Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Ex Ilva: attesa per la decisione del Prefetto di Taranto

In scadenza l'autorizzazione alla produzione per stoccaggio del materiale. Nuovo pronunciamento in arrivo

Versione stampabile

TARANTO - Tutti attendono la nuova decisione del Prefetto di Taranto, Demetrio Martino, sull’ex Ilva di Taranto. Oggi infatti scade il decreto prefettizio dello scorso 26 marzo, con il quale il prefetto aveva concesso ad ArcelorMittal di restate operativa ma con l'attività produttiva al minimo e non più di 5500 lavoratori giornalieri all'interno del siderurgico spalmati sui tre turni, ma impedendole di commercializzare il prodotto realizzato. Un controsenso dell'attività di impresa, che ha lasciato molti perplessi. 

Per questo la società, già lo scorso 16 marzo, ha inviato una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, al ministro allo Sviluppo economico Stefano Patuanelli e al ministro all’Ambiente Sergio Costa, oltre che ai commissari straordinari di Ilva in AS, a firma del presidente e amministratore delegato di ArcelorMittal Italia Lucia Morselli, che richiamava una prima missiva inviata il 24 marzo dove quest'ultima definiva talmente grave la situazione della società da richiedere al governo «un sostegno urgente».

La Morselli nella lettera ricorda che «all’indomani dell’emanazione del Dpcm del 22 marzo, abbiamo informato il Prefetto di Taranto del fatto che avremmo continuato a produrre una ridotta quantità di acciaio a Taranto, poiché l’impianto a ciclo integrato non può essere spento improvvisamente».

Oltre a ricordare «la sospensione della produzione a fini commerciali sino al 3 aprile e che l’attuale assetto dello stabilimento necessario a salvaguardare l’integrità delle installazione e a prevenire maggiori rischi incidenti rilevanti, che ha previsto non più di 5500 lavoratori all’interno del siderurgico spalmati sui tre turni, con 3500 diretti e 2000 dell’appalto».

«Se la nostra lettura dell’Ordinanza è corretta - scrive ancora la Morselli - sino a quando la stessa sarà in vigore non potremmo vendere le bramme d’acciaio prodotte, prima e dopo l’ordinanza, e ciò anche a fronte di una domanda di mercato per la nostra ridotta produzione».

E quindi, «pur continuando a sostenere tutti i costi legati alla produzione e alla gestione dello stabilimento Ilva, non saremmo in grado di realizzare alcun ricavo dalla vendita di quanto prodotto». Il che «aggrava ulteriormente le drammatiche conseguenze economiche e finanziarie alla nostra società prodotte dalla pandemia e dalle relative misure adottate dal governo».

Di conseguenza, conclude la Morselli, «è nostro dovere informarvi che qualora la nostra lettura dell’ordinanza fosse corretta e la stessa ordinanza dovesse essere prorogata, saremo costretti a prendere in considerazione tutte le misure per salvaguardare la nostra società, compreso l’avvio delle operazioni di messa in stand-by dell’intera area a caldo dello stabilimento di Taranto, nonché la collocazione in cassa integrazione di tutta la forza lavoro il cui impiego non è necessario per svolgere tali operazioni. Ribadiamo, quindi la nostra richiesta di discutere quanto prima la situazione venutasi a creare».

Secondo quanto trapela da fonti ben informate, per oggi il prefetto non dovrebbe assumere nessuna decisione. Potrebbe emanare un nuovo decreto nella giornata di domani, che potrebbe confermare quanto previsto dal precedente, oppure potrebbe consentire ad ArcelorMittal di riprendere la regolare commercializzazione pur chiedendo una marcia minima degli impianti dell'area a caldo.

ARTICOLI CORRELATI

7 aprile 2020

Coronavirus: prosegue il confronto sulla sicurezza all'ex Ilva

In arrivo nuovi DPI e controlli alle portinerie. Quattro gli impianti attualmente operativi

di Gianmario Leone

6 aprile 2020

Coronavirus: ok alle attività commerciali per l'ex Ilva

Il Prefetto di Taranto modifica la precedente decisione e consente all'azienda di procedere con le vendite

di Gianmario Leone
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

26 maggio 2020

Eurofer: plauso il piano di rilancio ma serve il sostegno all'acciaio

L'associazione fiduciosa sul programma della Commissione Ue ma chiede più tutele alle importazioni

di Davide Lorenzini

26 maggio 2020

Coronavirus. Anghileri: «Domanda ancora debole»

La giovane COO del centro servizi Eusider: «Le risorse promesse non sono ancora arrivate alle imprese»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

AST Terni. La Fiom: «Serve partner mondiale»

Il sindacato: «Guardiamo con favore a qualunque aiuto di Stato, ma siamo contrari a soluzioni preconfezionate»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

Acciaio & Sostenibilità. Le persone al centro della comunicazione

Il racconto di Paolo Morandi (siderHUB), Isabella Manfredi (Feralpi Group) e Roccandrea Iascone (RICREA)

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

La fase 2 dell'acciaio

I contributi degli analisti di siderweb su lockdown, previsioni e attese per la siderurgia nella fase 2

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid
A cura di Davide Lorenzini

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid

Fusari, direttore RICREA: «Vissuti due mesi di tensione ma il sistema ha tenuto. Nel 2019 riciclo oltre l'80%»

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali