti. Per le esportazioni dirette, se saranno confermati i volumi storici, lo spazio di crescita dovrebbe essere di circa 1 milione di tonnellate annue per l’Ue e di 150mila tonnellate per l’Italia. Il nostro Paese, infine, dovrà lavorare soprattutto per recuperare il terreno perso sui piani e sull’inox, mentre i tubi e i lunghi hanno retto meglio».


9 febbraio 2022

Il futuro dell’industria siderurgica europea (1)

Il percorso dell'acciaio "made in Eu" verso la sostenibilità economica e ambientale

di Gianfranco Tosini

8 febbraio 2022

Federacciai: «Il CBAM ha tre elementi di criticità»

Appello al governo per interventi strutturali di politica energetica

di Davide Lorenzini

8 febbraio 2022

Webinar siderweb: «Il CBAM è da migliorare»

Paolo Sangoi (Assofermet): «Nessuna rivoluzione dopo l’eliminazione della Section 232»

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Una vita vera sarà quella che sa attraversare il suo tempo”

Maria Zambrano

DOSSIER

Dossier

Made in Steel 2023, ecco gli espositori

Verso la Conference & Exhibition internazionale dell’acciaio: le voci, le attese e i progetti della filiera

ARTICOLI SIMILI

9 febbraio 2022

Il futuro dell’industria siderurgica europea (1)

Il percorso dell'acciaio "made in Eu" verso la sostenibilità economica e ambientale

di Gianfranco Tosini

8 febbraio 2022

Federacciai: «Il CBAM ha tre elementi di criticità»

Appello al governo per interventi strutturali di politica energetica

di Davide Lorenzini

8 febbraio 2022

Webinar siderweb: «Il CBAM è da migliorare»

Paolo Sangoi (Assofermet): «Nessuna rivoluzione dopo l’eliminazione della Section 232»

di Marco Torricelli

8 febbraio 2022

Addio Section 232: più export per l’Europa

Potenzialità per un milione di tonnellate di vendite all’anno

di Redazione siderweb

10 maggio 2022

Francia: possibilità su tubi e lunghi

L’analisi di Ferrari (Ufficio Studi siderweb). De Moura Fernandes (Coface): per l'economia «outlook abbastanza negativo»

di Redazione siderweb
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale 2022

Una riflessione sull'anno appena passato per affrontare insieme le sfide del prossimo futuro.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio
A cura di Stefano Gennari

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio

Dal 29 settembre torna l'iniziativa di RICREA per spiegare ai cittadini l'importanza della raccolta differenziata